5 C
Pisa
domenica 18 Aprile 2021

”Natura Amica” a cura della dottoressa Elisabetta Raimo

elisabetta raimo

Betulla: la linfa naturale che sa drenare

Quella alla buccia d’arancia è una guerra che combattono quasi tutte le donne, fin da ragazzine. Tanto impegno, ma spesso pochi risultati. Come mai? Forse perché nella maggior parte dei casi la nemica cellulite è odiata come problema estetico per il brutto aspetto che dà alla pelle, ma non viene considerata per quello che è realmente: una patologia, vera e propria e molto complessa, che coinvolge molteplici fattori, non trascurabili nell’ottica di un trattamento efficace. Affrontarla significa, dunque, fronteggiarla nella sua globalità, partendo dal presupposto che si tratta di un’infiammazione cronica localizzata, a livello del tessuto adiposo sottocutaneo, causata da un cattivo funzionamento del microcircolo e del sistema linfatico.

Tutto parte da un rigonfiamento delle cellule adipose, il cui aumento di volume preme sui capillari circostanti che, “schiacciati”, rilasciano un’eccessiva quantità di liquidi, che il sistema linfatico non riesce a smaltire. Così il nostro prezioso drenaggio linfatico va in tilt e si va incontro a un ristagno di liquidi, noto come ritenzione idrica. Quest’ultima, molto spesso, viene impropriamente nominata come sinonimo di cellulite, ma in realtà i due termini descrivono due sfumature diverse di un problema che coinvolge lo stesso sistema. Nel caso specifico della ritenzione idrica abbiamo un organismo che tende a trattenere liquidi, i quali si accumulano negli spazi tra le cellule con formazione di edema. Chi ne soffre, infatti, percepisce una sensazione di gonfiore – specialmente a livello di addome, glutei, cosce e caviglie – con senso di pesantezza e affaticamento generale. Questi liquidi sono ricchi, tra l’altro, delle tossine rilasciate dalle cellule e non smaltite, che sono responsabili di un rallentamento del metabolismo cellulare, con conseguenze su tutto il sistema venoso e linfatico, e che contribuiscono allo stato infiammatorio della cellulite. I famosi “liquidi in eccesso”, pericoloso incubo delle donne, che ormai sanno di doversi impegnare e bere molta acqua per facilitare la loro eliminazione o prevenirne l’accumulo. Ora però, se è vero che “l’acqua elimina l’acqua”, è vero anche che non sarà mai sufficiente da sola e che per essere davvero efficace ha bisogno di un supporto in più, che faciliti il deflusso dei liquidi.

In fitoterapia ci sono molte piante amiche delle donne. La Betulla, Betula alba L., ad esempio, è nota per le proprietà diuretiche e drenanti della linfa che scorre nel suo tronco. Conosciuta anche come Betula verrucosa, la linfa allo stato naturale è ricca di oligoelementi, tra cui spicca il potassio, responsabile dell’effetto che stimola la diuresi e favorisce l’eliminazione delle scorie metaboliche. Grazie anche alla presenza di un eteroside (betullina), la linfa di Betulla agisce alleggerendo il sistema linfatico sovraccaricato, ottimizzando la sua funzione di drenaggio dei liquidi in caso di ristagno, ed è quindi fortemente indicata nel trattamento della ritenzione idrica, oltre che della cellulite vera e propria, con quella ritenzione dolorosa che quasi sempre l’accompagna.

Ultime Notizie

Cascina, “Se davvero fosse un gioco” il progetto contro il gioco d’azzardo delle scuole

CASCINA. Prosegue il progetto dal titolo “Se davvero fosse un gioco”, organizzato dall’Associazione “Le Fionde ODV” e diretto alle classi delle scuole secondarie di...

Capannoli: si torna a camminare e pedalare in libertà

CAPANNOLI. Da oggi 18 aprile, e ogni domenica sarà attiva la pedonalizzazione di via del Fanfani. Sarà possibile camminare e pedalare liberamente dalle ore 14.30...

La richiesta: “Comando della Polizia Municipale in Piazza della Stazione”

PONTEDERA. Nelle ultime settimane il quartiere della stazione di Pontedera è stato luogo di spiacevoli eventi. L'ultimo ieri pomeriggio un'anziana è stata aggredita davanti ad...

S. Maria a Monte, nuovi casi in calo ma non abbassare la guardia

SANTA MARIA A MONTE. L'aggiornamento della sindaca di Santa Maria a Monte in merito alla situazione epidemiologica sul territorio comunale. Il Comune di Santa Maria...

Il centro vaccinale a Pontedera è pronto a somministrare oltre mille dosi al giorno

PONTEDERA. Oggi si è tenuta l'inaugurazione dell'hub a Pontedera, situato in Piazza del Mercato, adiacente al Cineplex. Presenti Giani, l'assessore Bezzini e molti sindaci...

Valdera e Pisa, 62 nuovi casi positivi

COVID-19. Nell’Azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 17 aprile, sono 314. A PISA: 36 nuovi casi positivi, di cui: Calci 2, Cascina 9,...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Vaccino Moderna, agende aperte dalle ore 19 di oggi 23 marzo

TOSCANA. Le persone con elevata fragilità (estremamente vulnerabili e/o con disabilità gravi), che abbiano già effettuato la registrazione, potranno prenotare il vaccino a partire...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...