24.8 C
Pisa
sabato 21 Maggio 2022

Addio autocertificazione?

TOSCANA. Tra le ipotesi del Governo vi è che dal 18 maggio potrebbe non essere più necessario portare con sé l’autocertificazione per spostamenti all’interno della propria regione. Il nuovo decreto sarà varato entro Domenica, e conterrà diverse novità.

Enrico Rossi, presidente della Toscana, ha già annunciato che “aprire tutto, ora e subito non è pensabile. Ci vuole prudenza e senso di responsabilità”. La ripresa sarà lenta, graduale, “per non correre il rischio di tornare indietro con un impatto economico e psicologico ancora più difficile”. L’idea è quella di tracciare più step. A tal proposito, il Presidente della Toscana, che non ha cambiato idea, afferma: “ la riapertura scaglionata delle attività, un calendario che nel giro di due settimane dia il via libera prima ai negozi di vicinato (domani), poi a parrucchieri ed estetisti il 21 Maggio e infine il 25 bar e ristoranti, per evitare il «bomba libera tutti» del 18 maggio”, questa rimane per il governatore la soluzione migliore per monitorare il contagio nella sua regione.
Ma fra il suo intento e un’ordinanza che alzi l’asticella della cautela rispetto alla scelta del governo, ieri, si sono messi i sindaci.
Il sindaco di Firenze Dario Nardella e quello di Prato Matteo Biffoni, che è anche presidente regionale dell’Associazione dei Comuni (Anci) si sono opposti all’ipotesi di far slittare alcune riaperture.

“Il livello di tensione sociale si sta alzando troppo, lo abbiamo visto dalle manifestazioni di questi giorni” – ha detto Nardella a Toscana Tv. Esclamando: “Un appello al governo nazionale e regionale perché chiunque abbia voglia e mezzi per aprire possa farlo al più presto”.
Alla domanda sull’eventualità di un calendario più cauto, il sindaco di Firenze afferma: “Non possiamo costringere a stare chiusi coloro che hanno disperatamente bisogno di aprire: il mio invito al governo è che emani le linee guida per la sicurezza il prima possibile, e che la Regione concordi con i sindaci toscani un’ordinanza che consenta un’apertura in sicurezza, ma che sia davvero apertura”.
Una mediazione tra le posizioni del governatore e dei sindaci appare difficilmente praticabile. La riapertura sì a tappe ma in tre giorni vanificherebbe l’obiettivo di Rossi, quello di un monitoraggio graduale degli effetti delle riaperture (che comunque sarebbe quantomeno incompleto anche con il calendario a cui si sta pensando in Regione).
Il governatore sostiene che con la popolazione regionale immune allo 0,5%, dato frutto dei primi 150 mila test sierologici eseguiti, il rischio di un’ondata di ritorno del contagio con una riapertura totale sia molto elevato. E che sia irrealizzabile, a quel punto, il protocollo di monitoraggio dei nuovi focolai per il sistema sanitario.

ORE 21.00 – AGGIORNAMENTO: Da lunedì l’Italia riapre, via anche le autocertificazioni

Ultime Notizie

Criminalità: confiscati in Toscana 178 immobili e 21 aziende, confische anche a Pisa e Livorno

Sono 199 i beni confiscati alla criminalità organizzata che l’azienda nazionale che li amministra, la Anbsc, ha già destinato in Toscana. E’ l’ultimo dato...

Violazioni: chiuso locale di pubblico spettacolo sul litorale pisano

Nell’ambito dei controlli effettuati dal personale della Divisione di Polizia Amministrativa della Questura di Pisa è stato più volte controllato un locale di pubblico...

Valdera, incidente sulla SS439: chiuso il tratto

LAJATICO. Per incidente, traffico è temporaneamente bloccato sulla strada statale 439 Sarzanese Valdera. Per un incidente avvenuto al km 92,300 a Lajatico intorno alle 11 di...

Covid Toscana: 3 decessi tutti a Pisa, i nuovi casi sono quasi 1500

Coronavirus, 1.476 nuovi casi, età media 48 anni. I decessi sono tre. Questi i dati accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle...

Cade dalla bici e sbatte la testa, trasportato al pronto soccorso

PECCIOLI. Un ciclista ha riportato un trauma cranico non commotivo. Caduta rovinosa di un ciclista nella tarda mattinata nel comune di Peccioli Il ciclista ha riportato...

Ubriaco spacca tutto in casa. La compagna chiama Polizia

PISA. La Polizia è intervenuta a seguito di una segnalazione di lite domestica. Intorno alle 05.20 di stanotte, una pattuglia della Polizia è intervenuta in zona...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Una raccolta fondi in memoria di Jacopo Varriale, deceduto nello schianto in FiPiLi

Deceduto nel tragico schianto in FiPiLi a soli 35 anni: per la famiglia di Jacopo è stata lanciata una raccolta fondi. Qui il link...

Morto guidando contromano in FiPiLi, polizia non trova il cellulare di Jacopo

Incidente mortale in FiPiLi, resta il giallo dell’ingresso contromano di Varriale. L’analisi del cellulare potrebbe fornire informazioni su quanto accaduto nella notte di sabato...

Tragico incidente, muore giovane. Lascia moglie e figlio

Drammatico incidente in FiPiLi all'alba: il giovane ha guidato per diversi chilometri contromano, poi lo schianto. E' venuto a mancare Jacopo Varriale, originario di San...

Muore storico ristoratore e fondatore del locale

Addio a uno storico ristoratore e fondatore del locale, molti i messaggi di cordoglio sui social: “gentilezza, allegria e passione”. SAN MINIATO – Il Ristorante...

Lacrime e dolore di una folla immensa ai funerali di “Jajo”

In centinaia per l'ultimo saluto a Jacopo Varriale. Ieri, nella chiesa di San Giovanni Evangelista a Santa Maria a Monte, sono state celebrate le esequie di Jacopo Varriale,...

Muore nota dottoressa

Lutto in Valdera, la nota neuropsichiatra aveva 91 anni. PONTEDERA – Si è spenta all’età di 91 anni la dottoressa Doretta Fabiani, medico neuropsichiatra con...