27.3 C
Pisa
lunedì 26 Luglio 2021

Centro storico, “Chiusure anticipate consegnano la città in mano agli abusivi”

“Chiudere i pubblici esercizi alle 1.30 senza adeguati controlli del centro storico vuol dire lasciare all’abusivismo commerciale la gestione del mercato degli alcolici. L’ultimo fine settimana è stata purtroppo l’ennesima testimonianza di come le ordinanze, da sole, non hanno alcun effetto”.

E’ dura la presa di posizione di Confesercenti Toscana Nord, con il suo presidente area pisana Luigi Micheletti, dopo il primo fine settimana in cui è entrata in vigore a Pisa la nuova ordinanza del sindaco sugli alcolici e sugli orari di apertura dei pubblici esercizi del centro storico. “Ancora una volta si affronta la questione della movida partendo da una visione sbagliata – incalza Micheletti -. I pubblici esercizi ed i loro gestori sono un presidio alla legalità, non la causa della mala movida. I gestori sono in grado di garantire il rispetto delle regole di somministrazione nei propri locali e nei loro spazi all’aperto. Anticipare la chiusura vuol dire lasciare tanti giovani, che senza il coprifuoco hanno voglia di rimanere fuori, nel centro senza alcun controllo e soprattutto nelle mani dei venditori abusivi che agiscono indisturbati. Senza dimenticare che il divieto di vendita di alcolici rivolto anche a locali che niente hanno a che fare con la movida, pensiamo ad esempio a enoteche, gastronomie o pizzerie da asporto, riporta i loro gestori in un nuovo lockdown”.

Secondo Confesercenti, quindi, i pubblici esercizi “dovrebbero avere la possibilità di allungare il proprio orario di apertura – dice ancora il presidente area pisana – proprio come presidio del centro storico. Non vediamo alternativa per arginare gli episodi visti ad esempio in piazza dei Cavalieri l’ultimo fine settimana. A meno che di improvviso non si recuperino uomini delle forze dell’ordine in grado di garantire i controlli. Ma sarebbe una città blindata, ipotesi che possiamo scongiurare proprio utilizzando i presidi naturali come le attività commerciali”.

L’affondo finale di Luigi Micheletti. “Anche nel caso dell’ultima ordinanza non abbiamo avuto alcun tipo di confronto con le istituzioni. Faccio riferimento al comitato dell’ordine pubblico per il quale ormai da anni chiediamo senza successo una convocazione periodica alla presenza delle associazioni di categoria. Non è una nostra assurda pretesa vista che in realtà a noi molto vicine, i nostri colleghi delle locali Confesercenti hanno addirittura partecipato a due comitati dell’ordine pubblico all’interno della stessa provincia per casi diversi nel giro di pochi giorni”.

Ultime Notizie

Marina di Pisa: revocato il divieto di balneazione, riapre il tratto di spiaggia

MARINA DI PISA. Era stato imposto il divieto di balneazione, per la zona di via Tullio Crosio, incrocio Piazza Viviani, al termine di via...

Continua la rassegna ”Itaca”, Venerdì il terzo appuntamento al Teatro di via Verdi

Venerdì 30 luglio alle 19:00 al Teatro di Via Verdi di Vicopisano, nell'ambito della rassegna culturale Itaca, verrà presentato il libro di Massimiliano Razzano, ''Ascoltare il...

Pronto Soccorso: non si fanno tamponi

Forse qualcuno non l'ha ancora capito: al pronto soccorso i tamponi non si fanno. L'Azienda USL Toscana nord ovest lancia l'appello.In nessun Pronto Soccorso si...

Il Comune introduce nuovi aiuti per le famiglie in difficoltà a causa della pandemia

MONTOPOLI. Il Comune ha deciso di implementare il sostegno introdotto dal Governo, per chi si trova in difficoltà a causa della pandemia di Covid-19. "La...

La famiglia granata si allarga ancora, 2 nuovi giocatori in arrivo

PONTEDERA. Due nuovi arrivi in casa granata, si tratta di due giovani classe 2001. Una nuova punta e un nuovo portiere in arrivo nella...

Raccapricciante, si smaltisce a cielo aperto a due passi dal centro di Pontedera

PONTEDERA. Sembra che l’indecoroso smaltimento di rifiuti in luoghi non autorizzati anche di grosso volume non ci abbandoni, un’altra segnalazione giunge a VTrend da...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Sport e associazionismo in lutto, Santa Maria a Monte piange Rossano Lazzerini

SANTA MARIA A MONTE. Se ne è andato a 67 anni a causa di un male incurabile, Rossano Lazzerini.  Originario di San Giovanni alla Vena,...