24.2 C
Pisa
sabato 19 Giugno 2021

Pontedera in lutto, piange il noto barista Amerigo Baldini

“E’ un lutto per l’intera città”. Ha ragione Riccardo Minuti che scrive in un post su Facebook una storia infinita, arricchita da particolari momenti di vita e aneddoti, che fanno parte della cultura pontederese.

Famiglia stimata ed apprezzata da decenni, la famiglia Baldini ha segnato e segna un tratto importante e significative delle attività cittadine legate ai locali pubblici, nello specifico i bar.

I commenti sul social si sprecano, uno in particolare lo segnaliamo in quanto certifica la grandezza di Riccardo: “un altro pilastro della nostra Pontedera , della nostra fuori del ponte ci ha lasciato , c’è chi lo chiama il Baldini sotto le logge, c’è chi lo conosce come da Amerigo Baldini. Una cara persona, brava, perbene, genuina, sempre con il suo viso luminoso e pronto alla battuta, alla chiacchiera ed alla risata

Presso la Cappelline della Misericordia è esposta la salma di Amerigo Baldini 87 anni. Il funerale si terrà martedì 1 Giugno nella chiesa di San Giuseppe alle ore 10.

Riccardo Minuti lo racconta così: “Ci ha lasciato una grande persona, davvero gentile, stimabile, laboriosa e dabbene, Amerigo Baldini. Pilastro di una famiglia che è stata e resta tutt’oggi protagonista della storia di Pontedera… Nell’esprimere la mia vicinanza e le mie sentite condoglianze a Sonia e all’intera famiglia, mi sembra bello ricordarli Diva e Amerigo con un mio racconto di pochi anni fa…

…… in quei primi anni Sessanta segnati dal dilagare dei bar, nascevano infatti anche le imprese di ristorazione dei fratelli Baldini. Il bar di Amerigo Baldini spuntò sotto la loggia di viale Italia dalla parte dei numeri civici pari, con successivo trasloco all’ombra della loggia di fronte contrassegnata dai numeri dispari, dove si trova tutt’oggi. Seppure in un ambiente ristretto, con il vantaggio di poter sfruttare il loggiato, il bar prese subito quota. Esso era il primo bar per alcuni… e il secondo per tutti. Infatti anche chiunque avesse altri bar di riferimento e di ritrovo, da Amerigo, spesso si fermava comunque.

Per la posizione centrale del bar nel quartiere crescente, per il mestiere, la pazienza e la gentilezza squisita di Amerigo e di Diva, anche perché, nonostante gli spazi non consentissero grandi attività di richiamo, al bar si ritrovavano i più singolari personaggi di Fòr der Ponte com’era. Chi non ricorda i fratelli Accettoni: Giuglino, Emilio e Primino? E chi non rammenta Angiolone, Memme, Remo, Ricotta, Giannino, il Mami, il Pirata, Cimitero… e Toppino che appariva sovente… Era il festival di una varia umanità, allegra, spensierata e giuliva, che anche un solo bicchiere di vino rendeva felice. Dilagavano in serie battute, ironie e un reciproco continuo dileggio. Eppure tutto avveniva senza mai debordare in offese triviali. Con una spontanea attitudine anzi, nel sapere svillaneggiarsi con stile e con garbo. Un esempio di qualche impertinenza e sfottò?
Primino: “Sei un cervello baato!”

– Toppino: “O beiii! Nasellooooo!” – e se scorgeva una guardia nei paraggi (ma anche se no), urlava improvviso: “Arrestatili tutti!” – Ancora Primino: “O cosa c’hai ner capo, e pioppini?” – Giuglino: “Sì e te c’hai le pineggiole!” “Stai attento ’un’è ’r bé che fa male… è il ri bé!” “Te l’ha detto anche ’r dottore: vacci piano. Ma te ’un la voi capi’, sei più duro der pan’ di saìna!”

“Senti chi parla… ciuccianespole… Te sì che sei duro… Duro come le pine verdi…”.
Poi passava Cimitero che con la sua vocina stridula gridava: “Alè granataaa!!!”
Quando appariva Celestino, di solito veniva ben governato a suon di gotti e quindi sospinto alla sua solita performance. Braccia larghe e occhi socchiusi, dava fiato al suo canto struggente: “Usignoolooo, ma come (sospirone) eh sa di pianto ela tua voceeee… mi dice il cuore che (sospirone) eh non trovi pace…”

Poi tutto a un tratto il pathos esauriva… si spegneva il gorgheggio… e Toppino inveiva minaccioso sventolando il montante verso qualcuno più accanto: “Ti spacco ’r capo!”
Perciò chi si trovava vicino faceva bene a starsene in guardia. Era un teatrino. E Amerigo, persona d’indole mite, tranquilla e tollerante, talvolta non poteva esimersi però dal richiamare l’allegra compagnia quando debordava oltre le righe. A dire il vero in qualche occasione Amerigo s’arrabbiava davvero, e ne aveva ben donde. Per noi ragazzini del viale Italia quello era il “Festival”. Fu Carlo Lazzereschi (Cacciavite) per primo a battezzarlo così. E chiunque scorgeva quel coacervo di sagome allegre e gioconde sotto le logge al bar di Amerigo, subito s’incaricava di suonare il din don chiamando a raccolta gli amici……”

Per la grave perdita le più sentite condoglianze alla famiglia da VTrend.it

 

Ultime Notizie

Tutti a bordo! A Bientina l’iniziativa che insegna a guidare bene e in sicurezza

BIENTINA. Come si controlla un veicolo? In che modo si riesce ad anticipare un pericolo? E come si viaggia in sicurezza? Queste sono alcune...

Tanti ospiti e personaggi dello spettacolo attesi venerdì al Bagno Vittoria di Tirrenia

TIRRENIA. Un grande evento benefico attende il litorale pisano venerdì 25 giugno alle ore 18 a Tirrenia con il "Calendario della Rinascita da crisalide...

Ennesimo incidente in FiPiLi, un tamponamento paralizza il traffico

Non si placano gli incidenti sulla Fi-Pi-Li. La grande arteria stradale, ormai martoriata dai lavori e dall'intenso traffico che si registra ogni giorno, è...

Caso Scieri, tre imputati chiedono il processo abbreviato

Tre dei cinque imputati nel processo per la morte di Emanuele Scieri, il parà di 26 anni morto nella caserma Gamerra di Pisa il 13...

Lupino confessa: ”Un colpo di pistola letale, è così che ho ucciso Khrystyna”

Risale a pochi giorni fa la confessione di Francesco Lupino, è lui l'assassino di Maria Khrystyna Novak (leggi QUI).  Il vicino di casa della ragazza,...

Bloccato in stazione, l’odissea quotidiana dei disabili

PONTEDERA. Una lunga odissea quella vissuta da Luigi Gariano, di cui vi abbiamo raccontato la triste vicenda QUI. "È inaccettabile quanto accaduto al nostro...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...