22.5 C
Pisa
giovedì 5 Agosto 2021

”Natura Amica” a cura della dottoressa Elisabetta Raimo

Via dolori e contratture, c’è Arnica!

Se siete amanti della montagna potreste magari avere, o avete già avuto, la fortuna di incontrare, nelle zone più soleggiate, un piccolo fiore del colore del sole, conosciuto ormai da tutti per la sua capacità di “scaldare” i tessuti, sciogliendo tensioni e contusioni. È l’Arnica montana, panacea dei traumi per eccellenza.

Le sue indiscutibili proprietà antiinfiammatorie e analgesiche la vedono da secoli la prima scelta naturale per dare sollievo a tutto l’apparato muscolo-scheletrico. Che si tratti di uno stiramento o strappo muscolare, di una contrattura o di una contusione anche importante, l’Arnica, usata prontamente e con una certa regolarità, attenua l’infiammazione e l’indolenzimento, favorendo il recupero della mobilità.

Di questi tempi, ad esempio, capita facilmente di soffrire di mal di testa, torcicollo o dolori alla schiena per quel colpo di freddo dato dell’aria condizionata, che può “stressare” all’improvviso la nostra muscolatura accaldata e farla irrigidire. Senza escludere poi la postura scorretta che involontariamente assumiamo lavorando o studiando, soprattutto negli ultimi tempi di smart-working, e per non parlare di tutte le forme reumatiche a cui, un po’ per età, un po’ per predisposizione, possiamo andare incontro. In tutti questi casi, alla base del dolore e dell’intorpidimento muscolare vi è una componente infiammatoria che può essere spenta efficacemente grazie alle proprietà di Arnica, che come tale non può mancare, ad esempio, nel “kit di sopravvivenza” di chi pratica un’attività sportiva più o meno intensa e che può incorrere in piccoli, ma frequenti infortuni (tendiniti, borsiti, talloniti. Inoltre, tra le potenti virtù attribuibili ai fiori di Arnica è difficile tralasciare l’attività antiecchimotica, da cui deriva l’eccelsa capacità di ridurre la formazione di lividi e di permettere il riassorbimento degli ematomi più profondi.

Ora, se da una parte l’esatto meccanismo che spiega l’attività di Arnica non è ancora del tutto chiaro e conosciuto, sicuramente lo sono i suoi effetti, la cui efficacia è indiscutibile anche agli occhi di chi generalmente è più scettico nel ricorrere alla terapia naturale.

Questa “star” del mondo naturale, dunque, permette di aiutare il nostro corpo a recuperare scioltezza e mobilità, agendo fin dalle prime avvisaglie, ma soprattutto senza appesantirlo con gli effetti collaterali tipici dei farmaci di sintesi, a cui è sempre meglio ricorrere solo quando considerati inevitabili.

Ultime Notizie

Studente carbonizzato: nessuna lesione sul corpo

L'esame autoptico sul corpo carbonizzato di Francesco Pantaleo (leggi) era iniziato nella giornata di martedì 6 luglio."L'autopsia ha confermato che il cadavere non presenta...

Donare è vita: in campo la Nazionale Trapiantati, le vecchie glorie di Fornacette e operatori sanitari

FORNACETTE. L'appuntamento è fissato per sabato 25 settembre al 'Piero Masoni'. 'Donare è Vita', questo il titolo dell'iniziativa solidale, ha lo scopo di sensibilizzare...

Coniugi litigano in auto, lui la spinge giù dall’auto

Non mettere il dito tra moglie e marito, diventa discutibile quando durante un litigio in auto e lui su tutte le furie decide di...

Salici e Bellaria diventano ”i parchi dello sport”: tutte le novità

Pontedera tra i primi comuni ammessi ai contributi per l’allestimento di nuove aree fitness nel parco dei Salici e della Bellaria.Il Comune di Pontedera...

Violenze negli ospedali, a proteggere il personale sanitario arriva il dispositivo anti-aggressione

Arriva nell'AUSL Toscana nord ovest "Mydasoli", un dispositivo per garantire la sicurezza di medici, infermieri e operatori sanitari toscani.Un sistema di allarme sonoro da...

Terricciola SiCura: “Giardino comunale ostaggio dei vandali, è una situazione inaccettabile”

Aggressione inaudita nel giardino comunale di Terricciola, dove ignoti se la sono presa contro un tendone comunale adibito alle feste paesane.Sulla questione interviene il...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Studente dell’università di Pisa sparito nel nulla, il padre: “Aiutatemi a trovarlo”

PISA. Francesco Pantaleo, studente di ingegneria informatica all'Università di Pisa, ha fatto perdere le sue tracce da sabato 24 luglio. Il giovane è uscito...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Sport e associazionismo in lutto, Santa Maria a Monte piange Rossano Lazzerini

SANTA MARIA A MONTE. Se ne è andato a 67 anni a causa di un male incurabile, Rossano Lazzerini.  Originario di San Giovanni alla Vena,...