22.8 C
Pisa
domenica 20 Giugno 2021

Pontedera, Movimento 5 Stelle: sia più responsabile, dott. Cerza

PONTEDERA. E’ il movimento Cinque Stelle di Pontedera ad agitare le acque in merito all’accorato appello del Segretario Nazionale della Cisl:

“MESsi di traverso” – introduce il documento politico del M5 Stelle -. “Nelle scorse ore, abbiamo letto un accorato appello (talmente accorato da meritare la ribalta nazionale!)  del Segretario Generale della Cisl Toscana Riccardo Cerza attraverso il quale si invitano i parlamentari eletti in Toscana, di maggioranza e di opposizione, la Regione e tutte le parti sociali affinchè dalla Toscana giunga un sì convinto ed unanime al Mes; nello stesso intervento, si asseriva che “il tempo delle divisioni è finito” e ci si richiamava ad una “collaborazione straordinaria tra tutte le forze politiche” nel nome della responsabilità e, al solito, richiamandosi alla consueta litania dell’avversione al populismo”.

“Proprio in quanto esponenti della forza maggioritaria – riporta il documento 5Stelle di Pontedera – che attualmente compone la coalizione di Governo, noi del meetup “Pontedera 5 Stelle” ricordiamo al dott. Cerza che la nostra posizione sul tema espressa dal nostro Capo Politico è stata più volte avvallata dal Governo attraverso la viva voce del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha più volte definito il Mes uno strumento di prestito “inadeguato” per quelle che riteniamo essere le reali necessità del nostro Paese, e ci appare quantomeno sospetta la tempistica dell’intervento su citato, mancando attualmente, i regolamenti attuativi che andrebbero a dettagliare gli eventuali interventi  a gran voce richiesti, rigorosamente  “a scatola chiusa”. Sia più responsabile, dott. Cerza”!

“Ora, però, cerchiamo di entrare nel merito (per quello che si può fare, essendoci attualmente  a disposizione solo una “bozza” datata 8 maggio sul funzionamento della linea sanitaria del Mes)
Come ricorda l’europarlamentare Piernicola Pedicini in un recente intervento, “Ormai il punto di partenza di ogni discussione si basa sull’assunto che quello dovuto al Covid19 sia stato uno shock simmetrico con effetti asimmetrici. Questo per dire che tutti i Paesi ne sono stati colpiti ma che alcuni hanno subito maggiori danni a causa della loro ridotta capacità fiscale (l’Italia, tanto per capirci). Di conseguenza le proposte di soluzione si basano su questo presupposto e mirano a ripianare il danno sulla base del concetto di proporzionalità. Ed è così che si peggiorano gli squilibri europei sempre a favore dei più forti, perché lo shock non è stato affatto simmetrico”.

“L’Italia, e successivamente anche la Spagna, hanno subito i maggiori danni e per di più li hanno subiti prima degli altri.” Anche il Mes sanitario – si scrive nel documento politico del movimento – è concepito sulla base di queste erronee premesse di partenza e come cittadini e come attivisti siamo preoccupati dalla cieca fiducia che diversi esponenti del mondo politico e dell’informazione ripongono in uno strumento che non solo non permetterà di ottenere subito  gli sbandierati 36 miliardi, ma, stante lo 0,76% del cosiddetto “blended lending rate” risulterebbe persino meno competitivo di altri attualmente a disposizione del Governo ed anche pericoloso per la preservazione dell’ormai residuale capacità degli Stati di esercitare la sovranità sul proprio territorio persistendo, attraverso l’eventuale accettazione del pacchetto predisposto dalle istituzioni europee e a dispetto delle ‘autorevoli’ rassicurazioni di questi giorni, la possibilità tutt’altro che trascurabile di un successivo intervento di Bruxelles attraverso cosiddetta ‘sorveglianza rafforzata” nonché della famigerata troika, i cui ben noti metodi si sono abbattuti sull’economia greca'”.

A noi del meetup  “Pontedera 5 Stelle” – riporta il movimento – appare quantomeno singolare l’insistenza sull’utilizzo di uno strumento del genere da parte di associazioni sindacali, deputate nominalmente alla difesa dei diritti dei lavoratori, un’energia che ci saremmo  aspettati, per esempio, a tutela della salute dei dipendenti Piaggio tempo addietro, una vigilanza serrata e costante di cui gli stessi avrebbero ancora oggi e più che mai bisogno”.

“Caro Segretario Cerza, – conclude il documento 5 Stelle di Pontedera –  riteniamo sarebbe opportuno che le istituzioni a tutela del cittadino tornassero a svolgere diligentemente il  proprio compito in base a quelle che sono le rispettive fondamentali  funzioni, evitando strumentalizzazioni ed invasioni di campo, solo così, a parere nostro, verrà debellato il populismo di cui avete tanto paura”!

Ultime Notizie

Scontro tra due vetture, una si cappotta in Viale America

Pontedera. E' accaduto in prima serata l'incidente che ha visto coinvolte due autovetture.L'incidente è avvenuto lungo la strada che costeggia lo Scolmatore alla periferia...

Il rombo dei motori accende Casciana Terme

CASCIANA TERME. E' un ritorno alla normalità, alla vita, e il grande evento che si tiene in questo weekend a Casciana Terme ne è...

Tutte le regole della zona bianca

Da Lunedì 21 giugno la Toscana sarà in zona bianca, riportiamo di seguito tutte le regole da seguire in base al DL 65/2021:Spostamenti - Finisce...

Lavori e strada chiusa a Calcinaia

CALCINAIA. Divieto di transito in via Saffi dal 21 Giugno al 2 Luglio per consentire i lavori di riparazione dell'acquedotto. In una nota comunale si...

Pontedera, “Aria irrespirabile, al Villaggio occorrono immediati controlli”

PONTEDERA. "Aria irrespirabile: il problema non è solo a I Fabbri, servono subito controlli". E' quanto riportato in comunicato stampa dal gruppo politico di...

Vaccini: Valdera e Valdicecina, più del 50% della popolazione è vaccinato

Alta Val di Cecina e Valdera fanno segnare un dato importante a seguito delle somministrazione dei vaccini effettuati, nello specchietto che riportiamo a seguire...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...