11.6 C
Pisa
domenica 4 Dicembre 2022

Conti: “Inaccettabile che l’aeroporto di Pisa non figuri più tra gli scali strategici”

Il Comune di Pisa ha presentato l’osservazione alla bozza del Piano Nazionale Aeroporti proposto da Enac. Conti: “Pisa strategico, invito Giani e Nardella a inviare analoga osservazione al Ministero delle Infrastrutture”.

“Come già dichiarato nei giorni scorsi, è inaccettabile e fuori da ogni logica che l’aeroporto di Pisa non figuri più, associato insieme a quello di Firenze, tra gli scali di rilevanza strategica

Il Sindaco di Pisa ha inviato stamattina alla Direzione Generale per gli aeroporti, il trasporto aereo e i servizi satellitari del Ministero delle Infrastrutture, l’osservazione alla bozza del Piano nazionale Aeroporti predisposto da Enac, per chiedere formalmente che il Galilei sia inserito nell’elenco degli aeroporti considerati di “particolare rilevanza strategica”.

La bozza del Piano nazionale degli Aeroporti presentato da Enac, sviluppato seguendo le Linee Guida impartite dall’ex Ministro Enrico Giovannini, indica una proposta per le reti territoriali menzionando quella Toscana composta da Pisa e Firenze e, subito dopo, individua 14 scali di particolare rilevanza strategica in cui figura solo Firenze Peretola. “Come già dichiarato nei giorni scorsi, è inaccettabile e fuori da ogni logica che l’aeroporto di Pisa non figuri più, associato insieme a quello di Firenze, tra gli scali di rilevanza strategica – ha dichiarato il Sindaco di Pisa Michele Conti -. L’aeroporto di Pisa è e deve rimanere la principale porta di accesso della Toscana. Partendo da questo assunto sono andato personalmente al Ministero delle Infrastrutture, che ci tengo a ribadirlo, è il dicastero che ha la competenza di approvare il piano che Enac ha il compito solo di proporre, rappresentando al viceministro Edoardo Rixi la nostra posizione. Stamani, conseguenti alla nostra posizione politica, abbiamo formalizzato l’osservazione inviandola per pec, come richiesto dalla procedura prevista dal dicastero”.

“Lo scalo di Pisa, all’interno del sistema aeroportuale toscano Pisa-Firenze, deve essere mantenuto fra gli aeroporti di particolare rilevanza strategica – prosegue Conti –, così come era previsto nel precedente Piano del 2015, e invito il Presidente della Regione Eugenio Giani e il Sindaco di Firenze Dario Nardella a inviare al Ministero delle Infrastrutture analoga osservazione, per dare prova dell’unità d’intenti di chi rappresenta gli enti coinvolti direttamente nella partita che riguarda lo sviluppo del sistema aeroportuale regionale”.

“A differenza di chi ci ha preceduto al governo dell’Amministrazione – conclude il Sindaco –  vogliamo partire dalla realtà per costruire il futuro e non dagli atti che sono solamente e grossolanamente il frutto di una volontà politica che spesso in passato, come nel caso dell’aeroporto di Pisa, è stata foriera di errori strategici che il territorio e soprattutto le nostre comunità hanno pagato a caro prezzo. Mi riferisco al People Mover, che si è rivelata finora un’opera inutile non solo per la città, ma anche per lo sviluppo dell’aeroporto, che grava però in maniera consistente sulla casse del Comune e della Regione. Vogliamo interrompere questa spirale negativa, sovvertire il paradigma e mettere al primo posto lo sviluppo dell’aeroporto di Pisa quale traino di un sistema aeroportuale toscano che può crescere in sinergia”.

Di seguito i principali punti contenuti nell’osservazione inviata al Ministero delle Infrastrutture.

Numero di passeggeri

Pisa, come evidenzia il piano Enac, si piazza al 12esimo posto in Italia con 5 milioni 346 mila passeggeri nel 2019, ovvero nel periodo pre-pandemia Al 30 settembre 2022, dei 5,2 milioni complessivi del sistema aeroportuale toscano, in flessione del 19,8% rispetto ai volumi pre-Covid del 2019, sono 3.494.478 i passeggeri transitati dall’aeroporto Galilei, contro 1.677.933 passeggeri transitati da Firenze Peretola.

Presunta limitazione della gestione dell’Aeronautica Militare

La bozza del documento Enac fa riferimento a non meglio precisati “vincoli operativi” per gli aeroporti di Pisa, Cagliari e Catania, derivanti dalla gestione dello spazio aereo dell’Aeronautica Militare “che ne determina il numero massimo di voli commerciali”. Premesso che a Pisa la presenza della 46° Aerobrigata ha sempre rappresentato un valore aggiunto per l’aeroporto, contribuendo a determinarne lo sviluppo, l’enunciato dell’Enac non può rappresentare un elemento ostativo alla comparizione nell’elenco degli aeroporti strategici visto che, in tale elenco compaiono sia Cagliari che Catania. Nel PNA vigente non viene rilevata nessuna eventuale limitazione per lo sviluppo dell’aeroporto dovuta alla presenza dei militari.

Valorizzazione delle reti territoriali

Nel Piano Nazionale degli Aeroporti vigente, approvato nel 2015, nell’elenco degli aeroporti “che rivestono particolare rilevanza strategica” figurava la dicitura Firenze/Pisa. Com’era già stato compreso allora, è il sistema Pisa-Firenze a essere strategico, ragione per cui in passato è stato scelto che la società di gestione fosse unica per entrambi gli scali. Tralasciando il riferimento al criterio dei capoluoghi di regione (nella bozza Enac, fra i 14 aeroporti strategici figurano Bergamo e Catania), è palese che il criterio seguito non è stato neanche di sceglierne uno per ogni rete territoriale: Milano Malpensa e Bergamo per la rete lombarda e, per la rete siciliana Catania e Palermo figurano fra gli scali strategici. In quest’ultimo caso, inoltre si parla anche di aeroporti gestiti da società diverse.

Coerenza con gli atti urbanistici di Regione e Comune

Il vigente Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilità contiene una descrizione del “sistema aeroportuale toscano” che riconosce l’aeroporto Vespucci di Firenze come aeroporto di interesse nazionale e regionale di rilevanza economica fino all’internazionale, mentre l’aeroporto Galilei di Pisa è riconosciuto di interesse nazionale e regionale e di rilevanza economica fino all’intercontinentale.

Sempre un atto della Regione (integrazione al Piano di Indirizzo Territoriale del 2014) riconosce l’ammodernamento dello scalo aeroportuale fiorentino come esigenza importante per migliorarne l’operatività di funzionamento come city airport, integrato però nell’offerta aeroportuale toscana in sinergia con lo scalo pisano, che si qualifica come aeroporto in grado di ospitare un volume di traffico e una tipologia di aeromobili superiori. Quello che si propone sono dunque due scali diversi che svolgano “mestieri diversi”, con servizi e destinazioni differenziate e con diverse caratterizzazioni.

Nel 2016 inoltre il Comune di Pisa ha valutato i contenuti del masterplan dell’aeroporto di Pisa, riconoscendone la conformità alle norme urbanistiche. Gli interventi proposti dal masterplan per l’adeguamento delle infrastrutture aeroportuali alle previsioni di traffico di trasporto aereo, sono stati ritenuti conformi allo strumento urbanistico comunale: l’ampliamento dei parcheggi auto, la sistemazione a verde, la modifica della viabilità del fronte terminal, la ristrutturazione e l’adeguamento delle reti tecnologiche, la riqualificazione e l’ampliamento del terminal nuovi servizi aeroportuali. Un piano di lavori finalizzati alla riorganizzazione e ampliamento del terminal di Pisa per un investimento complessivo di 48,2 milioni di euro, di cui la parte preliminare dei lavori è già stata avviata da Toscana Aeroporti.

Infrastrutturazione dei due aeroporti

Nelle schede descrittive degli aeroporti del Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilità è presa in considerazione anche l’infrastrutturazione dei due scali aeroportuali. Il Galilei di Pisa è direttamente collegato alla strada di grande comunicazione FI-PI-LI che connette lo scalo con Firenze e Livorno, all’autostrada A12 e tramite quest’ultima all’autostrada A11, che costituiscono gli assi viari principali della Toscana centrale; a livello di trasporto collettivo su gomma è disponibile il servizio bus urbano per Pisa ed il servizio bus per Firenze, Siena e Lucca.

Infine il People Mover connette alla Stazione ferroviaria Pisa centrale che costituisce uno dei due nodi ferroviari principali per il trasporto passeggeri in Toscana. Da sottolineare che l’intervento di realizzazione del People Mover è oggetto di specifico Accordo di Programma per la realizzazione di un sistema di collegamento tra l’Aeroporto Galilei di Pisa e la stazione ferroviaria di Pisa Centrale, parcheggi scambiatori e viabilità di connessione, che fu firmato tra  Regione Toscana, Comune di Pisa, Provincia di Pisa, Sat Spa, RFI Spa e FS Sistemi Urbani spa. Secondo l’Accordo di Programma, la Regione, evidenziando la portata strategica dell’intervento, si è impegnata a investire per la realizzazione dell’opera 27.835.085 euro, nell’ambito del Por Fer 2007-2013, come poi è avvenuto, e una volta entrato in esercizio il People Mover, si è impegnata altresì ad erogare un contributo in conto esercizio, che è attualmente pari a 819.000 euro annui. Sempre in relazione al People Mover risulta opportuno precisare come il Comune di Pisa, in qualità di concessionario, in relazione alle perdite del periodo della pandemia, ed in ragione della matrice di rischio allegata, abbia dovuto erogare alla società che gestisce l’infrastruttura, un contributo straordinario per gli esercizi 2020 e 2021 di 1,8 milioni di euro.

L’aeroporto Vespucci di Firenze è collegato con l’autostrada A11, che connette lo scalo direttamente con Prato, Pistoia e Lucca e l’autostrada A12, oltre alla strada di grande comunicazione FI-PI-LI. A livello di traffico collettivo su gomma è disponibile il bus navetta per la stazione Ferroviaria di Santa Maria Novella, la linea tramviaria e il servizio bus di linea per Prato, Pistoia, Montecatini, Viareggio e per Pisa aeroporto.

Firenze Peretola e la questione seconda pista

La bozza del nuovo PNA redatta da Enac sembra considerare già operativo e funzionale l’aeroporto di Firenze con l’avvenuta realizzazione di una nuova pista utilizzabile da aeromobili di categoria superiore, considerata una condizione necessaria per supportare significative prospettive di crescita. Ma è evidente che la nuova pista ancora non esiste e, a seguito anche del contenzioso avviato dai Comuni confinanti, gli esiti del procedimento di Valutazione impatto ambientale sono stati annullati dal TAR e la successiva sentenza del Consiglio di Stato ha respinto l’appello proposto da Toscana Aeroporti. Adesso è dunque ripartito l’iter per il nuovo masterplan che prevede la realizzazione di una nuova pista di volo lunga 2200 m (cioè più corta di 200 m rispetto al primo progetto) e parallela all’autostrada A11, compreso un nuovo terminal passeggeri.  Il nuovo percorso partecipativo, aperto il 15 novembre, secondo i programmi dovrebbe terminare il 10 gennaio 2023.

Ultime Notizie

Nas sequestrano 15 kg di pesce, sanzionato esercente

Controlli dei Nas nei luoghi della movida pisana. Sanzionato esercente e merce sequestrata. PISA. I Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Livorno, collaborati dai...

“Toccato il fondo. Eliminati gli aiuti per chi non riesce a pagare l’affitto”

La maggioranza del consiglio comunale di Pontedera attacca la manovra finanziaria approvata dal Governo Meloni. PONTEDERA. Riportiamo integralmente il comunicato stampa a firma: "Partito Democratico",...

Maxi incidente sull’Aurelia: 4 auto coinvolte, 12enne in codice rosso

Lo scontro è avvenuto ieri, sabato 3 dicembre, sulla via Aurelia, all'altezza della rotonda del casello autostradale Pisa nord. Tra i feriti un 12enne...

Pisa, fanno esplodere il bancomat della banca e scappano

Il colpo dei malviventi intorno alle 5 di stamattina. La forte esplosione è stata avvertita da molti residenti. Avviate ricerche e indagini delle forze...

Ponte crollato: a lavoro per il ripristino. Angori: “Chiederemo interventi al Governo”

Le parole del Presidente della provincia di Pisa, Massimiliano Angori, sul cedimento del ponte, lungo la strada provinciale 329, nel Comune di Monteverdi Marittimo...

35 nuovi casi Covid in Valdera, il dettaglio dei comuni interessati

Questi i nuovi casi covid rilevati nelle ultime 24 ore in Valdera. I nuovi casi in Valdera sono 35, di cui: Bientina 3, Buti 2,...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Toscana: 2.413 nuovi casi Covid e 18 decessi, in calo pressione su ricoveri

CORONAVIRUS. 2.413 nuovi casi, età media 37 anni. Sono 18 i decessi. I ricoverati sono 826 (20 in meno rispetto a ieri), di cui 55...

Muore ex insegnante e volontaria, comunità in lutto

PONTEDERA. Tutti la ricordano come una grande donna, una persona speciale, un punto di riferimento per tutti i colleghi. E' venuta a mancare ieri...

Finestrini sfondati e furti nelle auto vicino al market

Vetri dell’auto sfondati nei pressi di un noto supermercato, la segnalazione sui social richiama la massima allerta. VICOPISANO  – La segnalazione comparsa sul gruppo social...

Persona scomparsa: in azione anche i droni

Vigili del fuoco e volontari della protezione civile impegnati nelle ricerche. Proseguono oggi, lunedì 28 novembre, le ricerche della persona scomparsa da ieri a Caprona...

Santa Maria a Monte piange il suo storico barista ‘Grappino’

Morto Giancarlo, per tutti 'Grappino', storico barista di Ponticelli: molti i messaggi di cordoglio. SANTA MARIA A MONTE – E’ morto Giancarlo Botti, per tutti...

Montecalvoli piange la scomparsa dello storico barista

Lutto a Montecalvoli per la scomparsa di Angiolo Dal Canto. Con lui se ne va un pezzo di storia della città. La Polisportiva La Perla di Montecalvoli,...