20.1 C
Pisa
mercoledì 22 Settembre 2021

Misericordie Pisane, “Presidente, noi non siamo aziende”

Maurizio Novi, Presidente Misericordie Pisane non ci sta. E replica alle parole del Presidente della Regione Giani, il quale asseriva, in un’intervista, come le Misericordie fossero diventare ormai delle aziende vere e proprie, a discapito dei valori della gratuità e della carità da cui sono nate centinaia di anni fa.

“Come associazioni di volontariato, abbiamo chiesto più volte un incontro  con la Regione Toscana, soprattutto dopo un periodo in cui ci siamo spesi, in maniera anche abbastanza importante durante la pandemia, mettendo a disposizione i nostri volontari anche quando le strade erano deserte, in uno scenario un po’ tetro. I nostri volontari erano un po’ titubanti, la malattia era sconosciuta, non conoscevamo bene l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, ma nessuno di noi si è tirato indietro. Anzi.” commenta Maurizio Novi

“Abbiamo tirato fuori la nostra anima caritatevole e ci siamo messi in gioco per non lasciare nessuno senza assistenza sanitaria. Le Misericordie non sono solo questo, non sono solo trasporto.  Abbiamo consegnato pacchi alimentari a domicilio, abbiamo raccolto fondi per acquetare pacchi alimentari per le famiglie più indigenti, abbiamo consegnato farmaci a domicilio per le persone in quarantena. Le Misericordie si mettono sempre in gioco, per soccombere anche a delle carenze che sono nel sistema amministrativo. Ci siamo sempre spesi”

“Il problema nasce dal momento in cui il nostro presidente regionale Corsinovi, insieme ad Anpas e Croce Rossa, ad Aprile ha mandato una pec al Presidente della Regione Toscana Giani per chiedere un incontro. Pec alla quale non è mai stata data risposta. Quando la Regione Toscana ha chiamato, noi siamo sempre stati in prima linea, a disposizione anche per eventi organizzati dalla Regione, volti alla somministrazione dei vaccini, all’effettuazione dei tamponi, e via dicendo. Ci siamo sentiti molto messi da una parte adesso”

“Vantiamo un credito nei confronti della Regione ci circa 4 milioni di euro che la stessa ci deve per tutte le attività svolte negli anni. Le tariffe regionali del rimborso dei trasporti sono ferme a 15/18 anni fa, c’è stato solo un ritocco sulle attività di emergenza, e non su quelle ordinarie. E’ chiaro a tutti che a distanza di così tanti anni, sono maturate molto anche le spese per i trasporti. Non reggiamo più i costi”

Ma cosa ci lascia basiti adesso? Ieri Giani, e speriamo che la cosa sia stata male interpretata dal giornalista che poi ha trascritto le sue parole, ci ha definiti aziende. Io volevo invitare il Presidente Giani a capire cos’è una Misericordia. E’ vero che siamo un’azienda, ma purtroppo solo dalla parte dei costi. Dobbiamo fornire ai volontari tutti i dispositivi necessari per l’attività, dobbiamo organizzare i corsi, dobbiamo mantenere le nostre sedi. Le Misericordie sono aziende per i costi e non per gli introiti”

“Invito nuovamente Giani a dialogare, anche con la base del volontariato. Lo invito a Pisa, nella sua provincia. Venga a incontrarci e faremo chiarezza su ciò che è davvero il volontariato. La sua affermazione di ieri, dalla quale hanno preso le distanze anche i propri compagni di partito, è veramente fuori luogo. Mi auguro che siano state male interpretate le sue parole”

Il 15 Settembre, ci sarà finalmente, come dichiarato da Maurizio Novi, l’incontro tra la Regione Toscana e le associazioni Misericordia, Anpas e Croce Rossa. Augurandoci che possa esserci il dovuto confronto tra le parti.

©️RIPRODUZIONE RISERVATA

O.R.

 

Ultime Notizie

Terapie intensive e ordinarie giù i ricoveri, 23 i nuovi positivi a Pisa e provincia

Coronavirus, oggi 325 nuovi casi, 39 anni l'età media. Sette i decessi, Questi i dati accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste...

Nue 112, chiamata multimediale di emergenza, ora si può avviare una diretta streaming

Il Nue 112 (Numero unico di emergenza 112) si arricchisce di un nuovo servizio, la “chiamata multimediale”, progettato per accompagnare il cittadino, durante il processo di...

Ex imprenditore deceduto, tra qualche anno sarebbe tornato a vivere in Valdera, ma l’Africa non l’ha lasciato

CASCIANA TERME. E' ancora scossa la piccola comunità dell'Alta Valdera dove Roberto Pistolesi viveva e che poi, a seguito degli impegni di lavoro, ha...

Covid, 325 nuovi casi in Toscana, 4 comuni interessati in Valdera, 4 a Pisa, 2 nel Cuoio

Vaccini attualmente somministrati: 5.270.198. I nuovi casi registrati in Toscana sono 325 su 17.214 test di cui 8.520 tamponi molecolari e 8.694 test rapidi....

Ripuliamo Fornacette, ‘aperipuliamo’, l’iniziativa di Demetra

L’associazione Demetra è felice di presentare il progetto “Aperipuliamo”, che coinvolgerà, sabato 25 settembre '21, il territorio di Fornacette. Tra i punti principali, se...

Vecchia scuola Rodari, la proposta: collochiamoci la caserma dei Carabinieri

CAPANNOLI. 'La politica della sindaca agita i “mercati” settimanali'. Apre così un comunicato stampa della Lega Capannoli, diversi gli spunti che la sezione del...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Ucciso da un brutto male a 44 anni

Aveva solo 44 anni e un figlio adolescente da vedere crescere, purtroppo però, un brutto male se l’è portato via.PALAIA. Massimiliano Bonsignori, 44 anni,...

Pedofilo seriale finisce in manette: è un 70enne di Pisa molto conosciuto

Settantenne arrestato questa mattina dalla Polizia, accuse molto gravi nei suoi confronti.Questa mattina la Polizia di Stato di Pisa ha posto agli arresti domiciliari...

Donna colpita da arresto cardiaco

Momenti di grande paura ieri pomeriggio, una donna ha accusato un malore mentre si trovava all’aeroporto Galilei di Pisa.È accaduto nel primo pomeriggio. Una...

Incidente sulla Tosco-Romagnola a Fornacette: coinvolti 3 veicoli

Coinvolte 6 persone nel sinistro avvenuto di fronte al McDonald’s di Fornacette.Intorno alle 21.45 di oggi 19 settembre, un uomo alla guida del mezzo...

Frontale in primo pomeriggio, scontro tra pick-up e monovolume

Il 'frontale' è avvenuto oggi intorno alle 13, 30 nel comune di Terricciola Oggi, poco dopo le 13:0O la squadra Vigili del Fuoco di...

A 3 anni dall’incendio del Monte Serra, arriva la sentenza: 12 anni per Franceschi

CALCI. L'incendio del 24 settembre 2018 rappresentò un disastro per il Monte Serra: richiesta di condanna a 12 anni e 350mila euro di risarcimento...