33.5 C
Pisa
lunedì 22 Luglio 2024
10:52
LIVE! In continuo aggiornamento

Sfruttamento della prostituzione in provincia di Pisa: 3 arresti nell’indagine “Oriente” [VIDEO]

14:40

L’indagine, riguardante Cascina e Castelfranco di Sotto, è stata denominata “ORIENTE”, poiché vede il coinvolgimento prevalente di ragazze asiatiche, perlopiù di origini cinesi, alcune delle quali oggetto di sfruttamento della prostituzione.

I militari, a decorrere dalla primavera del 2023, nel corso dei loro quotidiani servizi preventivi e di controllo del territorio, notavano l’anomala frequentazione di persone, tutte di sesso maschile, che entravano e poi repentinamente uscivano da una abitazione posta sulla Via Tosco Romagnola del Comune di Cascina (PI). Successivi e riservati accertamenti, anche attraverso le notizie fornite da alcuni cittadini residenti nella zona, consentivano ai militari della Stazione di Navacchio di ipotizzare che, in quell’abitazione, era in atto l’esercizio del meretricio ad opera di ragazze straniere, non escludendo il coinvolgimento del proprietario dell’immobile, un uomo del luogo abbastanza noto nella locale comunità.

I primi esiti investigativi, erano riferiti alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pisa che, a decorrere dal mese di settembre 2023, determinava una serie di approfondimenti investigativi allo scopo di accertare l’ipotesi delittuosa. Data la natura e complessità degli approfondimenti investigativi, l’Autorità Giudiziaria di Pisa delegava l’intera attività al Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Pontedera (PI) che conduceva le indagini fino alla primavera del corrente anno quando, le indagini, avevano termine con gli esiti che saranno poi commentati. L’attività è stata sviluppata su più canali ed ha consentito di individuare due distinte abitazioni, di proprietà della stessa persona: una ubicata in Cascina e l’altra in Castelfranco di Sotto (PI), ove in atto lo sfruttamento della prostituzione di ragazze prevalentemente di origini cinesi.

Si accertava, preliminarmente, che le due case ove veniva esercitata la prostituzione erano ampiamente pubblicizzati su numerosi e dedicati siti Internet. Gli annunci online erano assolutamente espliciti, con l’offerta di prestazioni erotiche e sessuali ad opera di giovani ragazze asiatiche raggiungibili attraverso utenze telefoniche anch’esse pubblicate negli annunci. Gli investigatori contattavano dette utenze ricevendo risposte da donne con accento palesemente orientale, le quali specificavano il tipo di prestazione sessuale che erano in grado di fornire, i relativi costi e, ovviamente, l’indirizzo dell’abitazione ove esercitavano il meretricio, ovvero le due distinte abitazioni ubicate a Cascina e Castelfranco di Sotto.

Venivano collocate telecamere per la videosorveglianza esterna delle case, in particolare dei
loro ingressi, che documentavano senza dubbio alcuno il notevole afflusso di clienti, tutti
uomini, che vi accedevano ad ogni ora della giornata e in tutti i giorni della settimana. In ragione di questi primi e oggettivi riscontri, erano avviate numerose intercettazioni telefoniche delle utenze pubblicizzate in Internet e in uso alle ragazze e delle utenze del cascinese proprietario dei due immobili ove si esercitava la prostituzione.

Durante la prima fase di captazione telefonica, emergevano, oltre al proprietario dei due
immobili, due figure di spicco: una donna cinese risultata poi essere la tenutaria della casa di Cascina ed un altro cascinese che coadiuvava la predetta. Anche le utenze telefoniche di questi due ultimi attori erano sottoposte a intercettazioni.

Dopo circa cinque mesi di serrata attività investigativa, condotta dai militari della Compagnia di Pontedera attraverso canonici servizi sul “campo” di osservazione, controllo e pedinamento, ascolto e trascrizione di migliaia di telefonate intercettate anche in lingua cinese, nonché visione e analisi di migliaia di ore di video sorveglianza, veniva delineato e rendicontato, alla competente Autorità Giudiziaria di Pisa, il definitivo quadro investigativo.

In buona sostanza emergevano i seguenti aspetti:
1) un cascinesce, responsabile anche di sfruttamento della prostituzione, proprietario dei due immobili ove veniva esercitata la prostituzione, era ben consapevole dell’attività illecita condotta nelle sue proprietà. Gli immobili erano ufficialmente locati, con regolare contratto, ma a personaggi estranei all’attività illecita, a prezzi di mercato (500 – 600 Euro al mese) assolutamente irrisori rispetto agli importanti introiti derivanti dal meretricio, come successivamente indicato. L’uomo – che aveva anche il compito di valutare le ragazze e di rispondere a quei clienti che si rivolgevano a lui per sapere se erano arrivate nuove ragazze, in alcuni casi fruiva di sconti nelle prestazioni. In alcune occasioni si era prestato ad accompagnare alcune ragazze nuove arrivate per raggiungere la casa, oppure dava manforte alla tenutaria quando qualche cliente appariva troppo effervescente;

2) la donna cinese, risultata essere la capofila nella gestione delle utenze cellulari dedicate ai contatti con i clienti, prendeva gli appuntamenti e concordava con il potenziale cliente il costo e il tipo di prestazione sessuale che, poi, demandava alle ragazze che in quel momento esercitavano nell’appartamento. Lei decideva la permanenza o meno presso la casa delle ragazze e si occupava di tenere i contatti con il primo indagato e provvede al pagamento della locazione degli immobili;

3) il secondo cascinese è emerso come collaboratore della tenutaria che coadiuvava per ogni esigenza, soprattutto di tipo logistico e quindi teso a favorire la prostituzione. Spesso l’uomo, da solo o con la donna, si recava ad acquistare alimenti o materiali necessari alla conduzione della casa, in un caso acquistando addirittura 400 profilattici in un sol colpo. Pubblicizzava inoltre l’attività con i propri conoscenti, attraverso le descrizioni fisiche delle ragazze e mettendosi a disposizione per accompagnare i clienti;

4) le ragazze risultavano tutte di origini cinesi, giovani e, perlopiù, provenienti dal Nord
Italia, in particolare dall’area metropolitana di Milano. Mediamente una ragazza esercitava nella casa per 10 massimo 15 giorni, se gradita, dopodiché veniva sostituita in modo da mantenere alta l’attenzione dei clienti abituali sempre alla triste ricerca di “novità”;

5) i clienti delle due case erano sempre e solo uomini, di qualsiasi età. Sono stati contati, mediamente, 15 clienti al giorno per ogni singola casa. Basti pensare che le utenze intercettate in uso alle ragazze hanno registrato, in media, tra le 1.500/2.000 chiamate al mese in entrata ad opera di potenziali clienti. Il costo medio di una prestazione sessuale è risultato essere di 50,00 Euro, con prestazioni “minimali” o scontate per i clienti affezionati fino ad un minimo di 30,00 Euro oppure, per richieste particolari, con costi fino a 100,00 Euro o talvolta cifre superiori. Il giro di affari delle due case, sulla base dei parametri sopra indicati, è stato stimato in circa 45.000,00 Euro al mese.

Sulla base dei riscontri investigativi e delle valutazioni di competenza dei Pubblici Ministeri
della Procura della Repubblica di Pisa, il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di
Pisa emetteva una ordinanza di custodia cautelare personale e reale a carico dei tre soggetti sottoposti ad indagine.

In particolare:
– ai due uomini cascinesi veniva applicata la custodia cautelare degli arresti domiciliari, mentre alla donna cinese la custodia in carcere;
– veniva disposto il sequestro preventivo delle due case.
L’esecuzione delle descritte misure e delle connesse perquisizioni personali e locali è stata attuata dai militari della Compagnia Carabinieri di Pontedera, a decorrere dalle prime ore di
oggi 1° luglio.

Ultime Notizie

Inseguito per le strade di Pontedera, minorenne fermato dalla Polizia Locale su scooter rubato

PONTEDERA: minorenne inseguito e fermato dalla Polizia Locale di Pontedera su scooter rubato La Polizia Locale di Pontedera ha messo a segno un'importante operazione di...

Ricercata, catturata in zona duomo a Pisa dalla Polizia di Stato

Controlli serrati della Polizia in zona Duomo a Pisa, per prevenire furti e danni alla cittadinanza. I risultati non mancano. Su disposizione del Questore di...

La guida turistica di Peccioli è online e scaricabile, ecco come fare

Peccioli borgo sempre più accessibile: è online la guida di Peccioli Accessibile, scaricabile gratuitamente e direttamente dal sito di Village For All. Il Comune di...

Addio all’avvocato Capone di Vicopisano, muore a 60 anni

Il mondo legale pisano perde uno dei suoi protagonisti più stimati. L'avvocato Alessandro Capone, noto tributarista, è scomparso all'età di 60 anni. La  morte dell'avvocato...

Si smarrisce nella boscaglia, i Vigili del Fuoco la rintracciano nella tarda serata

La donna che aveva perso l’orientamento durante una escursione. I Vigili del Fuoco  sono intervenuti alle ore 19:00 nella giornata di ieri domenica 21...

Incendio Geofor, conclusi i lavori di bonifica. Belli: al via la riorganizzazione [VIDEO]

In un comunicato diffuso in rete l'Assessore al comune di Pontedera Mattia Belli aggiorna insieme ai Vigili del Fuoco la situazione a seguito dell'incendio...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Maturità, ITIS Marconi Pontedera: ecco i nomi dei centisti e delle centiste

PONTEDERA. L’ITIS Guglielmo Marconi comunica i nomi degli studenti e delle studentesse che hanno riscosso il massimo dei voti (100/100) all’ultimo esame di Stato. Si...

Muore a 46 anni, lutto in Alta Valdera

Profondo cordoglio per la prematura scomparsa di Francesco Martini. È sconvolta e incredula l’Alta Valdera, che si è svegliata con la notizia terribile della prematura...

Maturità, IPSIA Pacinotti Pontedera: ecco i nomi dei centisti e delle centiste

PONTEDERA. L’IPSIA Antonio Pacinotti comunica i nomi degli studenti e delle studentesse che hanno riscosso il massimo dei voti (100/100) all’ultimo esame di Stato. Si...

Mezzo pesante in fiamme a Pontedera: Vigili del Fuoco in azione [FOTO]

L'incendio è divampato nel pomeriggio di oggi, martedì 16 luglio.  Intorno alle 16 di oggi, martedì 16 luglio, un mezzo pesante ha preso fuoco a Pontedera,...

Restyling della Stazione, Pisa si aggiudica il 3° premio internazionale 

Opere pubbliche, il Comune di Pisa si aggiudica il 3° premio internazionale “CITY SCAPE Award 2024” per il restyling della Stazione. Il Comune di Pisa...

Automobilista inverte la marcia e riparte contromano sulla Fi-Pi-Li

L'allarme è scattato intorno alle 3.30, nella notte tra giovedì 18 e venerdì 19 luglio. Nella notte tra giovedì 18 e venerdì 19 luglio, gli...