5.1 C
Pisa
sabato 17 Aprile 2021

Covid-19, cosa fare e come comportarsi? La parola al dottor. Fabrizio Niglio

PONTEDERA. Michele Vestri ha intervistato per Radio Cuore il dottor. Fabrizio Niglio, direttore Unità Operativa Complessa Medicina Trasfusionale di Pisa e Livorno. 

Noi di VTrend.it riportiamo in esclusiva i passi di questa interessante intervista, che ha come fulcro della conversazione il plasma immune. 

“Il plasma è uno strumento in fase di valutazione, ma molto importante. Non si tratta di una cosa di adesso ma, come sappiamo, è già stato utilizzato anche per altre patologie come la Sars o l’ebola” – esordisce così il dottor. Niglio, sostenendo come il plasma sia un ottimo strumento in più per questa complicatissima lotta contro il Covid-19. 

Ma come funziona? “All’interno del plasma sono presenti gli anticorpi che noi sfruttiamo per bloccare il virus, questi anticorpi sono diretti verso una proteina particolare, denominata Spike, ed impediscono dunque al virus di entrare nella cellula. In questo modo, non infettando le cellule, muore” – spiega Niglio. 

Il dottore passa poi a sottolineare come il plasma sia possibile prenderlo solamente da quei pazienti guariti dal coronavirus e soprattutto nei primi mesi. “Siamo stati molto previdenti, abbiamo raccolto più plasma possibile, sapendo di poterlo poi congelare e conservare anche per un anno. In questo momento stiamo utilizzando quello raccolto nei mesi di marzo e aprile, in piena pandemia, ora però anche questo sta finendo.” Niglio dunque fa un appello: “Invito tutto i pazienti guariti da Covid-19 a venire a donare il plasma il prima possibile.” 

 

La domanda sorge dunque spontanea, chi può donarlo? “Noi facciamo una valutazione pre-donazione, – dice –  di quanti anticorpi buoni dispone quel paziente? Ecco, noi valutiamo questo. Tutti coloro che sono risultati positivi al Covid-19 possono venire a donare, poi saremo noi a testarli e quelli con titolo anticorpale alto li prendiamo. Il percorso è abbastanza semplice e prima prendiamo ed utilizziamo il plasma e meglio è.” Tra i donatori si escludono gli over 60, così come le donne che hanno partorito o avuto un’aborto, proprio perchè queste categorie non presenterebbero anticorpi che ad un paziente covid farebbero bene. 

L’intervista si conclude gettando un occhio all’attuale situazione presente negli ospedali di Pontedera, Pisa, Livorno e Volterra, in cui lo stesso dottor. Niglio opera. “È un momento in cui dobbiamo tenere la guardia alzata. L’azienda Nord Ovest si sta impegnando molto nella cura ed anche nella prevenzione della malattia. I reparti sono al massimo dell’impegno per seguire quei pazienti, curare il paziente è basilare nel Covid-19 ed intervenire è un punto di forza della Toscana.”

L.C.

©Riproduzione riservata

 

Ultime Notizie

Zona del Cuoio: ritorno dall’inferno, sabato torna arancione

La Toscana rimane in zona arancione anche la prossima settimana, o forse meglio dire: "finalmente ancor più arancione" In una nota diffusa dal governatore Giani...

Covid: “emergenza da non sottovalutare a Calcinaia e Fornacette”

CALCINAIA. Bilancio settimanale quello reso pubblico dal comune di Calcinaia, in merito alla crisi sanitaria che non fa stare del tutto tranquilli. In base ai...

Da maggio sì agli spostamenti tra regioni, ma ci sono alcune regole

A partire dal mese di maggio saranno consentiti gli spostamenti tra regioni. Sì agli spostamenti ma con alcune regole da rispettare, vediamo quali: Saranno liberi...

Indagine sulle mascherine, il Comune di Cascina rassicura: “prosegue la distribuzione”

CASCINA. In seguito all'indagine nazionale della Guardia di Finanza che ha bloccato molti lotti di mascherina, il Comune di Cascina ha rassicurato i cittadini...

“L’aborto farmacologico è una menzogna vergognosa che riguarda la salute e la vita della donna”

PONTEDERA. La Dott. Donatella Isca, referente ProVita e Famiglia Onlus, interviene sul dibattito riguardante l'aborto farmacologico: "È davvero sconcertante la capacità delle ideologie di...

Pontedera partecipa alla giornata nazionale di raccolta di plastica

PONTEDERA. Il 18 aprile 2021 è la giornata nazionale di raccolta della plastica, il Comune di Pontedera aderisce all'iniziativa. Si tratta del più grande evento...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Vaccino Moderna, agende aperte dalle ore 19 di oggi 23 marzo

TOSCANA. Le persone con elevata fragilità (estremamente vulnerabili e/o con disabilità gravi), che abbiano già effettuato la registrazione, potranno prenotare il vaccino a partire...

Morte Marco Junior Del Rosso, indagato tecnico del Comune

PONTEDERA. Nella giornata di ieri è stato effettuato un sopralluogo da parte di un consulente tecnico per ricostruire la dinamica dell'incidente. Come riporta Il Tirreno,...