28 C
Pisa
domenica 20 Giugno 2021

Polemica all’RSA Leoncini di Pontedera: nessun infermiere notturno per assistere gli ospiti

PONTEDERA. Dopo il caso Santa Chiara di Volterra, si allarga ad altre RSA il problema della carenza di Infermieri.

La segnalazione giunge dal Nursind Pisa. L’RSA Leoncini di Pontedera risulta essere sprovvista di personale infermieristico e quindi costretta a garantire l’assistenza notturna ai pazienti con il solo personale OSS, peraltro nelle condizioni di rapporto operatore/ospite di 1 a 13. Sui due piani della struttura, che attualmente ospita 27 pazienti, di notte sono presenti in servizio solo 2 OSS, 1 per piano.

L’assenza di infermieri in turni notturni crea situazioni in cui gli OSS si trovano in difficoltà, in quanto non autorizzati a somministrare farmaci agli ospiti, con competenze limitate rispetto alla necessità di affrontare eventuali emergenze sanitarie.

Non solo, ma con un solo OSS a piano, come si pensa di effettuare eventuali interventi di emergenza? Questa la domanda che si pongono. Chi assiste gli ospiti di un piano se l’OSS deve andare in aiuto al collega di un altro piano? E poi, due soli operatori sono in grado di garantire la sicurezza del piano antincendio?
Insomma, non è giusto che agli OSS vengano addossate una serie di responsabilità difficilmente gestibili e con importanti ripercussioni sulla salute degli ospiti – sottolineano i lavoratori.

L’ASL era già intervenuta nel periodo più critico dell’emergenza covid inviando i propri infermieri per gestire una situazione divenuta critica per i contagi degli operatori della struttura. A fronte di tutto ciò, il Nursind si chiede se la cooperativa Paim sia davvero in grado di gestire ancora questa importante struttura sanitaria e dunque chiede all’Asl Toscana Nord Ovest di intervenire nuovamente, autorizzando gli infermieri disposti a dare la propria disponibilità a poter lavorare nella struttura in difficoltà. I modi, secondo il Nursind pisano, sono due:

  • o si allenta il vincolo di esclusività del rapporto di lavoro degli infermieri del SSN,  autorizzando chi vuole a contrattare con le strutture private un certo numero di ore per coprire i turni scoperti.
  • o si chiedono alla cooperativa che gestisce la struttura i fondi necessari ad incentivare gli infermieri dell’azienda pubblica in modo che, su base volontaria, si rendano disponibili a coprire i turni nella Rsa.

Nursind si augura che una soluzione venga trovata quanto prima, in quanto la situazione di pericolo non può protrarsi ancora a lungo, e che sia la stessa Asl, in qualità di organo controllore del rispetto dei parametri previsti dalle leggi regionali sulle dotazioni di personale OSS e infermieristico nelle RSA (nonché il Comune di Pontedera), ad aver l’obbligo giuridico di intervenire.

Ultime Notizie

Rientro anticipato dal mare, gioca l’Italia: c’è chi chiede il maxi schermo a Ginestra

Il richiamo della Nazionale di Calcio italiana è più forte dell'ultimo scampolo di mare, tanto che si stanno già registrando incolonnamenti.In questi minuti si...

Covid a Pisa, Volterra e Valdera: domenica 26 giugno solo 6 casi

Le anticipazioni parziali sono giunte questa mattina grazie al presidente della Regione Toscana, di seguito riportiamo il dettaglio di quanto emerso nelle ultime 24...

Covid-19 in Toscana: il bollettino di oggi, domenica 20 giugno

COVID.19. 55 nuovi casi, età media 37 anni. I decessi sono 5. Questa l'estrema sintesi del bollettino sanitario diramato oggi, domenica 20 giugno, da...

Mezzi pubblici, capienza fino all’80 per cento. Al via lunedì

L'assessore ai trasporti Stefano Baccelli aggiorna sulla questione trasporti pubblici e annuncia:Da lunedì, con l’entrata della Toscana in zona bianca la capienza massima sui...

Addio al cavaliere Arzilli, storico ristoratore e ambasciatore del tartufo nel mondo

La città della Rocca piange la scomparsa di Dino Arzilli, patron e chef del ristorante Genovini.Se ne va l’uomo che ha portato i sapori...

In arrivo 15 attraversamenti pedonali luminosi

CASCINA. Fase conclusiva per altri quindici attraversamenti pedonali luminosi in varie frazioni del Comune. Uno strumento per far crescere la sicurezza stradale, in particolare...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...