15 C
Pisa
sabato 15 Maggio 2021

Il vaccino AstraZeneca è davvero più pericoloso di Pfizer o Moderna?

COVID-19. Come sappiamo, mezza Europa sta ormai procedendo a rilento per quanto riguarda le vaccinazioni anti-Covid. Ben tredici sono i paesi ad aver sospeso, in maniera “precauzionale e temporanea”, la somministrazione del vaccino AstraZeneca dopo che negli ultimi giorni si sono alzati polveroni su possibili gravi effetti collaterali.

Attese per domani, giovedì 18 marzo, nuove indicazioni dall’Ema, l’agenzia del farmaco europea, che ha già ribadito come in realtà i benefici del vaccino AstraZeneca siano maggiori di quelli che sono i suoi rischi. I casi sotto indagine riguardano infatti trombosi e morti sospette, ma non è stato accertato ancora nessun legame di causa ed effetto con la vaccinazione AstraZeneca. Le autopsie, dunque, al momento sembrano escludere correlazioni con il vaccino, sebbene ci sarà bisogno di ulteriori accertamenti. L’interrogativo principale però resta: perchè con gli altri vaccini anti-Covid non è parlato così tanto di morti e reazioni sospette? Ecco perciò, come riporta il quotidiano Il Foglio, che sono stati raccolti i numeri di Era e Ecdc sui tre farmaci principali utilizzati nell’Unione Europea: Pfizer-Biontech, AstraZeneca e Moderna. Per quanto riguarda i tre farmaci principali, di quello di Pfizer sono già state somministrate più di 42milioni di dosi, di AstraZeneca quasi 15 milioni e di Moderna 3 milioni e mezzo.

Come riporta il suddetto quotidiano, secondo i dati raccolti dall’Ema ed aggiornati al 13 marzo scorso, Pfizer è il vaccino che in assoluto ha anche il maggior numero di reazioni avverse. Ne sono state segnalate 102.100 in totale, contro le 54.571 di AstraZeneca e le 5.939 di Moderna. Il rapporto tra dosi somministrate e reazioni avverse è più alto nel caso di AstraZeneca, anche se solo di qualche decimale: è lo 0,24 per cento per Pfizer, lo 0,37 per AstraZeneca e lo 0,16 nel caso di Moderna. Il rischio dunque sembra essere pressoché lo stesso, e per di più bassissimo, in tutti e tre i casi. Inoltre, occorre premettere come i sospetti effetti collaterali potrebbero non essere correlati o causati necessariamente dal medicinale, ma da altri fattori. Ad esempio, ho una malattia e sto assumendo un medicinale, questo, a contatto con il vaccino, a causa dell’interazione di più farmaci può causare un effetto collaterale. Se si considerano però solo le reazioni avverse che riguardano i “disturbi vascolari”, la categoria nella quale l’Ema inserisce la trombosi, la malattia che ha portato sotto i riflettori il vaccino AstraZeneca, i dati sono i seguenti:

  • Pfizer: 4.820 casi e 74 decessi (57 casi di trombosi, zero decessi), con un rapporto sui casi totali dello 0,0114 per cento;
  • AstraZeneca: 1.656 casi e 11 decessi (10 casi di trombosi, zero decessi), con un rapporto sui casi totali dello 0,010 per cento;
  • Moderna: 368 casi e 32 decessi (7 casi di trombosi, un decesso), con un rapporto sui casi totali dello 0,0111 per cento.

Secondo i dati Ema nel caso di AstraZeneca lo 0,014 per cento (2.080 casi in numero assoluto) sul totale delle dosi somministrate sono ricollegabili a “disturbi cardiaci”, con 63 morti sospette. Con Pfizer ci sono state 4.636 sospette reazioni avverse (0,011 per cento) e 276 decessi sospetti e sono stati 501 i casi registrati (lo 0,014 per cento) in seguito all’uso del vaccino Moderna, di cui 96 fatali (un numero superiore a quello di Astrazeneca).

FONTE: Il Foglio 

Ultime Notizie

Grave incidente, 13enne in bicicletta travolto da uno scooter

CASCINA. Un 13enne che si trovava in sella alla sua bici è stato investito da uno scooter.L'incidente è avvenuto intorno alle ore 14:30 a...

A Calcinaia il Covid non ferma il “Pellegrinaggio della Memoria”

CALCINAIA. Era molto tempo che non accadeva. La pandemia aveva fatto in modo che le porte della Sala Don Angelo Orsini, la sala dove...

Pisa ospiterà la 21esima edizione del Raduno Nazionale dei Marinai d’Italia

Pisa è stata scelta per ospitare, nel maggio del 2023, il XXI Raduno Nazionale dei Marinai d’Italia, una manifestazione che richiamerà in città oltre...

Il Covid fa un’altra vittima a Casciana Terme Lari

CASCIANA TERME LARI. Il sindaco Mirko Terreni torna ad aggiornare i cittadini sull'andamento del contagio e comuica un decesso legato al Covid."La situazione epidemiologica...

Valdera e Pisa, i nuovi contagi per comune

COVID-19. Nell’Azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 15 maggio, sono 123.In Valdera si registrano 9 casi, così suddivisi: Capannoli 1,...

Una galleria virtuale per un gemellaggio reale

CALCINAIA. L’Europa non è un concetto astratto, ma una straordinaria opportunità per mettere in contatto culture diverse, per confrontare differenti tradizioni, per scoprire nuovi...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...