5 C
Pisa
domenica 18 Aprile 2021

Natale al tempo del Covid: Governo già a lavoro per un nuovo Dpcm

Ormai che questo sarà un Natale diverso è sotto gli occhi di tutti. Da giorni si discute su quelle che saranno le misure da adottare su tutto il territorio nazionale così da poter festeggiare con le proprie famiglie le festività, ormai sempre più vicine.

Il Governo sarebbe già a lavoro per un nuovo decreto, in grado di tenere sotto controllo la curva del contagio ed evitare nuove impennate. Tutto dipenderà dall’Rt, uno degli indicatori principali della situazione epidemiologica in corso. L’obiettivo è quello di riportare l’indice di contagi nazionali di nuovo sotto la soglia massima di 1, cioè con una diffusione del contagio sotto controllo ma anche un valore dei nuovi contagiati su tamponi effettuati (Rpt) pari al 10%. Ecco che solo allora il Governo potrà allentare le misure di contenimento ed è proprio in questa direzione che vanno anche le ultime misure restrittive che hanno portato alla zona rossa Campania e Toscana e a quella arancione altre tre regioni.

“La strada è quella giusta, durante l’ultimo monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità abbiamo osservato come l’indice sia nettamente sceso attestandosi a 1.4 dal precedente 1.7 dopo i nuovi blocchi” – ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza. Maggiori certezze arriveranno però all’inizio di dicembre quando i dati potranno rilevare effettivamente quanto abbiano pesato i blocchi e la divisione per zone. Ecco dunque che, solo con la scadenza del dpcm del 3 dicembre, si potranno prendere le prime decisioni. 

Tra le ipotesi che si stanno vagliando nelle ultime ore, quella di far cadere il coprifuoco dalle 22 alle 5 in tutta Italia. Se il famoso Rt, che verrà diffuso venerdì 4 dicembre, si sarà stabilizzato intorno a 1 o addirittura sotto l’1, il coprifuoco potrebbe decadere e di conseguenza bar e ristoranti potrebbero riaprire. Al contrario, se i casi non dovessero diminuire il coprifuoco resterà, magari posticipandosi alle 23 o alle 24, permettendo così di festeggiare il Natale quantomeno con i parenti più stretti, ma sempre con la raccomandazione di non riunirsi in più di 6 persone, usando mascherine e mantenendo la distanza di sicurezza. L’obiettivo ideale è quello di avere tutte le regioni di Italia in zona gialla, il che darebbe spazio alla possibilità di spostarsi tra Regioni e di poter quindi raggiungere, ad esempio, la famiglia di origine se si trova lontana. 

Altro punto è quello relativo all’apertura dei negozi. Sei le regioni oggi in zona rossa (Campania, Toscana, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Toscana), se queste passassero almeno in quella arancione, sarebbe risolto il problema della chiusura ed anche i centri commerciali, con ingressi contingentati, potrebbero riaprire per rilanciare l’economia. Non sembrano destinati a riaprire i tradizionali mercatini di Natale. Nuove regole potrebbero arrivare anche per le messe, le cui celebrazioni potrebbero diventare a numero chiuso per impedire assembramenti nelle chiese.

 

Ultime Notizie

Cascina, “Se davvero fosse un gioco” il progetto contro il gioco d’azzardo delle scuole

CASCINA. Prosegue il progetto dal titolo “Se davvero fosse un gioco”, organizzato dall’Associazione “Le Fionde ODV” e diretto alle classi delle scuole secondarie di...

Capannoli: si torna a camminare e pedalare in libertà

CAPANNOLI. Da oggi 18 aprile, e ogni domenica sarà attiva la pedonalizzazione di via del Fanfani. Sarà possibile camminare e pedalare liberamente dalle ore 14.30...

La richiesta: “Comando della Polizia Municipale in Piazza della Stazione”

PONTEDERA. Nelle ultime settimane il quartiere della stazione di Pontedera è stato luogo di spiacevoli eventi. L'ultimo ieri pomeriggio un'anziana è stata aggredita davanti ad...

S. Maria a Monte, nuovi casi in calo ma non abbassare la guardia

SANTA MARIA A MONTE. L'aggiornamento della sindaca di Santa Maria a Monte in merito alla situazione epidemiologica sul territorio comunale. Il Comune di Santa Maria...

Il centro vaccinale a Pontedera è pronto a somministrare oltre mille dosi al giorno

PONTEDERA. Oggi si è tenuta l'inaugurazione dell'hub a Pontedera, situato in Piazza del Mercato, adiacente al Cineplex. Presenti Giani, l'assessore Bezzini e molti sindaci...

Valdera e Pisa, 62 nuovi casi positivi

COVID-19. Nell’Azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 17 aprile, sono 314. A PISA: 36 nuovi casi positivi, di cui: Calci 2, Cascina 9,...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Vaccino Moderna, agende aperte dalle ore 19 di oggi 23 marzo

TOSCANA. Le persone con elevata fragilità (estremamente vulnerabili e/o con disabilità gravi), che abbiano già effettuato la registrazione, potranno prenotare il vaccino a partire...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...