5.6 C
Pisa
sabato 17 Aprile 2021

Covid-19, professor. Menichetti: “Non sarà più il mondo di prima”

PISA. Michele Vestri ha intervistato per Radio Cuore il professor Francesco Menichetti dell’azienda ospedaliera universitaria pisana, nonché direttore dell’unità operativa Malattie infettive. 

Noi di VTrend.it riportiamo in esclusiva i passi di questa intensa e curiosa intervista, che vede la crisi sanitaria fulcro della discussione. 

La domanda che tutti si fanno è: come riusciamo a distinguere il covid-19 dalla normale influenza? Quali sono gli elementi che le distinguono? “Non è semplicissimo, ma Covid-19 presenta delle specificità più importanti della normale influenza, come la perdita del gusto e dell’olfatto. Entrambe hanno però manifestazioni con febbre, tosse, raffreddore e mal di gola ed è per questo che sono difficilmente distinguibili. A mio avviso la soluzione migliore è quella di effettuare il vaccino per l’influenza, in questo modo più persone si vaccineranno e più sarà facile distinguere l’influenza dal coronavirus.” 

Ma qual è il momento giusto per effettuare questo vaccino? “Da domani, 15 ottobre, e fino a fine novembre, ogni giorno è buono per sottoporsi al vaccino antinfluenzale. Quest’ultimo è offerto gratuitamente alle persone ultra 65enni, a malati cronici e ad addetti a servizi di pubblica utilità, ma in realtà chiunque può giovarne. L’invito che faccio è dunque quello di vaccinarsi qualunque sia la vostra età” – il consiglio professor. Menichetti. 

Mentre quanto ancora dovremmo attendere per il vaccino anti-covid? La speranza di Menichetti è che arrivi entro fine anno/inizio anno prossimo. “Ci sarà una richiesta planetaria, i tempi ovviamente non sono immediati. Non vorrei che venga tratteggiato il vaccino anti-covid come l’arma fine di mondo, perchè nella lotta al covid non ci sono armi fine di mondo. Questi sono tutti piccoli mattoni che servono a costruire il mondo che noi innalziamo per fronteggiare questa sfida titanica, ma il più grande contribuito deve arrivare dai nostri comportamenti: indossare la mascherina, lavarsi frequentemente le mani e mantenere il giusto distanziamento sociale: solo così probabilmente riusciremo a farcela.” 

Menichetti assicura poi che in Italia il Ministero ha già identificato un vaccino e già se ne è assicurato diverse dosi. “Si spera soltanto che arrivi in tempi ragionevoli e confermi la sua sicurezza ed efficacia.” – precisa il professore, a cui preme poi ricordare l’attuale importanza anche del plasma iperimmune, cura importante: “Abbiamo bisogno di donatori che abbiano già contratto il coronavirus, l’invito è quello che queste persone donino il plasma. Soprattutto chi è stato ricoverato in ospedale è il soggetto ideale per fare ciò, egli ha prodotto anticorpi neutralizzanti a differenza dell’asintomatico che ne ha prodotti di  meno e non si ritiene candidato ideale.”

Ma in conclusione la domanda che alcuni si fanno è la seguente: Che mondo sarà?  Menichetti è categorico: “I segni che sta lasciando la pandemia sono segni profondi, sicuramente non sarà più il mondo di prima. Non sarà possibile riavvolgere la pellicola, noi stiamo costruendo il mondo che verrà, ovvero quello del post-covid”. 

© Riproduzione riservata

Ultime Notizie

Zona del Cuoio: ritorno dall’inferno, sabato torna arancione

La Toscana rimane in zona arancione anche la prossima settimana, o forse meglio dire: "finalmente ancor più arancione" In una nota diffusa dal governatore Giani...

Covid: “emergenza da non sottovalutare a Calcinaia e Fornacette”

CALCINAIA. Bilancio settimanale quello reso pubblico dal comune di Calcinaia, in merito alla crisi sanitaria che non fa stare del tutto tranquilli. In base ai...

Da maggio sì agli spostamenti tra regioni, ma ci sono alcune regole

A partire dal mese di maggio saranno consentiti gli spostamenti tra regioni. Sì agli spostamenti ma con alcune regole da rispettare, vediamo quali: Saranno liberi...

Indagine sulle mascherine, il Comune di Cascina rassicura: “prosegue la distribuzione”

CASCINA. In seguito all'indagine nazionale della Guardia di Finanza che ha bloccato molti lotti di mascherina, il Comune di Cascina ha rassicurato i cittadini...

“L’aborto farmacologico è una menzogna vergognosa che riguarda la salute e la vita della donna”

PONTEDERA. La Dott. Donatella Isca, referente ProVita e Famiglia Onlus, interviene sul dibattito riguardante l'aborto farmacologico: "È davvero sconcertante la capacità delle ideologie di...

Pontedera partecipa alla giornata nazionale di raccolta di plastica

PONTEDERA. Il 18 aprile 2021 è la giornata nazionale di raccolta della plastica, il Comune di Pontedera aderisce all'iniziativa. Si tratta del più grande evento...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Vaccino Moderna, agende aperte dalle ore 19 di oggi 23 marzo

TOSCANA. Le persone con elevata fragilità (estremamente vulnerabili e/o con disabilità gravi), che abbiano già effettuato la registrazione, potranno prenotare il vaccino a partire...

Morte Marco Junior Del Rosso, indagato tecnico del Comune

PONTEDERA. Nella giornata di ieri è stato effettuato un sopralluogo da parte di un consulente tecnico per ricostruire la dinamica dell'incidente. Come riporta Il Tirreno,...