16.1 C
Pisa
mercoledì 12 Maggio 2021

Verso una mobilità più sensata e sostenibile

Intervista a Giovanni Bonini e Alessandro Sosi, rispettivamente project manager e chief
operating officer di OpenMove, azienda leader nella bigliettazione, infomobilità e Mobility-as-a-Service (MaaS).

Una mobilità più sensata e sostenibile è fondamentale per il futuro nostro e dei nostri figli.
Un futuro che, almeno dal punto di vista tecnico, potrebbe essere già presente, visto che le
soluzioni tecnologiche ci sono: basterebbe avere il coraggio di metterle in pratica. Per
questo, però, bisognerebbe superare gli ostacoli di carattere culturale che ancora
permangono, poiché la digitalizzazione del mondo dei trasporti è appena iniziata.
Come ci ricorda Giovanni Bonini, project manager di OpenMove, azienda italiana leader in queste tecnologie: “La digitalizzazione, di per sé, non è buona o cattiva: è l’uso che ne
facciamo a permetterci di cogliere le opportunità che si presentano. In molti contesti e
settori, la digitalizzazione, anche molto spinta, è ormai un dato di fatto: apprezziamo
contenuti multimediali in streaming ed effettuiamo acquisti online dal divano di casa. Lo
smartphone è ormai uno dei principali canali di accesso alla propria banca. Non sarebbe
bello e, soprattutto, comodo, se potessimo fare qualcosa di simile anche nell’ambito della
mobilità? Per via della cosiddetta globalizzazione, i viaggi porta a porta stanno diventando
sempre più complessi e richiedono una pluralità di mezzi di trasporto. Per esempio, potrei
partire da casa con la mia autovettura, parcheggiarla in un luogo sicuro, prendere l’autobus
per l’aeroporto, imbarcarmi e volare, per poi salire a bordo di un taxi, con il quale raggiungere la mia destinazione finale. Non sarebbe utile, se si potesse accedere a tutto ciò
tramite un’unica app di mobilità? Non scordiamoci che, per combattere il cosiddetto riscaldamento globale, dobbiamo ridurre le emissioni. Questo richiede l’ottimizzazione dei percorsi e il riempimento dei mezzi di trasporto, ovviamente nel rispetto dei vincoli temporaneamente imposti dalla pandemia di COVID-19. Pensiamo a cinquanta persone che
vanno al lavoro, ciascuna con la sua autovettura, e confrontiamo questa situazione con ciò
che succederebbe, se tutte e cinquanta salissero sul medesimo autobus. Avremmo meno
emissioni e un traffico non così congestionato, con la conseguente riduzione dei tempi
necessari per gli spostamenti”.

Le moderne tecnologie permettono anche di risparmiare. Un esempio interessante è legato
all’uso del QR code: un semplice adesivo da inquadrare con il proprio dispositivo, per
validare il biglietto, reso immateriale e legato al proprio account, vera e propria chiave di
accesso (token) a un sistema di bigliettazione che in termini tecnici si chiama account-
based. Secondo Alessandro Sosi, chief operating officer di OpenMove: “In questo modo, non si corre più il rischio di perdere il titolo di viaggio e, con esso, la quantità di denaro sborsata per il suo acquisto. Per l’ente che fornisce il servizio, il QR code diventa un vero e proprio validatore, di cui il cellulare dell’utente rappresenta l’elemento attivo. Grazie all’impiego di software allo stato dell’arte, è possibile affidarsi ad hardware molto semplice ed economico, per una mobilità a beneficio di tutti”.

Ultime Notizie

Figliuolo: da lunedì 17 prenotazioni anche per i 40enni, anche in Toscana?

Francesco Figliuolo, Commissario per l'Emergenza, ha inviato alle Regioni una lettera per dare il via libera alle prenotazioni dal prossimo 17 maggio anche per...

Pontedera unisce Italia e Giappone, punto d’incontro sulle due ruote

Presentata questa mattina nella sede di Mitsuba Italia a Pontedera (Pisa) la nuova Ducati Multistrada V4, risultato della sinergia tra lo storico brand emiliano...

Nuovi intervalli tra prima e seconda dose di Pfizer e Moderna per chi prenota dal 13 maggio

Le persone che prenoteranno la prima dose di Pfizer o Moderna da domani (dalle ore 00:01) giovedì 13 maggio avranno la seconda dose al...

Ricercato, individuato e arrestato nella notte alla stazione di Pisa

Ricercato arrestato nella notte a Pisa dalla Polizia di Stato. Gli agenti della Polizia Ferroviaria di Pisa, intorno alla mezzanotte, hanno arrestato un cittadino somalo...

Sportello psicologico gratuito per cittadini e cittadine del Comune di Bientina

Il Comune di Bientina, in collaborazione con la cooperativa Arnera, organizza uno sportello d’ascolto psicologico gratuito rivolto ai cittadini e alle cittadine. Gli incontri si svolgeranno presso...

Per una Pisa più sicura, al via la gestione automatizzata dei sottopassi

Una Pisa più sicura e sotto controllo anche in caso di nubifragi e forti precipitazioni. Pisamo, azienda partecipata del Comune di Pisa, ha infatti operato...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...