11 C
Pisa
sabato 27 Novembre 2021

Covid e i giovani della Valdera: quali strascichi ha lasciato la pandemia?

La socialità si è ridotta al minimo e come tutta la popolazione, anche i giovani si sono ritrovati a dover cambiare drasticamente le loro abitudini.

Durante il periodo più duro della pandemia, coloro che sono stati lasciati più indietro sono stati i giovani. Niente scuola, niente amici, niente sport. Il Covid ha tolto tanto a coloro che avrebbero dovuto pensare solo a studiare e divertirsi: invece, proprio i ragazzi e le ragazze che si sono trovati a fronteggiare una situazione più grande di loro, si sono dimostrati responsabili nel proteggere le loro famiglie, i loro nonni e i loro genitori. Basta pensare al boom dei vaccini fra i giovani.

Fa parte dei ragazzi e delle ragazze la voglia di mettersi in gioco, di muoversi nel mondo, di conoscere lo ‘sconosciuto’. La libertà di questi giovani è stata sicuramente piegata, ma per il bene di tutta la popolazione: tutti avrebbero potuto essere colpiti dal virus e ancora oggi, la guardia deve essere mantenuta alta.

L’obbligo di restare chiusi in casa, in uno spazio limitato, confinato e limitare i contatti ha portato i giovani a cambiare molti dei loro comportamenti e talvolta anche i loro pensieri: più tempo sui social network e più serie tv per ‘ammazzare il tempo’. Per certi versi, si sono sentiti ‘impotenti’ e ‘isolati’ rispetto al resto del mondo.

Si inizia ad intravedere uno spiraglio di luce, dopo un anno e mezzo: il primo vero segno è stato dal rientro in aula. Nell’incontro con i professori e con i compagni, proprio lì, si nota la voglia di ricominciare a vivere e formarsi.

Sono tornate anche le chiacchiere al bar, magari dopo una giornata in università o una giornata pesante di lavoro.

Responsabilità e sacrificio, questo è stato chiesto ai giovani, che hanno passato a pieni voti la dura prova anche se rimarranno segnati per tutto ciò che hanno passato tra paura di esser contagiati e di contagiare e di non vivere quasi due anni spensierati, come sognavano.

Alcune delle nostre lettrici hanno voluto lasciarci qualche loro riflessione sul periodo che hanno passato e che ancora oggi stanno passando.

Una di queste si chiama Elisa, 20 anni, di Pontedera:

“Mi sono sentita in un certo senso ‘morta dentro’: tutto quello che avevo voglia e bisogno di fare, non mi era concesso, se non stare in casa a fissare i libri che avrei dovuto studiare. Noi giovani ci siamo impegnati per proteggere le nostre famiglie da qualcosa che non conoscevano e che non pensavamo di incontrare mai.

L’unica cosa che facevo nel periodo del lockdown era sperare in momenti migliori e spero che questi famosi momenti migliori siano arrivati. Adesso siamo più liberi fisicamente e mentalmente, ma mi sento profondamente cambiata. Forse stiamo tornando a poterci esprimere nel miglior modo possibile, rispettando comunque tutte le normative previste”.

Chiara, 21 anni e Federica, 20 anni di Fornacette ci riferiscono di essersi sentite impotenti di fronte alla situazione che è piombata nelle loro vite: “Ciò che sentivamo era paura, preoccupazione e sentirsi chiuse in quattro mura ci faceva sentire senza forze. Qualche tempo dopo, pensavamo di esserci abituate: la nostra quotidianità però era stata stravolta e per questo, non ne potevamo più di stare in casa. Oggi ci sentiamo un po’ più libere, il vaccino ci ha reso più sicure, ma pensiamo che rimarremo per sempre segnate: è strano, ma ricordiamo a stento le persone senza mascherina!”.

V.G.

Ultime Notizie

Corpo Guardie di Città per i bisognosi: donazioni e aiuti solidali

Le persone in condizione di povertà aumentano drasticamente, soprattutto in periodo di pandemia. Gli aiuti concreti e solidali del Corpo Guardie di Città a...

Pontedera, l’ecomostro diventerà una scuola: tempi stretti ma avanti con i lavori

L’ecomostoro diventerà una scuola nuova, moderna e sicura. Il sindaco Franconi aggiorna sull’andamento dei lavori Lo ha annunciato il  sindaco di Pontedera, Matteo Franconi, su...

A Pontedera la celebrazione della Virgo Fidelis e il XXXIV Premio Fellini

La tradizionale celebrazione della Virgo Fidelis, patrona dei carabineri, e la consegna del premio Fellini, quest'anno dedicato a Polizia e alle figure attive nell'emergenza...

Giornata nazionale del Parkinson: oltre 700 i pazienti del “Lotti” di Pontedera

Domani si celebra la “Giornata nazionale del Parkinson” e la neurologia di Pontedera conta ben oltre 700 pazienti: interventi mirati multidisciplinari per combattere una...

Toscana, è boom di vaccini dopo le nuove restrizioni

Le nuove restrizioni per i non vaccinati, imposte proprio ieri dal governo, hanno determinato il boom di prime e terze dosi. Qui le parole...

Scomparso da Pisa: “Non è rientrato in Belgio”

I parenti erano arrivati per riportarlo a casa ma l’uomo sembra scomparso, volontariamente. PISA. Lo ha reso noto l’associazione “Penelope Toscana Odv” con un annuncio...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Tragedia a Capannoli: muore a 27 anni, lascia un bimbo piccolo

CAPANNOLI. Il giovane 27enne Mattia De Santi lascia la famiglia e un figlio piccolo. Inutili i soccorsi.  Il giovane 27enne non viveva in paese da un...

Scontro mortale auto-furgone: perde la vita padre di 32 anni

MONTESCUDAIO. Incidente mortale in provincia di Pisa. Diversi feriti trasportati in ospedale.  Ieri sera, poco prima delle 20 nel Comune di Montescudaio, in Via dei...

Incidente a Ponsacco, un’auto si ribalta

Sul posto ambulanza e polizia municipale. Traffico in tilt. PONSACCO. Spaventoso scontro tra due veicoli, un'auto si ribalta e rimane al centro della carreggiata. Gravi ripercussioni...

I cinghiali gli attraversano improvvisamente la strada, paura in Valdera

Se i lupi non si avvicinano più di tanto alle abitazioni (leggi) come capitato sulle colline di Palaia e San Miniato, la situazione è...

Travolto da un’auto, sfonda il parabrezza: finisce in ospedale

L'uomo è stato centrato in pieno da un'auto. È successo ieri pomeriggio intorno alle 17:30. L’incidente si è verificato a La Capannina, frazione del comune...

Ucciso da una grave malattia a 56 anni

Massimiliano Bottari, 56 anni, operaio della Piaggio, è morto in seguito a una grave malattia. L’uomo lascia la moglie e due figli piccoli, un maschio...