17 C
Pisa
sabato 15 Maggio 2021

“Una data per ripartire, o riapriamo il Primo maggio”

“Vogliamo una data certa per riaprire, oppure dal Primo maggio riapriremo tutti”. Questa la richiesta che si leva dalla grande manifestazione di Firenze a cui Confcommercio Provincia di Pisa ha partecipato insieme a tutte le Confcommercio della Toscana.

Più di mille imprenditori, commercianti e partite Iva si sono mobilitate davanti alla Prefettura di Firenze per chiedere una data certa per poter riaprire le proprie attività. Una manifestazione che si è conclusa con la consegna al Prefetto di Firenze Alessandra Guidi, da parte della presidente di Confcommercio Provincia di Pisa Federica Grassini, insieme a una delegazione delle Confcommercio toscane, di un documento con le richieste delle imprese del terziario. Al termine dell’incontro, la delegazione è stata ricevuta dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e dall’assessore all’Economia Leonardo Marras.

“Basta incertezza! Non ci accontentiamo più di promesse e parole. Dopo 14 mesi siamo al punto di partenza, ancora più stremati dopo le tantissime ingiustizie che solo noi imprenditori abbiamo pagato” tuona la presidente di Confcommercio Provincia di Pisa Federica Grassini, “Vogliamo una data certa in cui verrà garantita l’apertura delle nostre attività. Se il Governo non risponderà ce la prenderemo da soli, e sarà il Primo maggio. Una data simbolica, che rappresenta la festa dei lavoratori, in un anno in cui le imprese non hanno lavorato, ma che segna anche il limite della nostra sopportazione.”

“Stiamo subendo le decisioni di chi non conosce le dinamiche del nostro lavoro, e noi non siamo soltanto lavoratori, ma anche datori di lavoro. È arrivata l’ora di ascoltarci. Nelle attività che potrebbero stare aperte e accogliere i clienti rispettando tutte le condizioni di sicurezza non è ancora possibile lavorare, ed è ora che il cambio di passo tanto invocato venga messo in atto: abbiamo bisogno di una data per riaprire”.

“Non si deve abusare e approfittare della pazienza di aziende e imprese familiari a cui sono stati chiesti sacrifici enormi e a questo punto inutili, visto che il numero dei contagi in questi mesi non è diminuito” afferma il direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli. “C’è un tempo per resistere, e le imprese lo hanno fatto con enormi sacrifici. e uno per ripartire. Ora serve una risposta immediata, domani potrebbe essere già troppo tardi per molti, e la riapertura deve essere definitiva. Le imprese non sono più in grado di reggere ulteriori e inique chiusure”.

Ultime Notizie

Pontedera, “Cimiteri in balia del degrado e dell’incuria”

PONTEDERA. Fratelli d'Italia torna a sottolineare le problematiche dei cimiteri comunali.Per il consigliere comunale Matteo Bagnoli e gli esponenti di FdI, Matteo Arcenni, Giuseppe...

Voleva entrare nella casa dell’ex, arriva la Polizia e scatta l’inseguimento

Erano le 6,50 di questa mattina, quando una volante si è precipitata ad Oratoio dove 'l'ex segnalava' la presenza dell'uomo indesiderato alla porta di...

Covid-19: il bollettino sanitario di oggi, venerdì 15 maggio

Coronavirus Toscana, 491 nuovi positivi, età media 37 anni; 19 i decessi. E' la sintesi del nuovo  bollettino sanitario reso pubblico da regione Toscana...

Vicopisano, territorio comunale sempre più cardioprotetto

VICOPISANO. 19° DAE-defibrillatore semiautomatico esterno installato dall'Amministrazione Comunale in località Guerrazzi. "Il DAE , spiega l'Assessora alle Politiche Sociali, Valentina Bertini, è già stato...

Luci “green” per il centro di Cascina

CASCINA. È in calendario prima del 15 settembre la partenza dell’intervento di riqualificazione energetica, con adeguamento normativo, per gli impianti di illuminazione pubblica del...

Chiuso il triplice intervento sull’acquedotto di Peccioli

PECCIOLI. Prosegue l’impegno di Acque SpA per migliorare il servizio per qualità e continuità. Completamente risanati 550 metri di tubazioni, per un investimento da...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...