17.8 C
Pisa
sabato 15 Maggio 2021

Pontedera, questa sera il ”Teatro Era” si illumina

PONTEDERA. Oggi lunedì 22 febbraio, dalle 19:30 alle 21:30, il Teatro Era di Pontedera si illumina per dire che il Teatro ci manca.

Con questo gesto la Fondazione Teatro della Toscana condivide e aderisce all’appello “Facciamo luce sul teatro” di UNITA (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo). A un anno di distanza dal primo provvedimento governativo che come prima misura di contrasto al Coronavirus ha intimato la chiusura immediata dei teatri nel Nord Italia, estendendo rapidamente il provvedimento a tutto il territorio nazionale nel giro di pochi giorni, con questa iniziativa si intende chiedere al nuovo governo e a tutta la cittadinanza che si torni a parlare di teatro e di spettacolo dal vivo. Bisogna fare luce.

“Niente può sopperire alla mancanza di una rappresentazione dal vivo – afferma il Presidente della Fondazione Teatro della Toscana Tommaso Sacchi – abbiamo tenuto viva la luce della produzione culturale grazie al digitale in questi mesi difficili, ma adesso, attenendoci al rispetto di tutte le necessarie misure sanitarie, spero sia vicino il momento di riaprire i nostri teatri, le nostre sale musicali, i nostri cinema e tornare così a godere di nuovo dello spettacolo nelle forme alle quali eravamo abituati prima della pandemia: dal vivo. Ringrazio UNITA per questa iniziativa densa di significato e necessaria. Oggi il Teatro della Pergola e i nostri teatri non potevano non accendere una luce e lanciare un messaggio al mondo”.

“La cultura è un investimento in coscienza: per il futuro, per la società, per i propri figli, per sé stessi – ricorda Stefano Accorsi – come Direttore artistico della Fondazione e Socio Fondatore di UNITA ritengo sia necessario fare luce sul teatro. Gli artisti, i tecnici, le maestranze tutte, non sono tempo libero, sono lavoro e molto di più. Come ha detto il Maestro Claudio Abbado: «La cultura è un bene comune primario come l’acqua; i teatri, le biblioteche e i cinema sono come tanti acquedotti»”.

“Il nostro è un gesto simbolico – dichiara il Direttore generale della Fondazione Marco Giorgetti – il Teatro ci manca nel suo avverarsi con il pubblico, perché è fondamentale dire che in realtà non ha mai smesso di lavorare, allestendo e preparando gli spettacoli della riapertura. Bisogna riprendere a nominarlo subito in ogni sede pubblica e decisionale, è necessario programmare e rendere operativo un piano che porti il prima possibile al ritorno degli spettatori”.

Come sottolineato da UNITA “proteggere e liberare le città dai danni provocati da un’epidemia – intimava Sofocle nel suo immortale Edipo – significa innanzitutto conoscere se stessi, prima che un’intera comunità si ammali di tristezza non riuscendo più a immaginare un futuro”. Il futuro, come investimento soprattutto nei giovani e nelle relazioni internazionali, è nel DNA del Teatro della Toscana fin dalla sua nascita. Ma non possiamo costruirlo da soli. Per questo, dobbiamo tornare a incontrare la parte essenziale e indispensabile senza la quale il teatro e quindi il nostro
lavoro semplicemente non è: voi spettatori”.

Ultime Notizie

Grave incidente, 13enne in bicicletta travolto da uno scooter

CASCINA. Un 13enne che si trovava in sella alla sua bici è stato investito da uno scooter.L'incidente è avvenuto intorno alle ore 14:30 a...

A Calcinaia il Covid non ferma il “Pellegrinaggio della Memoria”

CALCINAIA. Era molto tempo che non accadeva. La pandemia aveva fatto in modo che le porte della Sala Don Angelo Orsini, la sala dove...

Pisa ospiterà la 21esima edizione del Raduno Nazionale dei Marinai d’Italia

Pisa è stata scelta per ospitare, nel maggio del 2023, il XXI Raduno Nazionale dei Marinai d’Italia, una manifestazione che richiamerà in città oltre...

Il Covid fa un’altra vittima a Casciana Terme Lari

CASCIANA TERME LARI. Il sindaco Mirko Terreni torna ad aggiornare i cittadini sull'andamento del contagio e comuica un decesso legato al Covid."La situazione epidemiologica...

Valdera e Pisa, i nuovi contagi per comune

COVID-19. Nell’Azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 15 maggio, sono 123.In Valdera si registrano 9 casi, così suddivisi: Capannoli 1,...

Una galleria virtuale per un gemellaggio reale

CALCINAIA. L’Europa non è un concetto astratto, ma una straordinaria opportunità per mettere in contatto culture diverse, per confrontare differenti tradizioni, per scoprire nuovi...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...