19.8 C
Pisa
domenica 9 Maggio 2021

Palaia, Antonella Scocca: Primo maggio che non c’è

La festa del lavoro senza festeggiati, inizia così la riflessione posta dalla consigliera della lista civica “Noi un’altra storia per Palaia” all’opposizione, Antonella Scocca. Il contenuto riportato nel documento stampa pone l’accento sul Primo Maggio festa dei lavoratori ed i giorni avvenire in relazione alla conseguenza che il coronavirus sta creando nel mondo del lavoro:

“La Festa del Lavoro quest’anno – scrive Scocca – è avvolta in un’atmosfera particolare. Il contagio del Covid-19. Non c’è molto da festeggiare. Casomai, c’è parecchio da ricordare . Ricordiamoci di tutti coloro che hanno perso la vita svolgendo la loro professione. A loro ,e solo a loro ,va il mio commosso pensiero e la mia rabbia perché molte di queste morti potevano essere evitate.

“Ricordiamoci di  tutto il Personale Sanitario, dell’Arma dei Carabinieri e del Corpo di Polizia,  costretti in condizioni rischiose e difficilissime a svolgere il proprio lavoro, con un trattamento economico davvero modesto. Ricordiamoci dei volontari che, silenziosamente, stanno assistendo i “nuovi poveri”, frutto di attività commerciali  che non riusciranno mai più a riaprire. La dedico a tutti i lavoratori dal futuro incerto , attanagliati dal dramma della cassa integrazione e di tutti gli imprenditori angosciati dalle incognite legate alla riapertura, ai danni commerciali ed economici, ai problemi di finanziamento ed alle pastoie burocratiche”.

“Il principio di precauzione con il quale il nostro Governo sta gestendo questa emergenza sanitaria, si stà trasformando in una mannaia calata sulle nostre vite: stiamo sopportando forti limitazioni di libertà costituzionalmente garantite ( libertà  di movimento, di culto, di manifestazione ). Il diritto dell’esercizio del voto è di fatto sospeso: numerose elezioni regionali e locali sono rinviate ( a quando ?) Non so quanto tutto questo fosse necessario e mai, in questi due mesi,  siamo stati messi in grado di capire”.

“Le numerose e contrastanti informazioni, – si riporta nel documento stampa di Antonella Scocca –  attraverso media e social, generano solo puro terrore e, pertanto ci privano della facoltà di essere correttamente aggiornati. Come posso partecipare al destino del mio Paese se non conosco la sua vera condizione? Il 4 Maggio inizierà la riapertura totale o parziale delle attività produttive e l’allentamento dei vincoli alla mobilità individuale. Io sono fra  coloro che ritengono vitale  procedere in questa direzione al  più presto possibile”.

“Tamponi, test su siero, distanziamento e  norme di comportamento sono le modalità con le quali dovremo imparare a convivere , altrimenti, il costo di questo lockdown rischierà di superare i benfici che ha portato all’inizio. Se cosi non avvenisse , siamo destinati al completo tracollo, attraverso un effetto domino che distruggerà i comparti che mantengono  in piedi il nostro Paese. Non cerchiamo punti di riferimento negli uomini che stanno guidando questo Paese, perché non sono uomini con una tale capacità. Stiamo pagando  i loro errori in termini di vite e di crisi economica”.

“Non abbiamo bisogno di prestiti che vadano ad incrementare un  nuovo debito ma una riduzione drastica delle tasse; non si azzardino a propinarci ancora austerità ma abbiano il coraggio di parlare di flessibilità; non vogliamo altre misure assistenziali ma investimenti che rilancino le nostre imprese. Solo così questa crisi – conclude il documento della lista civica di Noi un’altra storia per Plaia – potrà diventare davvero un punto di svolta altrimenti ci aspetta solo un futuro di macerie”.

Ultime Notizie

Ennesimo furto al negozio H&M in Corso Italia: rubati un paio di pantaloni

PISA. Nel tardo pomeriggio di venerdì 7 maggio una volante della Questura di Pisa è intervenuta in Corso Italia, dove il servizio di vigilanza...

Vaccinazioni in Toscana, obiettivo 30mila dosi al giorno

Il presidente della Toscana, Eugenio Giani, a margine di un evento a Bagno a Ripoli, tenutosi nel pomeriggio di ieri, fa il punto della...

I sindaci scendono in passerella per il progetto ”Desk Valdera”

Domani, lunedì 10 maggio 2021, alle ore 11:00, sulla passerella pedonale che collega al villaggio scolastico superiore, i sindaci della Valdera presenteranno il progetto...

Violenza sulle donne, la famiglia Simonelli dona 3 panchine rosse a Ponsacco

PONSACCO. Attraverso la propria pagina Facebook, la sindaca di Ponsacco, Francesca Brogi, ci ha tenuto a ringraziare la famiglia Simonelli."Grazie alla famiglia Simonelli che...

Covid-19: nel Comune di Calcinaia 44 persone attualmente positive

CALCINAIA. Il Comune di Calcinaia torna ad aggiornare i suoi cittadini sull'attuale andamento epidemiologico sul territorio. Come sappiamo, collocandoci in zona gialla, l'indice Rt...

Ufficiale: via libera alle visite nelle Rsa

''Finalmente potremo cominciare a colmare quel vuoto affettivo e di relazioni imposto dal Covid per gli anziani delle Rsa e per le persone con...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...