23.1 C
Pisa
martedì 28 Settembre 2021

Cecchini e La Forgia: ministra Azzolina, mancano linee guida per riaperture scuole

Arianna Cecchini, presidente della Conferenza Educativa Valdera ed il Presidente della Rete di scuole della Valdera Gianluca La forgia, scrivono alla Ministra Azzolina una lettera aperta, nella quale si inviata  a fare presto e bene, in merito alla riapertura del nuovo anno scolastico, evidenziando nelle norme da seguire linee chiare e certe:

“Nei giorni scorsi – scrivono La Forgia e Cecchini –  il Parlamento ha approvato il cosiddetto Decreto scuola all’interno del quale sono contenute importanti misure concernenti la conclusione del corrente anno scolastico e l’avvio del nuovo anno scolastico, il 2020/2021.
Il prossimo anno scolastico sarà il primo dell’era dopoCOVID che, pare innegabile, rappresenta e rappresenterà un autentico spartiacque non solo nel nostro immaginario collettivo, ma anche nella gestione concreta di tanti comportamenti individuali e collettivi, ciò almeno fino a che la ricerca scientifica non ci doterà di un vaccino o di farmaci capaci di contrastare efficacemente un virus tanto letale quanto contagioso”.

“In Valdera, – scrivono Cecchini e La Forgia – territorio dove da anni il sistema educativo e scolastico ha alla base un Patto di Comunità tra Enti Locali, Scuole e Famiglie, già al termine della cosiddetta “fase uno”, quando si è cominciato ad intravedere una luce in fondo al tunnel in cui tutto il Paese era sprofondato, si sono tenuti contatti informali tra Amministrazioni Comunali e Dirigenti Scolastici finalizzati a disegnare scenari concreti per l’avvio dell’anno scolastico 2020/2021, colloqui mediante i quali si è provato a stendere ipotesi concernenti la frequenza degli alunni nei plessi scolastici, dalle scuole dell’infanzia agli ultimi anni delle scuole secondarie di secondo grado”.

“Nonostante la buona volontà dei singoli, lo sfondo integratore di questi contatti è stata l’indeterminatezza. Sì, perché al di là della volontà di tutti gli attori istituzionali coinvolti nel ritornare ad una normalità, che non può trascendere dalla frequenza scolastica degli alunni secondo criteri di sicurezza, è apparso fin da subito chiara la difficoltà di dar corpo ad idee quando i parametri di rientro a scuola non sono definiti con chiarezza”.

“E in questo senso a ben poco è servito il documento del Comitato tecnico-scientifico apparso un paio di settimane fa. Anzi, Amministrazioni Comunali e scuole – se possibile – si sono trovati davanti ad un corpus di pagine in cui, a ben vedere, mancava del tutto l’idea di come rientrare a scuola in sicurezza, per tutti.
Ad oggi – continua la presidente – si attendono Linee Guida che, lo si auspica, dettino parametri e cornici certe e sicure in cui enti locali e scuole possano ipotizzare scenari di rientro, anche ricorrendo ad eventuali interventi sugli edifici esistenti, e che siano calate sulla realtà scolastica dei vari territori.
Linee Guida che non scarichino sugli amministratori pubblici e i dirigenti scolastici l’onere di scelte estemporanee e, pertanto, inevitabilmente differenti da zona a zona; non basta che i Sindaci diventino Commissari se non hanno le risorse ed i tempi necessari per gli eventuali interventi.
Alla Ministra all’Istruzione Lucia Azzolina Al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte Ai Parlamentari del territorio “.

“Linee Guida che non si limitino ad indicare con vaghezza ipotesi di sdoppiamento delle classi, di utilizzo di spazi alternativi alla tradizionale aula scolastica, di ingressi e uscite scaglionati, senza tener conto di norme di legge, di disposizioni amministrative, di vincoli organizzativi e assicurativi, circa la sorveglianza degli alunni e dell’organico di personale necessario ad assicurarla, così come del personale necessario ad effettuare operazioni di pulizia quanto mai necessarie nell’era del “dopoCOVID”.
Linee guida che tengano conto che i bambini ed i ragazzi sono di per sé socialità, relazioni umane, e che non è pensabile che restino immobili o circondati da barriere fisiche e indossando la mascherina per molte ore”.

 

“Ad oggi – continuano La Forgia e Cecchini – si è compreso che l’aspirazione è quella di rientrare negli edifici scolastici, senza ricorrere a forme di alternanza tra didattica in presenza e didattica a distanza, peraltro sfida vinta dalle scuole del nostro territorio sia in termini di frequenza degli alunni e di collaborazione delle famiglie, sia in termini di distribuzione di dispositivi che di connettività, grazie soprattutto al grandissimo impegno delle famiglie”.

“Meno di novanta giorni mancano all’avvio del prossimo anno scolastico e al momento rimangono oscuri alcuni punti nodali attorno ai quali si sono arenati i colloqui tra amministratori pubblici del territorio e dirigenti scolastici: il tempo scuola, la refezione scolastica, il trasporto scolastico, gli eventuali sdoppiamenti delle classi più numerose, l’organizzazione flessibile di ingressi e uscite degli alunni e del personale. Si tratta di temi sui quali le Linee Guida devono fare chiarezza, magari ipotizzando scenari diversi, ancorati a curve di eventuale contagio”.

“Sindaci e Dirigenti Scolastici sono pronti, come sempre, a fare la propria parte ma chiedono di essere messi in condizione di fare scelte operative secondo una cornice che sia certa, in cui siano non solo delineate le competenze di ciascuno, ma anche e soprattutto parametri di rientro che risultino praticabili tanto dagli istituti scolastici delle aree più urbane, quanto a quelli ubicati in zone collinari e distanti dai grandi centri urbani, scelte operative che siano condivise dalla famiglie, affinché non arrechino ulteriori disagi a situazioni familiari già messe a dura prova nell’ultimo periodo”.

Servono risorse, ma più ancora occorre la definizione di un perimetro di misure e criteri che sia necessariamente prescrittivo, dettagliato e praticabile. Tutto ciò per consentire di rimettere al centro della discussione bambini e ragazzi ed affinché si possa ripartire a settembre, dando risposta alle istanze delle famiglie che vedono ancora oggi, come hanno sempre visto anche in passato, Comuni e Scuole come istituzioni pubbliche di prossimità e, specie nei piccoli centri, veri e propri presidi pubblici a cui rivolgersi per le più disparate esigenze di vita individuale e collettiva”.
“Ecco perché si viene a chiedere di FARE PRESTO E FARE BENE. Famiglie e alunni stessi lo chiedono. Sindaci e Dirigenti Scolastici sono pronti a dar corpo a misure e criteri di rientro a settembre, ma per farlo, lo si torna a ripetere, occorre che le Linee Guida annunciate arrivino presto e risultino chiare, prescrittive e praticabili”. Così concludono i firmatari del docimento Cecchini e La Forgia.

Ultime Notizie

Coronavirus, sono 11 le classi in quarantena

Covid, sono 11 le classi finite in quarantena in Valdera e Alta Val di Cecina I dati sono riportati nel consueto bollettino riepilogativo del martedì...

Covid-19, in Valdera e nella zona pisana nessun decesso nell’ultima settimana

Riportiamo l’aggiornamento settimanale dell’Azienda Usl Toscana nord ovest.I nuovi casi positivi, da martedì 21 a lunedì 27 settembre, sono stati 433 con 52...

Anche a Pisa, dal 4 ottobre, mammografie su mezzo mobile

PISA. Mammografia di screening alle donne che a causa della pandemia Covid-19 sono state impossibilitate a sottoporsi all'esame strumentale. A Pisa al poliambulatorio di via...

Le imbarcazioni di Palio e Regata “trovano casa” nella Darsena Pisana

PISA. Sarà un capannone nella Darsena Pisana, gestito dalla Navicelli Srl, il nuovo deposito per le imbarcazioni utilizzate per il Palio di San Ranieri...

Al via i lavori al terminal bus di Pontedera

PONTEDERA. Corsia A del terminal bus di Pontedera chiusa da domani fino a fine dei lavori. Da Mercoledì 29 Settembre e fino al termine dei...

Turista 25 enne francese centra con il drone la Torre di Pisa

PISA. Denunciato un giovane turista francese, reo di aver centrato la Torre di Pisa con il suo drone. E' successo ieri, quando gli agenti della...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Uomo trovato morto in casa

Un uomo di 54 anni è stato trovato morto in casa nella giornata di ieri.Se ne è andato così, in solitudine, Michele Paoli, 54...

Ucciso da un malore improvviso noto professore

Stroncato da un malore storico professore dell'ateneo pisano.Università in lutto per la scomparsa di Mauro Aglietto, 84 anni, storico professore di chimica dell’ateneo pisano....

Dalla Butese alla serie A, l’esordio contro il Cagliari

A 19 anni esordire in serie A, non è così consueto che ciò accada per un ragazzo della sua età, i primi calci al...

Grave l’uomo rimasto ustionato sul lavoro

Terricciola sotto choc dopo l’incendio che è divampato nella mattinata di ieri e in cui è rimasto ferito gravemente il titolare della tappezzeria Doveri.Non...

Covid, scuola: in Valdera 8 classi in quarantena

A poco più di una settimana dal suono della prima campanella, in Valdera le classi in quarantena sono otto.Il numero maggiore di classi a casa...

Ucciso dalla malattia storico commerciante della Valdera

Un grave lutto ha colpito il mondo del commercio della cittadina del mobile.È morto nella giornata di ieri Giovanni Bini, 54 anni, titolare della...