11.3 C
Pisa
martedì 18 Maggio 2021

Volterra, gli studenti del Classico Carducci proseguono la schedatura archeologica al Guarnacci

VOLTERRA. A scriverci sono gli studenti del Liceo Classico Carducci di Volterra e lo fanno in merito al progetto “Archeologia”, che ormai da anni caratterizza il loro indirizzo di studio.

”Questo progetto ci ha dato l’opportunità di iniziare, durante lo scorso anno scolastico, un’esperienza per noi del tutto nuova: la schedatura digitale di materiale archeologico, come le urne etrusche e le epigrafi latine, conservato al Museo Guarnacci. La proposta ci è apparsa subito stimolante proprio perché dovevamo utilizzare le tecnologie informatiche per avvicinarci alle conoscenze e allo studio delle testimonianze del passato, frequentando luoghi diversi dalle aule scolastiche. Prima di intraprendere questo percorso abbiamo assistito ad alcune lezioni informative per apprendere gli elementi fondamentali e necessari a svolgere il lavoro: il dott. Burchianti, direttore del Guarnacci, ha presentato le varie fasi della fondazione del museo e le caratteristiche stilistiche e morfologiche delle urne; Stefano Cari ha esposto le tecniche per fotografare un reperto archeologico e G.Manzi le modalità di compilazione delle schede.

Abbiamo iniziato questa avventura con interesse e curiosità, – continuano gli alunni – spinti anche dalla convinzione che il museo rappresentasse il luogo ideale dove mettere in pratica una parte di ciò che avevamo imparato in tre anni al liceo classico. Camminare tra i grandi corridoi e le bellissime sale affrescate, circondati dalle testimonianze di civiltà che ci hanno preceduto, è stato emozionante, leggere e tradurre alcune epigrafi in latino, sparse nei vari ambienti, ci ha gratificati. Osservando da vicino le urne etrusche abbiamo individuato sui bassorilievi miti e storie che avevamo conosciuto soltanto sui libri e, mentre cercavamo la luce e lo zoom giusti per fotografare, abbiamo scoperto ed apprezzato concretamente la bravura degli artisti che hanno prodotto questi oggetti. Nonostante l’emergenza sanitaria abbia interrotto questo percorso di studio e di alternanza scuola-lavoro all’interno del Museo, il direttore Burchianti, in accordo con la scuola, ci ha fornito tutti gli strumenti necessari per continuare a svolgere la schedatura anche a distanza; in questo periodo infatti, stiamo lavorando sulle foto dei reperti. Crediamo che portare avanti questa attività sia veramente utile per la nostra formazione perché possiamo affiancare all’aspetto prettamente didattico l’esperienza pratica e di conoscenze dirette da parte nostra, in un’ottica di interdisciplinarietà; di volta in volta, acquisiamo conoscenze e abilità nuove che ci aiutano a riflettere con maggiore consapevolezza sul patrimonio artistico che ci sta intorno e a valorizzarlo con un maggior senso di responsabilità. Anche quest’anno è stata rinnovata la convenzione fra il nostro Istituto e il Comune di Volterra e, tramite il Comune, sono stati coinvolti la Biblioteca e il Museo Guarnacci: questa collaborazione ha accresciuto le potenzialità del progetto che si pone fra gli obiettivi principali quello di creare interazioni e contatti fra il mondo della Scuola e alcune realtà culturali presenti sul nostro territorio che diventano per noi nuovi luoghi di apprendimento. Ci auguriamo che questa tragica situazione di emergenza finisca al più presto e che possiamo riprendere tutti insieme a fotografare e a schedare i reperti nelle sale del Museo.” – concludono gli studenti della classe quarta Liceo Classico “Carducci” di Volterra.

Ultime Notizie

Calcinaia, un arcobaleno contro l’odio e le discriminazioni

Il Comune di Calcinaia celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. La sera di Lunedì 17 Maggio il Palazzo Municipale sarà...

Cascina: incidente in FiPiLi, fino a 7 km di coda

Si susseguono giornalmente gli incidenti in FiPiLi, altri vengono segnalati in queste ore. Altri incidenti in FiPiLi questo pomeriggio intorno alle 17,30 in prossimità dell'uscita...

Riaperture, Draghi: coprifuoco alle 23 e dal 21 giugno abolito

La proposta di Draghi verrà discussa in queste ore, di seguito una possibile bozza.  Se ne discute in queste ore, la proposta del presidente Draghi...

Vaccino Covid, al via le prenotazioni per le annate 1972-1973

Aperte le prenotazioni per le persone nate nel 1972 e nel 1973. Le persone di 49 e 48 anni quindi da adesso potranno prenotare nei...

Iginio Massari alla ricerca di pasticcieri per la sua nuova pasticceria in Toscana

Il pasticciere più conosciuto d'Italia, Iginio Massari, è pronto ad aprire anche in Toscana una sua pasticceria. La nuova attività aprirà a Firenze e...

Strappa una collanina ad una donna: scippatrice seriale mette a segno l’ennesimo colpo

CASCINA. Un ladro seriale si aggira indisturbato per il territorio cascinese.  Molte le segnalazioni che giungono attraverso mezzo social, ultimo sul gruppo Facebook ''Sei di...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...