15.9 C
Pisa
giovedì 6 Maggio 2021

Cresce l’attesa sul Natale: cosa aspettarsi dal prossimo Dpcm?

Grande attesa per il prossimo Dpcm, previsto per il 3 dicembre, che vedrà sul tavolo sia un allentamento delle restrizioni sia nuovi indicazioni su come comportarci. 

Il lavoro del governo è già cominciato. Per quella data, sperano a Palazzo Chigi, la maggior parte delle Regioni dovrà essere in fascia arancione o gialla, il che consentirebbe di inserire anche alcune aperture in vista del Natale. 

“È presto per parlarne” – dicono dal Ministero della Salute. Tuttavia nuove regole per lo shopping e per i giorni festivi potrebbero però scattare, ovviamente qualora la curva epidemiologica si troverà a subire una discesa. Ecco dunque che potrebbero verificarsi delle modifiche all’orario di apertura dei negozi e deroghe rispetto alla serrata di bar e ristoranti per dare fiato anche alle attività economiche nel periodo che certamente è uno dei più redditizi dell’anno. Tali “via libera”, se così si vogliono definire, prevederanno però delle nuove chiusure attorno al 21 o 22 dicembre, ovvero a ridosso dei giorni di festa. 

Sul tavolo del Governo anche la richiesta di riduzione degli indicatori da 21 a 5, come avevano chiesto i governatori delle regioni. Ricordiamo come al momento sono “rosse” Lombardia, Piemonte, Campania, Calabria, Toscana, Valle d’Aosta, provincia di Bolzano e Abruzzo con ordinanza del governatore Marsilio; “arancioni” sono Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Liguria, Sicilia, Basilicata, Umbria e Puglia che però potrebbero peggiorare; “gialle” rimangono Lazio, Molise, Sardegna, Veneto e provincia di Trento. Si spera che entro il 10 dicembre quasi tutte le Regioni possano essere fuori dal rischio più alto. Nelle aree dove gli indicatori mostrano una situazione ancora grave si potrebbero prevedere “zone rosse” provinciali, liberando i territori che invece si trovano al sicuro, come del resto chiedono i sindaci. Nel resto d’Italia entrerebbero invece in vigore alcune misure meno rigide.

 

Ovviamente saranno vietate le feste ed i cenoni con persone di nuclei familiari diversi, cercando di evitare in ogni modo gli spostamenti verso quelle Regioni dove i contagi sono elevati proprio per evitare gli errori della scorsa estate. E dunque non è affatto scontata la riapertura dei confini che alcuni governatori stanno già invocando. I governatori chiedono anche la riapertura dei centri commerciali durante il fine settimana e non è escluso che si decida di prorogare l’orario dei negozi al dettaglio anche fino alla sera tardi, proprio per favorire lo scaglionamento agli ingressi. Altro punto sono bar e ristoranti, che potrebbero riaprire la sera nelle zone gialle e in parte della giornata nelle zone arancioni. Potrebbe permanere il limite dei quattro posti a tavola, oppure essere aumentato a sei. Per pranzi e cene a casa ci sarà la raccomandazione di rimanere in famiglia proteggendo gli anziani e le persone fragili, ma dando per scontato che il numero delle persone potrebbe essere più alto di quello previsto per i locali pubblici. Resteranno invece ancora chiusi per le festività i circoli e le strutture sportive, le palestre, i cinema ed i teatri. Infine per quanto concerne il limite delle chiusure notturne, dalle 22 alle 5 in tutta Italia potrebbe essere spostato alle 23 o al massimo alle 24 la sera del 24 dicembre così come a Capodanno.

L.C.

 

Ultime Notizie

Giù dal 3° piano conosciutissimo tifoso granata

Pontedera, sfiorato il dramma, precipita dalla finestra del suo appartamentoCarlo Barsotti, che tutti conoscono come “Lattuga”, famosissimo a Pontedera, in quanto elemento di spicco...

Terricciola SiCura, critiche al bilancio: “nessun sviluppo per il territorio”

"Bilancio senza ambizioni, zero aiuti ad attività e famiglie"E' il commento di Terricciola SiCura a seguito dell'approvazione del bilancio di Terricciola, la nota politica...

Pontedera: ladri di biciclette, la storia si ripete

PONTEDERA. Non è raro leggere sui gruppi social di furti di bici che oramai da tempo si ripetono. Ladri di biciclette è un film del...

Vaccini 60-64enni: prenotazioni dalla prossima settimana

Partite oggi le prenotazioni per i 65-69enni. Gli over 70, che non hanno ancora prenotato, possono farlo sul portale regionale o attraverso il numero...

Scontro tra un’auto e una moto, un ferito in ospedale

Nel primo pomeriggio di oggi, un incidente in località Chiesino in via Salvo D'Acqisto ha visto il coinvolgimento di un'auto e di una moto....

Evadono dai domiciliari, in arresto una coppia

Arresto per una coppia evasa dai domiciliari. Più nel dettaglio, i militari della Sezione Radiomobile hanno rintracciato i due, già sottoposti agli arresti domiciliari, notificando loro un’ordinanza...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...