17.6 C
Pisa
venerdì 14 Maggio 2021

Nuova chirurgia epatica in tre tempi, Pisa prima al mondo

PISA. Il “Percorso di Chirurgia epatica del risparmio d’organo per le metastasi” di cui è responsabile il dottor Lucio Urbani continua a seguire la strada dell’innovazione e della complessità della tecnica chirurgica con il fine di preservare il fegato e per questo è in grado di offrire sempre nuove opportunità terapeutiche ai pazienti affetti da metastasi epatiche da neoplasia del colon.

L’ultima novità è che – nelle sale operatorie del Dipartimento di Chirurgia generale dell’Aoup diretto dal dottor Piero Buccianti – il dottor Urbani ha applicato, per la prima volta, la strategia chirurgica dell’epatectomia con risparmio d’organo in due tempi in un paziente affetto da neoplasia del colon con metastasi epatiche sincrone bilaterali. Questa strategia ha consentito, per la prima volta al mondo, l’esecuzione di un terzo tempo chirurgico che ha previsto l’asportazione di tutto il fegato di sinistra, lasciando solamente la porzione del fegato di destra salvata precedentemente.

Infatti, una resezione epatica è possibile solo se al termine dell’intervento rimane un volume di fegato sufficiente per preservare le funzioni vitali e consentire la rigenerazione epatica. Questo terzo tempo non sarebbe mai stato possibile con la tecnica standard dell’epatectomia in due tempi, introdotta nel 2000 per trattare le metastasi epatiche bilaterali, e che prevede di asportare tutto il fegato di destra dopo aver bonificato nel primo tempo il fegato di sinistra. In seguito all’ottima risposta al trattamento chemioterapico è stato programmato il primo tempo chirurgico consistente nella bonifica del fegato di sinistra e contemporanea asportazione del tumore primitivo. Nel secondo tempo chirurgico, anziché eseguire l’epatectomia destra è stato programmato un intervento molto più complesso che ha consentito però di “salvare” il fegato di destra. Una scelta quanto mai lungimirante, che ha consentito di dare un’altra opportunità di vita al paziente. Durante il follow-up, infatti, è purtroppo comparsa – come spesso accade in queste patologie – una lesione che infiltrava le strutture vitali del fegato di sinistra ed asportabile solamente con il sacrificio di tutto il fegato di sinistra e così il paziente è stato operato per la terza volta in 8 mesi. Il terzo tempo chirurgico è stato possibile solo perchè il volume del fegato di destra “salvato” era tale da consentire la vita del paziente.

Anche questa volta l’intervento eseguito ha avuto successo e la sua eccezionalità, per cui Pisa vanta questo primato, risiede nel fatto che il paziente vive grazie al “nuovo” fegato che, è importante sottolinearlo, non ci sarebbe più stato se fosse stata applicata la chirurgia epatica tradizionale in due tempi.

Ultime Notizie

A Fornacette una piazza sempre più verde e decorosa

FORNACETTE. In fase di ultimazione il lavoro che ha visto dare nuovo colore, rigorosamente verde, alla riqualificata Piazza Timisoara (Piazza del Mercato) a Fornacette. Entro...

Tassa sui rifiuti: ”Inaccettabile un altro rinvio!”, le Partite Iva insorgono

PISA. Il Comune di Pisa ha rinviato la rata della tassa sui rifiuti. Intanto monta la protesta delle partite Iva.“Un altro inutile rinvio che...

Signora dà in escandescenze e prende a calci il portone del Patronato

PISA. Momenti di tensione nella tarda mattinata di ieri, 13 maggio, in via Catalani dove una dipendente del Patronato Enac ha segnalato alla Sala...

Santa Croce e Cascina: suolo pubblico gratuito, accolte le richieste di Confcommercio

“La situazione per le imprese della provincia resta drammatica, e in particolare per i pubblici esercizi l'unica opportunità di lavoro è data dalla possibilità...

Anita spegne 100 candeline e si regala il vaccino anti-Covid

PONTEDERA. A riportare la notizia il sindaco di Pontedera, Matteo Franconi."Con grande piacere ho voluto personalmente fare gli auguri alla signora Anita Borchi per...

Golena al via dall’11 giugno: ”Pronti a stupirvi con nuove cose ed effetti speciali”

PONTEDERA. È ufficiale, dall'11 giugno riparte la Golena d'Era, un luogo per incontri, convegni e attività sportive e ricreative durante la mattina e il...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...