12.5 C
Pisa
martedì 18 Maggio 2021

Tra mini-proroghe e riaperture graduali, ecco cosa potrebbe attenderci dal nuovo decreto post Pasqua

Che cosa succederà dopo Pasqua con la scadenza delle regole anti-Covid del 6 aprile? È questa la domanda che ormai molti italiani si stanno ponendo in questi giorni. 

Il Dpcm varato da Mario Draghi lo scorso 2 marzo, così come quello emanato circa 10 giorni dopo per contrastare la terza ondata e disporre di nuove restrizioni in vista delle festività pasquali, scadrà il 6 aprile. Dopo quella data servirà dunque un nuovo provvedimento e, secondo le intenzioni dell’esecutivo, stavolta si tratterebbe di un decreto legge e non di un Dpcm. 

Le prime voci sembrano confermare il sistema regionale dei colori e delle varie fasce di rischio. Tale decreto sembrerebbe inoltre indicare un primo segnale verso nuove aperture, sebbene tra i vari ministri molti si dicono convinti che le limitazioni agli spostamenti e la chiusura di tante attività economiche e dei pubblici esercizi debbano essere prorogate per almeno una o due settimane dopo le vacanze pasquali. Unica eccezione sempre poter essere la riapertura delle scuole, almeno fino alla prima media, anche in zona rossa. Una valutazione delicata che lo stesso premier intende fare soltanto la prossima settimana guidato dalla curva dei contagi e con dati aggiornati alla mano. 

Nel frattempo il Governo porta avanti il discorso legato alla campagna vaccinale. Il piano deve esser reso più uniforme a livello nazionale e l’obiettivo è che tutte le Regioni d’Italia vadano di pari passo, soprattutto per quanto riguarda i criteri di vaccinazione e le categorie a cui somministrare prima le dosi. Al di là dell’ipotesi della mini-proroga, comunque, la cui conferma è ancora lontana, al vaglio un decreto che cambi in parte le misure attuali ma senza nessun stravolgimento, se non quello di una graduale riapertura che possa finalmente farci tornare alla “normalità”, con cautela e senza bruciare le tappe. Proprio il ministro Roberto Speranza, ospite da Mara Venier a Domenica In, si è detto ottimista per i prossimi mesi: “Credo ci siano le ragioni per guardare alle prossime settimane con più fiducia, ma adesso dobbiamo mantenere le zone rosse e arancioni, che sono misure indispensabili. Sono sicuro che poi tra la fine della primavera e l’arrivo dell’estate vedremo un miglioramento significativo. Avremo un’estate diversa da questi giorni con pesanti restrizioni. Non ci sarà un giorno ‘X’ in cui tutto scompare ma con l’arrivo dei vaccini i problemi più grandi potranno essere superati”.

L.C.

Se domani vi chiamassero per il vaccino AstraZeneca, che cosa fareste?

  • Mi farei vaccinare, uno vale l'altro (60%, 383 Votes)
  • Mi farei vaccinare, ma avrei paura (20%, 130 Votes)
  • Non mi presenterei (20%, 126 Votes)

Voti totali: 639

Loading ... Loading ...

Ultime Notizie

Calcinaia, un arcobaleno contro l’odio e le discriminazioni

Il Comune di Calcinaia celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. La sera di Lunedì 17 Maggio il Palazzo Municipale sarà...

Cascina: incidente in FiPiLi, fino a 7 km di coda

Si susseguono giornalmente gli incidenti in FiPiLi, altri vengono segnalati in queste ore. Altri incidenti in FiPiLi questo pomeriggio intorno alle 17,30 in prossimità dell'uscita...

Riaperture, Draghi: coprifuoco alle 23 e dal 21 giugno abolito

La proposta di Draghi verrà discussa in queste ore, di seguito una possibile bozza.  Se ne discute in queste ore, la proposta del presidente Draghi...

Vaccino Covid, al via le prenotazioni per le annate 1972-1973

Aperte le prenotazioni per le persone nate nel 1972 e nel 1973. Le persone di 49 e 48 anni quindi da adesso potranno prenotare nei...

Iginio Massari alla ricerca di pasticcieri per la sua nuova pasticceria in Toscana

Il pasticciere più conosciuto d'Italia, Iginio Massari, è pronto ad aprire anche in Toscana una sua pasticceria. La nuova attività aprirà a Firenze e...

Strappa una collanina ad una donna: scippatrice seriale mette a segno l’ennesimo colpo

CASCINA. Un ladro seriale si aggira indisturbato per il territorio cascinese.  Molte le segnalazioni che giungono attraverso mezzo social, ultimo sul gruppo Facebook ''Sei di...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...