11 C
Pisa
sabato 27 Novembre 2021

Irruzione al Fermi, il dirigente: “Nessuno studente è stato picchiato dal sottoscritto”

Momenti concitati all’Itcg Fermi di Pontedera quest’oggi, per la cosiddetta “festa delle matricole”.

La situazione è degenerata quando alcuni giovani hanno forzato il cancello del Fermi e sono entrati dentro l’area scolastica. Il dirigente scolastico, Luigi Vittipaldi, ha prima chiamato il 113 e poi è intervenuto sulla porta dell’edificio Nord per tentare di impedire l’irruzione all’interno della scuola. Subito dopo l’accaduto è stato condiviso un video sui vari canali social, attraverso il quale, coloro che lo hanno diffuso, accusano il dirigente di aver dato un calcio a uno studente. E in queste ore tra gli alunni stava circolando anche la voce, falsa, che il dirigente fosse stato arrestato.

È proprio il dirigente scolastico Luigi Vittipaldi a voler intervenire sulla questione, di seguito riportiamo quanto scritto dal dirigente sul sito dell’istituto:

“Facendo seguito a diverse telefonate ricevute si precisa che lo scrivente DS (dirigente scolastico, ndr.) è ‘libero’ ed operativo. Nessuno studente è stato picchiato dal sottoscritto in quanto, come si vede bene dal video che sta girando sulle chat di WA e su diversi SN, arrivo lentamente verso le scale in quanto nella mano destra (non sono mancino) ho il mio smartphone che sta riprendendo in video ciò che accade dalla mia soggettiva.

La mia ripresa dura oltre 3 minuti e riprende, a distanza ravvicinata, la maggior parte degli studenti presenti sotto il loggiato dell’edificio NORD, tutti senza mascherina (io indossavo una FFP2) e quindi identificabili dalle FdO: uno è stato identificato sul posto dagli agenti della volante della Polizia intervenuta poco dopo su mia richiesta prima che forzassero il cancello”.

Il dirigente continua: “Dal video registrato da altri si vede bene che accelero la mia andatura nel momento concitato in cui viene aperta la porta di accesso all’Ed. Nord (porta con maniglione antipanico che era chiusa dall’esterno per le norme di sicurezza generali e covid, poi aperta da due studenti, presumibilmente del Fermi, di cui ho il video in presa diretta e che denuncerò) e che, una volta entrato, chiudo dietro di me col braccio sinistro avendo nella dx il cellulare.

Dopo la chiusura della porta, nel giro di 10 secondi circa, tutti gli infiltrati sono poi usciti autonomamente e ripresi in viso a distanza di 20-30 cm senza mascherina: il tutto è registrato sul mio smartphone e a disposizione della Magistratura. Riprendendo minori non posso pubblicare il video in mio possesso per difendere la mia onorabilità, ma chi curerà le indagini per identificare i responsabili lo avrà a disposizione”.

Vittipaldi dichiara che: “Può essere che nei momenti concitati, quando mi fiondo dietro alla porta per richiuderla al fine di impedire ulteriori accessi, ci sia stato qualche “spintone” ma io ero uno solo e con una mano occupata a chiudere la porta e l’altra a reggere il cellulare, quindi nessuna volontà di colpire (cosa che avrei potuto fare tranquillamente con chi era fuori sotto al loggiato) ma solo di impedire l’accesso indebito e potenzialmente pericoloso, mettendo a rischio la mia salute e incolumità essendo in tanti intorno a me e senza mascherine.

Perché l’ho fatto?
1. perché questa cosa delle ‘Matricole’ (che poi nessuno di questi ragazzi lo è…) è un reato: interruzione di pubblico servizio; servizio che in qualità di DS e Pubblico Ufficiale sono tenuto a garantire;
2. perché i minori presenti nelle aule che venissero allontanati da questi individui potrebbero essere esposti a rischi ben più gravi una volta fuori dalla Scuola e la responsabilità, ai sensi dell’art. 2048 del c.c., è mia e degli insegnanti. Se, a seguito dell’uscita da Scuola, un minore fosse finito sotto una macchina o si fosse fatto male al cancello pericolante (o peggio ancora…), da chi sarebbe andato il genitore a chiederne conto? Da me o quei quattro che li hanno buttati fuori?”

“Ogni anno il Dr. Fezza tieni incontri su bullismo e cyberbullismo nelle Scuole con le classi prime, e nella Scuola lavoriamo con Libera ed altre Associazioni per provare a piantare un ‘seme di legalità e di rispetto dell’altro’, ora poi anche con l’introduzione dell’Educazione Civica come materia curriculare, e i risultati sono questi? La Scuola da sempre ha lottato per il rispetto delle regole, soprattutto in questi due anni col Covid, regole che spesso sono disattese da molti, a volte anche da alcuni genitori, sempre pronti a difendere i figli con la scusa che sono ‘bischerate’ oppure che ‘è una tradizione’. Questa non lo è perché è un reato!”

“In qualità di Dirigente dello Stato ho il dovere di far rispettare le leggi e i regolamenti. Ovviamente denuncerò per diffamazione, a mezzo stampa o su SN,tutti coloro che affermano che sono stato tratto in arresto (non vero) per aver picchiato uno o più studenti (non vero) in quanto, come si evince dai video in giro e dal mio, qualunque azione da me messa in atto è stata finalizzata esclusivamente al contenimento dell’accesso abusivo e forzoso di individui intenti a commettere diversi reati anche in violazione delle norme anticovid. A disposizione della Magistratura per le indagini del caso“, conclude il dirigente scolastico.

Ultime Notizie

Corpo Guardie di Città per i bisognosi: donazioni e aiuti solidali

Le persone in condizione di povertà aumentano drasticamente, soprattutto in periodo di pandemia. Gli aiuti concreti e solidali del Corpo Guardie di Città a...

Pontedera, l’ecomostro diventerà una scuola: tempi stretti ma avanti con i lavori

L’ecomostoro diventerà una scuola nuova, moderna e sicura. Il sindaco Franconi aggiorna sull’andamento dei lavori Lo ha annunciato il  sindaco di Pontedera, Matteo Franconi, su...

A Pontedera la celebrazione della Virgo Fidelis e il XXXIV Premio Fellini

La tradizionale celebrazione della Virgo Fidelis, patrona dei carabineri, e la consegna del premio Fellini, quest'anno dedicato a Polizia e alle figure attive nell'emergenza...

Giornata nazionale del Parkinson: oltre 700 i pazienti del “Lotti” di Pontedera

Domani si celebra la “Giornata nazionale del Parkinson” e la neurologia di Pontedera conta ben oltre 700 pazienti: interventi mirati multidisciplinari per combattere una...

Toscana, è boom di vaccini dopo le nuove restrizioni

Le nuove restrizioni per i non vaccinati, imposte proprio ieri dal governo, hanno determinato il boom di prime e terze dosi. Qui le parole...

Scomparso da Pisa: “Non è rientrato in Belgio”

I parenti erano arrivati per riportarlo a casa ma l’uomo sembra scomparso, volontariamente. PISA. Lo ha reso noto l’associazione “Penelope Toscana Odv” con un annuncio...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Tragedia a Capannoli: muore a 27 anni, lascia un bimbo piccolo

CAPANNOLI. Il giovane 27enne Mattia De Santi lascia la famiglia e un figlio piccolo. Inutili i soccorsi.  Il giovane 27enne non viveva in paese da un...

Scontro mortale auto-furgone: perde la vita padre di 32 anni

MONTESCUDAIO. Incidente mortale in provincia di Pisa. Diversi feriti trasportati in ospedale.  Ieri sera, poco prima delle 20 nel Comune di Montescudaio, in Via dei...

Incidente a Ponsacco, un’auto si ribalta

Sul posto ambulanza e polizia municipale. Traffico in tilt. PONSACCO. Spaventoso scontro tra due veicoli, un'auto si ribalta e rimane al centro della carreggiata. Gravi ripercussioni...

I cinghiali gli attraversano improvvisamente la strada, paura in Valdera

Se i lupi non si avvicinano più di tanto alle abitazioni (leggi) come capitato sulle colline di Palaia e San Miniato, la situazione è...

Travolto da un’auto, sfonda il parabrezza: finisce in ospedale

L'uomo è stato centrato in pieno da un'auto. È successo ieri pomeriggio intorno alle 17:30. L’incidente si è verificato a La Capannina, frazione del comune...

Ucciso da una grave malattia a 56 anni

Massimiliano Bottari, 56 anni, operaio della Piaggio, è morto in seguito a una grave malattia. L’uomo lascia la moglie e due figli piccoli, un maschio...