28.9 C
Pisa
mercoledì 23 Giugno 2021

Magazzini Mangini 2021: il quarantennale. Armando: “avevo un sogno e l’ho realizzato”

TERRICCIOLA. VTrend ha intervistato un noto imprenditore del settore dell’abbigliamento, che proprio in questi giorni festeggia 40 anni di attività. 

Stiamo parlando di Armando Mangini, proprietario dei conosciutissimi Magazzini Mangini che, in compagnia della moglie Graziella, abbiamo portato ai nostri microfoni. Ci siamo fatti raccontare da lui questa lunga cavalcata, iniziata ben 40 anni fa e non a La Rosa, come molti penseranno, bensì a Fabbrica, nel comune di Peccioli. 

“La nostra storia nasce da una famiglia di commercianti. Mio nonno Armando, che mi ha lasciato il suo nome, nel 1946 aveva una botteghina nel paese di Fabbrica, – ricorda il nipote – noi andavamo a vendere porta a porta ai contadini, prendendo loro l’ordinazione. All’epoca ci fu un vero e proprio boom, si vendeva la ‘roba a pezzi’, per le confezioni dovemmo aspettare gli anni del 1955/56.” 

Armando Mangini fa poi un salto in avanti ed arriva agli ultimi anni ’70. “Prima degli anni ’80 si stravolse un po’ il mercato, si iniziarono a fare vendite e acquisti importanti a Fabbrica. Le persone arrivavano da tutta la zona, a partire da Capannoli, da Peccioli, da Terricciola, da Volterra o da Lajatico”.

“La nostra botteghina era molto piccola, 3 stanzine da 30 metri, mentre il magazzino era più grande della bottega stessa, il parcheggio non c’era e spesso le auto avevano problemi a trovare spazio. Era importante avere grande assortimento, così da poter accontentare tutti i clienti – dice Armando – e noi l’avevamo, è sempre stato il principio di mio nonno ed il mio: se non ce l’hai sei sicuro di non vedere, se ce l’hai magari lo comprano”.

“Poi, nel 1983 si cominciò a fare pubblicità e ci conobbero, soprattutto facendo spot di 30 secondi alla radio. Abbiamo iniziato proprio da Radio Belvedere, emittente di Santo Pietro Belvedere e ad incidere il nostro primo spot fu lo speaker Michele Vestri. Alcune volte rientrando a Fabbrica di Peccioli, mi fermavo ai cimiteri della località e guardando la pianura, dove si stende La Rosa di Terricciola, mi dicevo che era lì che volevo trasferirmi. Il suggestivo sogno si è poi concretizzato”.

Siamo partiti, il primo giorno con mia moglie infilammo la chiave nella porte del nuovo locale e via. É così che abbiamo iniziato questa avventura. Devo ammettere – dice Armando – a me questo lavoro è sempre piaciuto e, quando una cosa piace, non pesa neanche più di tanto. È un lavoro in cui ho sempre creduto” – afferma entusiasta l’imprenditore.

“Dal 1982 ad oggi abbiamo sempre riempito la bottega, nonostante alcune difficoltà nel corso degli anni. Abbiamo sempre cercato di rimanere vivi commercialmente e ci siamo riusciti, andando avanti a testa bassa e con estrema dedizione, questo fino ad oggi. I clienti ci vogliono bene, ci seguono e noi cerchiamo sempre di ricambiare l’affetto, accontentandoli nei prodotti, nella vasta scelta e nel prezzo – dice sorridendo Armando -. Oltre alla Valdera, ormai spaziamo in buona parte della Toscana, da Certaldo a Montaione, passando per Pisa e arrivando alle zone di Santa Croce e Fucecchio. Abbiamo avuto la fortuna di esserci allargati molto.”

“Inoltre – sottolinea – abbiamo creato qualcosa di veramente raro, riuscendo in media a portare 400mila persone l’anno a La Rosa. Di qui anche l’indotto ne guadagna, considerando che ci troviamo in una frazione così piccola della Valdera.”

E, nonostante gli ormai 40 anni di attività, Armando e Graziella guardano avanti. “La strada dei Mangini non finisce qua, abbiamo messo in piedi una nuova struttura di circa 1.500 metri quadri; qui metteremo la biancheria, un settore in cui siamo fortissimi a livello regionale. Questo è un prodotto che ci dà grande soddisfazione” – puntualizza Armando. 

Incuriositi, abbiamo concluso chiedendogli se tornando indietro cambierebbe qualcosa del suo percorso. Nessun dubbio, “sì, ovviamente qualcosa cambierei, – afferma senza remore – ma sono anche abbastanza soddisfatto di tutto ciò che ho fatto, se me lo avessero detto 40 anni fa non ci avrei mai creduto. Io e mia moglie, grazie alla nostra passione e al nostro impegno, con cui siamo cresciuti, ci siamo poi espansi e abbiamo constatato come alla fine tutto venga ripagato.” 

L.C.

©️RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime Notizie

Sventrato camper in FiPiLi: coda chilometrica a Pontedera

FiPiLi non c'è pace: entri e non sai quando esci, ancora un grave incidente sulla grande arteria regionale.Ad essere coinvolti questa volta sono stati...

Al Teatro Era in scena Luca Zingaretti

PONTEDERA. Domenica 27 giugno, alle 21:30, Luca Zingaretti inaugura la III edizione del FestiValdera, intitolata Poco più che persone, con la prima nazionale del...

Torna la Mostra Mercato dell’Antiquariato a Bientina

BIENTINA. La Mostra Mercato dell’Antiquariato riprenderà regolarmente in Piazza dei Borghi a partire dall’edizione di Giugno 2021.Come sempre, la rassegna si svolgerà ogni quarta...

Servizio Civile, terminata la formazione specifica sui progetti “Info Salute Toscana Nord Ovest” e “Informa Elba”

È terminata nei giorni scorsi la formazione specifica per gli operatori di servizio civile universale Anpas Toscana impegnati sui progetti “Info salute Toscana nord...

Ancora un incidente in FiPiLi, coda in aumento in direzione mare

Calda la temperatura ed ancora una volta calda la strada di grande comunicazione. Ancora un incidente sta creando seri problemi alla circolazione degli automobilisti in...

Vicopisano, modifiche della viabilità tra viale Diaz e via Fermi

VICOPISANO. Da oggi in vigore, le modifiche alla viabilità tra Viale Diaz e il ponticello all'intersezione con Via Fermi.In seguito alle verifiche tecniche, effettuate...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...