24 C
Pisa
lunedì 21 Giugno 2021

”Natura Amica” a cura della dottoressa Elisabetta Raimo

Cistite? Niente paura, c’è l’Uva ursina!

Quest’anno fatica un po’ a scoppiare, è vero, ma è innegabile che l’estate sia alle porte! Energia, spensieratezza e relax…ma non sempre le cose vanno così lisce.

Parlo soprattutto alle donne, di per sé più predisposte, che proprio in estate vengono più facilmente a conoscenza della fastidiosa nemica cistite, un’infiammazione a carico della vescica, generalmente conseguenza di un’infezione batterica, che porta al bisogno di urinare più spesso – anche se con difficoltà e insoddisfazione – accompagnato da bruciore e pizzicore all’atto della minzione, fino a forte dolore e sangue nei casi più avanzati.

In realtà, non si tratta di una patologia del tutto “estiva”- nei soggetti predisposti può presentarsi in qualsiasi momento dell’anno – ma sicuramente il caldo, l’umidità e il cambio di alcune abitudini, ci rendono più suscettibili alla proliferazione di batteri, causa di cistiti ricorrenti.

Le vie urinarie sono particolarmente sensibili agli sbalzi di temperatura che, alzandosi in estate, favorisce una maggiore perdita di liquidi attraverso il sudore, quindi una disidratazione più intensa, che si traduce in urine più concentrate e quindi più irritanti per la mucosa delle vie urinarie. Non dimentichiamoci poi che la più classica routine estiva fa sì che siamo più facilmente preda di contaminazione batterica, basta pensare al contatto diretto con la sabbia, paradiso dei batteri, o all’ambiente umido, unito alla salsedine, che si crea semplicemente tenendo addosso il costume bagnato. Una serie di rituali comuni, che non fanno altro che indebolire la nostra barriera di difesa intima, predisponendo così a un più facile sviluppo di batteri nel tratto urinario.

Impossibile negare che nei casi più avanzati e dolorosi l’antibiotico sia l’unica soluzione, ma quello che spesso sbagliamo, è pensare che se l’antibiotico ci ha “salvate” una prima volta, sia la nostra unica protezione ogni volta che si ripresenta il problema, dimenticandoci totalmente delle conseguenze. Prima di tutto non è detto che i batteri responsabili della comparsa della cistite siano ogni volta gli stessi – anzi – e di conseguenza anche l’antibiotico più efficace potrebbe dover essere diverso e poi, specialmente in caso di recidive frequenti, non possiamo permettere che la soluzione di ricorrere all’antibiotico così spesso, ci indebolisca del tutto.

E allora? Mai come per la cistite è fondamentale la prevenzione e l’ascolto dei primissimi sintomi che, se riconosciuti, permettono di intervenire tempestivamente ed efficacemente con soluzioni naturali, spegnendo l’infiammazione sul nascere, così da non aver bisogno dell’antibiotico, che deve rimanere la soluzione primaria solo nei casi più avanzati.

Da anni l’Uva ursina (Arctostaphylos uva-ursi L.) trova indicazione nel trattamento di molteplici affezioni infiammatorie delle vie urinarie, tra cui proprio la cistite. Le sue foglie sono note e apprezzate, oltre che come antiinfiammatorie, per la spiccata attività disinfettante che si manifesta a livello delle vie urinarie, derivante dall’azione antimicrobica e antisettica dei glicosidi antrachinonici (arbutina e metilarbutina). Nel nostro organismo questi due componenti vengono metabolizzati e trasformati in idrochinone, il vero principio attivo a carattere battericida che, eliminato attraverso le vie urinarie, esplica al passaggio la sua azione nei confronti di numerosi ceppi batterici responsabili delle infezioni del tratto urogenitale (Escherichia coli, ecc…). La liberazione dell’idrochinone è fortemente favorita dalla presenza di batteri nelle urine, motivo che sottolinea l’importanza dell’impiego di Uva ursina già agli albori della contaminazione batterica, fase di comparsa dei primissimi sintomi. Grande ricchezza della medicina popolare, oggi sostenuta da numerosi studi e risultati importanti, l’Uva ursina si conferma il rimedio naturale più efficace nel trattamento della cistite acuta e nelle sue frequenti recidive.

email dottoressa Raimo: [email protected]

Ultime Notizie

Rientro anticipato dal mare, gioca l’Italia: c’è chi chiede il maxi schermo a Ginestra

Il richiamo della Nazionale di Calcio italiana è più forte dell'ultimo scampolo di mare, tanto che si stanno già registrando incolonnamenti.In questi minuti si...

Covid a Pisa, Volterra e Valdera: domenica 26 giugno solo 6 casi

Le anticipazioni parziali sono giunte questa mattina grazie al presidente della Regione Toscana, di seguito riportiamo il dettaglio di quanto emerso nelle ultime 24...

Covid-19 in Toscana: il bollettino di oggi, domenica 20 giugno

COVID.19. 55 nuovi casi, età media 37 anni. I decessi sono 5. Questa l'estrema sintesi del bollettino sanitario diramato oggi, domenica 20 giugno, da...

Mezzi pubblici, capienza fino all’80 per cento. Al via lunedì

L'assessore ai trasporti Stefano Baccelli aggiorna sulla questione trasporti pubblici e annuncia:Da lunedì, con l’entrata della Toscana in zona bianca la capienza massima sui...

Addio al cavaliere Arzilli, storico ristoratore e ambasciatore del tartufo nel mondo

La città della Rocca piange la scomparsa di Dino Arzilli, patron e chef del ristorante Genovini.Se ne va l’uomo che ha portato i sapori...

In arrivo 15 attraversamenti pedonali luminosi

CASCINA. Fase conclusiva per altri quindici attraversamenti pedonali luminosi in varie frazioni del Comune. Uno strumento per far crescere la sicurezza stradale, in particolare...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...