17.6 C
Pisa
lunedì 20 Settembre 2021

L’infettivologo Sani: “Sono preoccupato per una nuova ondata”

PROVINCIA. Il dott. Spartaco Sani, primario delle malattie infettive dell’ospedale di Livorno e responsabile delle malattie infettive per l’ASL Toscana nord ovest, fotografa la situazione sanitaria sul nostro territorio.

“Anche nella nostra area i casi sono in evidente diminuzione ma, – spiega il Dott. Sani – nel reparto Covid sono ricoverate ancora 6 persone ed altre 5 nelle cure intermedie, questi pazienti hanno problematiche di salute diverse ma sono anche positivi al Covid”, spiega il dottore.
“Purtroppo – aggiunge Sani – nei giorni scorsi abbiamo ricoverato un nuovo paziente in rianimazione che ha manifestato una forma con grave impegno respiratorio, per questo abbiamo dovuto riaprire la parte dedicata al coronavirus. Ciò significa che al di là delle diverse dichiarazioni, a mio avviso azzardate, sul fatto che il virus si sarebbe attenuato, mi preme ribadire che il virus è sempre lo stesso e continua ad essere in grado di produrre gli stessi danni che ha causato fino ad oggi. Sicuramente ha funzionato il “lockdown” perché ha limitato la diffusione del virus con la conseguente riduzione dei casi, portando all’equazione meno casi in generale, meno casi gravi.”

E riguardo le aperture, l’infettivologo è cauto: “Non voglio creare né preoccupazioni né allarmismo. Ma è chiaro che le riaperture avvengono solo per motivi economici, certo importantissimi, ma non si è atteso il contagio zero. I sacrifici fatti in questi due mesi e mezzo, vedi il lockdown, hanno dato risultati importanti, con le riaperture anticipate è possibile che tutti questi sacrifici vengano vanificati, per evitare che accada è importante che le misure di distanziamento siano mantenute e rispettate. Penso che la riapertura di tutte le regioni sia prematura ed in particolare di quelle regioni dove ancora vi è una diffusione significativa del virus. Qualche settimana di ritardo poteva essere estremamente utile. Una ripresa dell’epidemia ed un nuova ondata sarebbe un disastro. Siamo tutti molto stanchi, l’impegno di tutti gli operatori sanitari in questa emergenza è stato enorme e dover ripartire con le stesse modalità della fase epidemica avrebbe conseguenze, sul personale, anche di tipo psicologico.
Anche il rapido riconoscimento ed in controllo sul territorio degli eventuali focolai, certamente necessario, non è né semplice né scontato, richiede un impegno notevole di risorse sul territorio e in ospedale. La rapidità nell’individuare i contatti sui nuovi casi, il loro isolamento, l’esecuzione a tappeto dei tamponi sono essenziali in queste circostanze, e non tutto è così semplice”.

Sani dice la sua anche in merito alla Clorochina, di cui l’OMS, insieme alla idrossiclorochina, ne ha sospeso la sperimentazione perché non ne è stata documentata l’efficacia, mentre si sarebbero verificati importanti effetti collaterali: “Personalmente non sono convinto sulla presa di posizione dell’OMS, relativamente all’impiego della clorochina. Tale opinione si basa su dati relativi a pazienti ospedalizzati e quindi con malattia avanzata. L’utilizzo che abbiamo fatto della clorochina e della idrossiclorochina è stato prevalente, nell’ultimo periodo della fase epidemica, in pazienti sintomatici in fase iniziale e al loro domicilio, lo scopo è stato quello di prevenire la progressione verso forme più gravi. E’ vero che non abbiamo nessuna dimostrazione che questo scopo sia stato raggiunto e che si siano verificati meno casi gravi grazie all’utilizzo della idrossiclorochina e che questa possa avere avuto un ruolo ma non abbiamo nemmeno nessuna dimostrazione del contrario e non abbiamo avuto né noi, né altri in Toscana, a quanto mi risulta, evidenza di effetti collaterali importanti, anche quando è stata associata all’azitromicina. L’idrossiclorochina e forse l’eparina, sono le uniche risorse, attualmente disponibili, nelle fasi iniziali, sicuramente la loro utilità è ancora da dimostrare, come è da dimostrare l’utilità di tutto quello che abbiamo utilizzato fino ad oggi.
Sono convinto che prima di interromperne l’uso, limitatamente ai casi in fase iniziale e a domicilio, avrei preferito avere certezza sulla sua inutilità. L’idrossiclorichina è un farmaco utilizzato diffusamente in ambito reumatologico e come antimalarico, quindi molto conosciuto e sostanzialmente di facile utilizzo. L’OMS, nell’epidemia Covid, in ripetute occasioni non ha brillato.”

Il responsabile delle malattie infettive per l’ASL Toscana nord ovest non nasconde la propria preoccupazione: “Sono preoccupato perché di fronte ad eventuali nuove ondate, oltre all’impegno ed al disagio per tutto il sistema sanitario e per i cittadini, ad oggi non abbiamo ancora soluzioni terapeutiche certe, è bene esserne consapevoli.”

Ultime Notizie

Incidente sulla Tosco-Romagnola a Fornacette: coinvolti 3 veicoli

Coinvolte 6 persone nel sinistro avvenuto di fronte al McDonald’s di Fornacette.Intorno alle 21.45 di oggi 19 settembre, un uomo alla guida del mezzo...

Ancona-Pontedera 2-0, sconfitta amara per i granata

ANCONA. Prima sconfitta stagionale per gli uomini di Maraia. I padroni di casa sbagliano un rigore, poi fanno due gol.Mister Maraia se lo aspettava:...

Frontale in primo pomeriggio, scontro tra pick-up e monovolume

Il 'frontale' è avvenuto oggi intorno alle 13, 30 nel comune di Terricciola Oggi, poco dopo le 13:0O la squadra Vigili del Fuoco di...

Vicopisano, grande tiglio cede spinto dal vento e si schianta sulla cancellata di un’abitazione

VICOPISANO. Un tiglio di grandi dimensioni, uno dei tanti che costeggia il viale che porta a Vicopisano, probabilmente a causa delle forti raffiche di...

FdI: ‘nessuno vuole denigrare il Villaggio Piaggio e il Villaggio Gramsci’

"Sicurezza indispensabile per una rinascita dei villaggi", è la risposta introduttiva che FdI riporta in un comunicato stampa in merito alle dichiarazioni che Elena...

Coronavirus Toscana. Oggi 418 nuovi casi, età media 40 anni, 5 decessi di cui 1 a Pisa

Questi i dati accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale relativi all'andamento dell'epidemia in regione.PISA E PROVINCIAUltime...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Pedofilo seriale finisce in manette: è un 70enne di Pisa molto conosciuto

Settantenne arrestato questa mattina dalla Polizia, accuse molto gravi nei suoi confronti.Questa mattina la Polizia di Stato di Pisa ha posto agli arresti domiciliari...

A 3 anni dall’incendio del Monte Serra, arriva la sentenza: 12 anni per Franceschi

CALCI. L'incendio del 24 settembre 2018 rappresentò un disastro per il Monte Serra: richiesta di condanna a 12 anni e 350mila euro di risarcimento...

Frontale in primo pomeriggio, scontro tra pick-up e monovolume

Il 'frontale' è avvenuto oggi intorno alle 13, 30 nel comune di Terricciola Oggi, poco dopo le 13:0O la squadra Vigili del Fuoco di...

Incidente aereo (simulato) a Pisa

Uno scenario drammatico ma fortunatamente solo recitato vicino all’aeroporto di Pisa, dove è prevista per questa sera una grande simulazione per testare la sinergia...

Fornacette, nozze d’oro per Renato e Lucia, si conobbero al Freedom

Una lettrice ci invia questo saluto per i nonni che oggi, 19 settembre, festeggiano 50 anni di matrimonio. Cogliamo l'occasione durante il week-end per dedicare...

Jeep rubata in Valdera, continuano le ricerche, compare la foto di uno dei due malviventi

"Oggi (leggi) verso le 14:00 questo individuo ripreso dalla telecamera è riuscito ad entrare dentro casa, portarmi via della roba ed ha spaccato quello...