17 C
Pisa
sabato 15 Maggio 2021

Le urla disperate della ristoratrice toscana: “Ho pensato di ammazzarmi”

TOSCANA. Durante la manifestazione di ieri a Roma, una ristoratrice toscana si è lasciata a uno straziante urlo di dolore e lacrime.

Ieri mattina a Roma, a Circo Massimo, i ristoratori e le partite Iva sono tornati a protestare contro le chiusure. Tra i tanti manifestanti anche Chiara Dalmazio (50 anni), una ristoratrice di Empoli che ha dovuto chiudere due ristoranti a causa della crisi economica. Chiara ha detto in lacrime: “Se vi metteste per 5 minuti nei panni di noi partite Iva, scegliereste una sola cosa: uccidersi. Ma io non ho avuto il coraggio di ammazzarmi. Sono disperata. Non è questione di cattiveria, ma di rabbia e delusione“. Ha continuato Chiara in uno sfogo di disperazione: “Se riuscirò a riapre un’attività non so se sarò in grado di lavorare come sempre: essere ospitale e accogliere i clienti. La rabbia dentro di me è troppa. Ho paura per il mio futuro”. (Guarda il video cliccando qui: Lo sfogo di Chiara Dalmazio a partire dal minuto: 1:18:00).

Chiara Dalmazio durante la manifestazione del 6 aprile a Roma

In piazza non mancava Apit Italia, l’associazione a tutela e difesa delle Partite Iva: “Anche ieri mattina eravamo a fianco dei ristoratori e delle partite Iva per sostenere con determinazione l’apertura immediata delle attività e la richiesta di ristori adeguati”. “Chiediamo la riapertura immediata rispettando norme e regole di protocollo- spiega il segretario nazionale Raffaele Saviano – chiediamo anche aiuti per i costi fissi di gestione (tari, affitti, costi energetici, canone RAI). Le imprese non hanno neanche più la speranza di un domani.”

INCONTRO CON L’ONOREVOLE. Al termine della manifestazione, nel pomeriggio, una delegazione di Apit Italia è stata ricevuta alla Camera dei deputati dall’onorevole Nicola Grimaldi (M5S), membro della VI Commissione Finanze. Presenti all’incontro con l’onorevole Saviano Raffaele, Marco Bartaloni (Infit Pontedera) e Manuela Rossi (del ristorante la Polveriera di Pontedera) che hanno fatto presente della grave situazione in cui si trovano tante attività.
“Dopo tante richieste di aiuto e appelli inascoltati dal mondo della politica, finalmente oggi siamo stati ascoltati e ricevuti – racconta Marco Bartaloni, titolare della palestra InFit Pontedera e referente di Apit Pontedera -. All’onorevole Nicola Grimaldi manderemo le nostre concrete e chiare proposte. Speriamo che questo incontro possa essere un piccolo granello di sabbia che nel tempo possa portare ad un vero cambiamento”.

LE RICHIESTE. “Vogliamo riaprire in sicurezza, perché la risposta all’emergenza solo con ulteriori restrizioni è ormai una scelta insostenibile dal punto di vista economico e dal punto di vista sociale – spiega Apit Italia -. Durante incontro abbiamo fatto alcune richieste concrete: aperture immediate, una riforma fiscale, la rottamazione delle cartelle esattoriali da 2010-2015 e la proroga di quelle antecedenti che le attività non hanno potuto pagare, l’introduzione dei voucher perché oggi gli imprenditori non si possono permettere di assumere personale con contratti determinati o indeterminati.”

Prosegue il segretario nazionale di Apit Italia: “Inoltre chiediamo un sostanzioso tagli dei costi fissi delle aziende come gli affitti, le bollette e l’eliminazione della Tari per le attività rimaste chiuse in questo periodo e un taglio del 50% per le attività che sono rimaste aperte. Riteniamo necessaria l’abolizione del durc perché moltissime aziende non lo possono avere regolare poiché, a oggi, l’Inps non rilascia il durc alle attività che non sono riusciti a pagare i contributi. Chiediamo un netto intervento del governo per non lasciare morire tante attività. Se non verranno valutate e prese in considerazione torneremo in piazza”.Apit Italia, InFit Pontedera (Chiara Dalmazio, Saviano Raffaele, Federica Barabotti, Marco e Massimo Bartaloni)

ANCORA TENSIONE. Nel corso della manifestazione, si sono verificati tafferugli tra manifestanti e forze dell’ordine. Alcuni manifestanti hanno provato ad andare in corteo verso Palazzo Chigi ma la polizia li ha bloccati. Molte associazioni in piazza hanno preso le distanze dai facinorosi, anche Apit Italia ha condannato la violenza: “Ci dissociamo da ogni iniziativa non programmata e violenta. In ogni occasione i soliti delinquenti cercano di strumentalizzare le manifestazioni per i loro scopi politici”.

Ultime Notizie

Covid-19: il bollettino sanitario di oggi, venerdì 15 maggio

Coronavirus Toscana, 491 nuovi positivi, età media 37 anni; 19 i decessi. E' la sintesi del nuovo  bollettino sanitario reso pubblico da regione Toscana...

Vicopisano, territorio comunale sempre più cardioprotetto

VICOPISANO. 19° DAE-defibrillatore semiautomatico esterno installato dall'Amministrazione Comunale in località Guerrazzi. "Il DAE , spiega l'Assessora alle Politiche Sociali, Valentina Bertini, è già stato...

Luci “green” per il centro di Cascina

CASCINA. È in calendario prima del 15 settembre la partenza dell’intervento di riqualificazione energetica, con adeguamento normativo, per gli impianti di illuminazione pubblica del...

Chiuso il triplice intervento sull’acquedotto di Peccioli

PECCIOLI. Prosegue l’impegno di Acque SpA per migliorare il servizio per qualità e continuità. Completamente risanati 550 metri di tubazioni, per un investimento da...

Bientina riporta in scena la convivialità grazie allo Street Food

BIENTINA. Weekend all'insegna del buon cibo e della convivialità tra le strade di Bientina (come vi abbiamo già annunciato QUI). Soddisfazione e orgoglio anche...

La Toscana non ci sta: gli umbri non si possono vaccinare nella nostra Regione

L'accesso alla vaccinazione è consentito esclusivamente a chi è  residente o domiciliato in Toscana “per motivi di lavoro, di assistenza familiare o per qualunque altro...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...