25.3 C
Pisa
venerdì 17 Settembre 2021

Buggiani, (Lega): ripartire, abbassando le tasse anche a Calcinaia

E’ Marco Buggiani consigliere all’opposizione di centro destra del comune di Calcinaia a dire la sua su come ripartire, ovvero rimettere in moto quella macchina ferma ormai da due mesi.

Se una parte di attività hanno ripreso a lavorare altre sono rimaste al palo e si aspetta come da decreto governativo il via. Tutto, non dimentichiamoci, dipenderà dalla situazione sanitaria e quello che ne emergerà dai dati che la ASL Toscana fornirà:

“Ripartire, questa è la parola d’ordine per evitare la chiusura di molte attività – riporta Buggiani -. Sono passati più di due mesi da quando l’Italia ha chiuso i battenti per tutelare la propria popolazione da quel maledetto coronavirus che ha mietuto migliaia di vittime in tutto il paese ed in particolare nelle regioni del nord. In questo periodo abbiamo passato diverse fasi, soprattutto psicologiche, ed oggi ci troviamo in una situazione con una tendenza positiva dal lato epidemiologico, con delle diversità territoriali importanti. In Toscana ormai si registrano una ventina di nuovi casi positivi al giorno che, ad ora, non destano le stesse preoccupazioni che invece destavano due mesi fa”.

“Non si può dire lo stesso dal punto di vista dell’economia locale che continua ad essere frenata a colpi di dpcm del Governo, – scrive Marco Buggiani – come nel resto d’Italia, per una graduale (molto graduale) ripresa alla normalità e che vede il malcontento generale di tutte le categorie produttive. In questi ultimi giorni si sono viste molte manifestazioni di commercianti, artigiani, ristoratori, eccetera, con la richiesta di ripartire”.

“Nello specifico penso che la ripartenza delle attività commerciali e produttive della Valdera, alla luce delle considerazioni su esposte, debbano necessariamente ripartire. Ormai siamo consapevoli dei rischi che si possono correre e tutte le categorie di lavoratori autonomi e non si sono preparati per poter svolgere il proprio lavoro nel rispetto dei criteri di sicurezza necessari ad evitare qualunque possibilità di diffusione del virus covid-19.”

“In questa visione di ripartenza però lo Stato, – continua dal suo Blog Buggiani – la Regione Toscana ed i singoli Comuni devono perentoriamente intervenire agevolando lo svolgimento delle attività produttive e commerciali andando a proporre, a mio modesto avviso, una sorta di ricetta per la ripartenza a costo pubblico zero (o almeno molto basso). Interventi che abbiamo già visto in alcuni Comuni della provincia pisana, come il Comune di Pisa e Cascina, che sono intervenuti sulle imposte e tasse locali abbassandole notevolmente se non addirittura azzerandole per l’anno 2020 e che sarebbe utile replicare in tutti i Comuni anche del nostro territorio. Ciò invece non è stato fatto a Calcinaia, per esempio, dove ad aprile l’amministrazione comunale ha approvato l’aumento delle aliquote dell’addizionale irpef. Ovviamente il mio voto è stato contrario“.

“Non solo invita il Consiglio a valutare l’ipotesi di accedere alle risorse correnti non utilizzate per far fronte alle necessità delle famiglie in difficoltà per l’acquisto di generi alimentari dicendo anche che in questo momento avremmo dovuto strappare  il programma elettorale, almeno per il 2020, in favore della situazione straordinaria ed urgente che stiamo attraversando. Mi fu risposto che non si capiva a cosa mi riferivo. A me sembra invece molto chiaro”.

“Detto questo però – riporta Marco Buggiani –  ritengo ancora possibile utilizzare le suddette risorse finanziarie di spesa corrente, insieme all’avanzo non vincolato, per poter andare a ridurre sia l’imposizione fiscale locale che sostenere le famiglie in difficoltà economica. Nel Bilancio approvato a Calcinaia, giusto per fare un esempio concreto, nella nota integrativa presentata ed approvata ad aprile si legge che i fondi non vincolati confluiti nell’avanzo di amministrazione presunto al 01.01.2020 corrispondono ad € 1.590.448,70”.

“Una cifra questa molto importante – riporta il leghista Buggiani –  che potrebbe essere impiegata, insieme ad altre risorse inutilizzate nel periodo marzo – maggio 2020, per calmierare la TARI per le utenze non domestiche. L’amministrazione potrebbe seguire l’esempio di Pisa nell’azzerare l’imposta per l’occupazione temporanea del suolo pubblico e l’ampliamento degli spazi concessi per favorire la ripresa delle attività dei venditori ambulanti in modo da alleggerire loro il carico fiscale e utilizzare gli eventuali spazi aggiuntivi per poter aprire le proprie attività in sicurezza e sostenere le attività di ristorazione, bar, ecc. Un altro intervento dovrebbe essere l’immediato abbassamento delle aliquote dell’addizionale irpef ritornando almeno alle aliquote preesistenti”.

“Insomma non ci dobbiamo inventare nulla, dobbiamo solo avere un può di buonsenso e dare fiducia alla classe imprenditoriale che storicamente sostiene il nostro paese dal dopo guerra ad oggi. Mi auguro – conclude Marco Buggiani, consigliere del centrodestra al comune di Calcinaia – che in tutti i Comuni della Valdera si prendano in considerazione tali iniziative dimostrando veramente di avere a cuore il bene dei propri cittadini e del proprio territorio”.

Ultime Notizie

“Donare è vita” al ‘Piero Masoni’ di Fornacette

Sabato 25 settembre, un triangolare di calcio per promuovere la donazione di organi e tessuti. E’ tutto pronto al 'Piero Masoni' di Fornacette per sabato...

Cascina investe nella scuola: interventi per 600.000 euro

600.000 euro utilizzati per i lavori di manutenzione degli edifici scolastici. Nel dettaglio, le schede riassuntive degli interventi. Le scuole cascinesi sono ripartite a pieno...

Covid, migliora ancora il dato terapie intensive, più ricoveri nei reparti ordinari, un decesso a Pisa

I nuovi casi registrati in Toscana sono 494 su 18.241 test di cui 8.705 tamponi molecolari e 9.536 test rapidi. Il tasso dei nuovi...

Valdera: 11 nuovi casi, i comuni interessati

I nuovi dati aggiornati nelle ultime 24 ore in merito al coronavirus in Valdera. I dati sono anticipati dal presidente Giani. Prendiamo in esame l’area...

Covid, le anticipazioni: 28 nuovi casi a Pisa e Provincia, 494 in Toscana

I nuovi casi registrati in Toscana sono 494 su 18.241 test di cui 8.705 tamponi molecolari e 9.536 test rapidi. Il tasso dei nuovi...

Morta Carla Verdigi, suo figlio Marco salvò la vita a due bambini a Marina di Pisa

Giovedì 16 settembre è deceduta Carla Verdigi, La donna era residente a San Giuliano Terme ed era la madre di Marco un giovane a...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Studente dell’università di Pisa sparito nel nulla, il padre: “Aiutatemi a trovarlo”

PISA. Francesco Pantaleo, studente di ingegneria informatica all'Università di Pisa, ha fatto perdere le sue tracce da sabato 24 luglio. Il giovane è uscito...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Sport e associazionismo in lutto, Santa Maria a Monte piange Rossano Lazzerini

SANTA MARIA A MONTE. Se ne è andato a 67 anni a causa di un male incurabile, Rossano Lazzerini.  Originario di San Giovanni alla Vena,...