20.2 C
Pisa
martedì 24 Maggio 2022

Terapia al plasma, Pisa capofila della sperimentazione

PISA. L’Azienda Ospedaliero-Universitaria pisana, è la struttura capofila per la sperimentazione della terapia al plasma iperimmune.

Lo studio sulla plasmaterapia è in corso a Pisa e si testa su pazienti Covid-19 l’infusione di plasma donato da pazienti Covid- 19 guariti.

Ad oggi, com’è noto, non esiste un trattamento specifico per Sars-CoV2 ma, come accaduto per altre precedenti epidemie virali – Ebola, MERS-CoV (Middle East respiratory syndrome coronavirus, MERS-CoV), H1N1pdm09 (pandemic 2009 influenza A H1N1) – l’uso di plasma da soggetti convalescenti, sopravvissuti all’infezione, ha dimostrato di avere un ruolo terapeutico soprattutto perché fattibile e poco rischioso.

Alla luce di quanto evidenziato dalla revisione della letteratura – pur non essendoci attualmente studi che ne dimostrino la fattibilità e l’efficacia nell’ambito dell’epidemia mondiale di SARS – l’uso di plasma da donatori convalescenti potrebbe avere un ruolo terapeutico, senza gravi eventi avversi, anche nei pazienti critici affetti da Covid-19, come è già avvenuto in Cina. 

Inoltre, la possibilità di disporre di donatori locali offre il valore aggiunto di dare un’immunità specifica acquisita contro l’agente infettivo proprio del ceppo locale, in considerazione del fatto che in altre aree il ceppo potrebbe essere differente.

Obiettivo primario dello studio è valutare l’efficacia terapeutica del plasma infuso su pazienti affetti da grave insufficienza respiratoria per polmonite interstiziale da Covid-19. In seconda battuta questo protocollo di cura mira anche a valutare il decorso clinico dei pazienti trattati in termini di intervallo di tempo per l’estubazione, durata di degenza in terapia intensiva, giorni in ventilazione meccanica, durata della ventilazione con casco CPAP. 

La sopravvivenza verrà valutata anche in base ad età e presenza di altre patologie pregresse; inoltre, si valuterà la riduzione della carica virale nel tampone nasofaringeo, espettorato e lavaggio broncoalveolare (BAL) a 1,3 e 7 giorni dopo infusione di plasma. Inoltre, saranno monitorate la viremia e la risposta immune. 

I pazienti selezionati alla terapia, previa acquisizione del consenso (dal diretto interessato o, ove necessario, dai familiari, dal tutore legale o per decisione del medico in caso di pericolo di vita) sono adulti, con positività al Sars-CoV2, polmonite grave da almeno 10 giorni attestata da imaging radiologico, insufficienza respiratoria grave e necessità di ventilazione meccanica o tramite CPAP.

“La Regione Toscana – dice il presidente Enrico Rossi – si è impegnata tempestivamente e su più fronti” con “intervento che ha saputo anche cogliere e supportare la ricerca di qualità. E’ il caso della sperimentazione della plasmaterapia a Pisa che contribuisce ad aumentare le possibilità di cura”.

Ultime Notizie

Bitcoin a Pontedera, i due locali del futuro

PONTEDERA. 'Rewind' e 'Non solo fumetto' saranno i primi ad accettare pagamenti in Bitcoin. Il locale 'Rewind' e il negozio 'Non solo fumetto' di Pontedera...

Grande attesa per la 1ª edizione del premio Mazzinghi

PONTEDERA. Premio Mazzinghi, un passo avanti condiviso. Un passo avanti in vista dell'evento-premio Mazzinghi, in ricordo del campione del mondo di pugilato scomparso nel 2020....

Imago, “caccia all’immagine” a Pisa

L'associazione culturale Imago organizza la XX Maratona Fotografica.  L'associazione culturale Imago organizza la XX Maratona Fotografica Imago. L'iniziativa è articolata in due momenti: la Maratona Fotografica...

Covid, un solo ricoverato al Lotti di Pontedera

CORONAVIRUS. 3.916 nuovi positivi dal 17 al 23 maggio nell’Asl Toscana nord ovest. Questi gli aggiornamenti sulla situazione Covid nell’Azienda USL Toscana Nord-Ovest. I nuovi casi positivi, dal...

Tenuta di San Rossore a tutto led

Terminato l'intervento che coniuga sostenibilità ambientale e risparmio energetico. "Da oggi la Tenuta di San Rossore è illuminata a led, grazie ad un intervento che...

Beni confiscati alle mafie, la Toscana aiuta anche Montopoli

Anche l'amministrazione di Montopoli in Val d'Arno, in provincia di Pisa, riceverà un contributo. La Regione Toscana tende la mano ai Comuni a cui sono stati...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Morto guidando contromano in FiPiLi, polizia non trova il cellulare di Jacopo

Incidente mortale in FiPiLi, resta il giallo dell’ingresso contromano di Varriale. L’analisi del cellulare potrebbe fornire informazioni su quanto accaduto nella notte di sabato...

Muore noto medico di famiglia

In Alta Valdera sono in molti a piangere la scomparsa del dottor Mireno Guerrieri. TERRICCIOLA. Si è spento all’età di 72 anni Mireno Guerrieri, per...

Pontedera, precipita dal terzo piano: codice rosso

L'uomo è volato giù dal balcone ed è atterrato sopra un'auto in sosta riportando numerosi traumi. Un uomo di origine straniera, 33 anni, è volato...

Cade dalla bici e sbatte la testa, trasportato al pronto soccorso

PECCIOLI. Un ciclista ha riportato un trauma cranico non commotivo. Caduta rovinosa di un ciclista nella tarda mattinata nel comune di Peccioli Il ciclista ha riportato...

Malore improvviso alla stazione, 45enne si accascia a terra

Il massaggio cardiaco praticatogli da una passante e il defibrillatore lo hanno tenuto in vita fino all’arrivo del personale del 118. PONTEDERA. Un uomo di...

Peccioli, ferito alla gamba dalla motosega

È accaduto oggi intorno a mezzogiorno. PECCIOLI. Intervento del 118 in via Poggio al Pino dove una persona ha riportato una ferita da taglio a...