14.5 C
Pisa
martedì 11 Maggio 2021

Sei foto simbolo della pandemia incantano le mura della città di Pisa

PISA. Saranno sei le grandi fotografie che verranno trasformate in manifesti, formato 6×3 metri, raffiguranti alcuni tra i più drammatici momenti del lockdown e dell’emergenza Coronavirus e poi affisse sui muri della città di Pisa. 

Dalle strutture complesse di terapia intensiva, alla fatica dei volontari della Croce Rossa fino all’immagine di medici e infermieri nella corsia dell’ospedale o alla sanificazione di piazza dei Miracoli, che ha fatto il giro del mondo. 

L’iniziativa viene dal Comune che ha sposato il progetto di fotogiornalismo del collettivo Lumem ed i manifesti saranno affissi dal 16 al 31 luglio in diverse zone della città. 

“Quando sono stato contattato da questi giovani artisti – spiega l’assessore alla cultura, Pierpaolo Magnani – mi è piaciuta subito la loro idea. Nei luoghi dove solitamente sono posizionati i cartelloni pubblicitari, ci saranno quindi queste foto iconiche su quello che abbiamo vissuto durante l’emergenza Covid-19. Fotografie dal contenuto artistico molto alto che ci invitano ancora a fare attenzione e a non abbassare la guardia perché il pericolo può essere ancora dietro l’angolo. Ringrazio il collettivo Lumen e la Sepi che ha consentito di effettuare questa operazione a titolo completamente gratuito. Un progetto che nasce in una situazione particolare e che mi piacerebbe diventasse un appuntamento fisso per la città”.

Il progetto di fotogiornalismo e informazione visiva dell’associazione Lumen, in collaborazione con il Comune di Pisa, ha coinvolto professionisti come il fotoreporter di guerra Gabriele Micalizzi; la fotografa di Getty Images Laura Lezza; il fotografo infermiere Paolo Miranda; il fotografo dell’agenzia Contrasto Francesco CoccoEnrico Mattia Del PuntaFrancesca Pettinato, ognuno dei quali ha realizzato un illustrazione. 

 «Lumen – ha spiegato Enrico Mattia Del Punta – è un collettivo composto da sei persone, tutte di Pisa. La nostra filosofia è intendere lo strumento fotografico come un ‘lume’ per mostrare, illuminare, portare a conoscenza anche di chi in genere non legge i giornali, le storie del nostro tempo. Consideriamo la fotografia e il fotogiornalismo un mezzo comunicativo intramontabile e necessario: questa crisi socio-sanitaria ci ha mostrato quanto questo sia vero».

 

Ultime Notizie

Morte di Sara Campinotti, automobilista indagato per omicidio stradale

PONTEDERA. Non sono ancora state fissate le esequie di Sara Campinotti, la giovane motociclista di 27 anni morta sabato scorso in un tragico incidente...

Passeggiata ecologica a Bientina

BIENTINA. La Polisportiva Quattro Strade in collaborazione con il Comune di Bientina ha organizzato la passeggiata ecologica.L'appuntamento è fissato per sabato 15 maggio, alle...

Vaccini, Astrazeneca esce di scena

Mentre in Italia e in Toscana iniziano i vaccini over 50, a livello europeo è stato definito lo stop di AstraZeneca.La Commissione Ue ha...

Infermieri, una campagna fotografica per ricordare le promesse mancate

L’iniziativa portata avanti dal sindacato degli infermieri in occasione della Giornata mondiale dell’Infermiere che si celebrerà il 12 maggio.“Nella Giornata mondiale dell'Infermiere la nostra...

Grande emozione per la riapertura del Teatro Era

PONTEDERA. Dopo mesi di stop a causa delle restrizioni contro il covid19, il Teatro Era ha ritrovato il suo pubblico.Domenica 9 maggio, alle ore...

Desk Valdera, Alderigi: “Rappresentare i bisogni di tutte le comunità”

CALCINAIA. In merito alla presentazione alla stampa del progetto ”Desk Valdera”(leggi QUI), si esprime anche il sindaco Cristiano Alderigi, assente all’incontro di ieri.Il sindaco...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...