17 C
Pisa
sabato 15 Maggio 2021

“L’aborto farmacologico è una menzogna vergognosa che riguarda la salute e la vita della donna”

PONTEDERA. La Dott. Donatella Isca, referente ProVita e Famiglia Onlus, interviene sul dibattito riguardante l’aborto farmacologico: “È davvero sconcertante la capacità delle ideologie di non riuscire ad ammettere la verità, ma di perseguire la menzogna senza vergogna”.

Spiega la referente dell’associazione: “È successo appena qualche giorno fa in Argentina una attivista pro choice è morta in seguito all’assunzione del una dose di misoprostol (il principio attivo che, in accoppiata al mifepristone è alla base del cocktail della pillola Ru 486)”.

“Qui a Pontedera – prosegue Isca – ci siamo risvegliati con una campagna dell’UAAR che rivendica ancora una volta il “diritto di scelta” della donna difendendo come “conquista” l‘aborto farmacologico che di fatto riporta la donna alla condizione preesistente alla legge 194, riportandola in solitudine in un ambiente non presidiato da personale sanitario a compiere quella “scelta” che la farà soffrire una vita intera sia coscientemente che a livello inconscio. L’aborto farmacologico è una menzogna vergognosa che riguarda la salute e la vita della donna che pone fine alla vita che era sbocciata nel suo grembo. Sono numerose le pubblicazioni scientifiche che hanno rilevato la pericolosità del principio attivo usato nella Ru486.”

“La ragazza con sguardo rassicurante che pubblicizza la pratica dell’aborto farmacologico forse non ha mai ascoltato la testimonianza di Natasha una donna che ha deciso di avvalersi di questa “opportunità” e ancora ne soffre le conseguenze. Riporto solo alcune frasi per far capire di cosa si tratta: “Cominciai ad avere contrazioni lancinanti e poi vomitai. Stavo malissimo”…. “Nel pomeriggio andai in bagno e lì avvenne l”espulsione”, come la chiamano i dottori. Un sorta di sacchetto rosso di sangue al cui interno c’era l’embrione. Lo vidi perfettamente. Lo presi, presi l’embrione, quello che sarebbe diventato mio figlio, e lo buttai con le mia mani nel wc. Poi continuai ad avere emorragie per altri 20 giorni. Non lo auguro neanche ad un animale!”, scrive la referente ProVita e Famiglia Onlus.

“Auguro di cuore a tutte le donne a rivendicare solo un diritto: quello di portare a termine la gravidanza e crescere il proprio figlio. Una società civile – conclude la Dott. Donatella Isca – dovrebbe supportare il diritto di scelta per la vita e lavorare per far sì che si possa nascere e crescere per contribuire alla crescita di una Nazione in declino come la nostra Italia e purtroppo specialmente la Toscana che da almeno un ventennio, è una regione con natalità bassa, sia in termini assoluti che per il tasso di fertilità (la media dei figli per donna in età feconda è 1,42). Sosteniamo il diritto di scelta, certo, ma di dare la vita!”

Maggio, il mese della ripartenza: corretto riaprire ristoranti, cinema e palestre?

  • (73%, 862 Votes)
  • NO (27%, 319 Votes)

Voti totali: 1.181

Loading ... Loading ...

Ultime Notizie

Pontedera, “Cimiteri in balia del degrado e dell’incuria”

PONTEDERA. Fratelli d'Italia torna a sottolineare le problematiche dei cimiteri comunali.Per il consigliere comunale Matteo Bagnoli e gli esponenti di FdI, Matteo Arcenni, Giuseppe...

Voleva entrare nella casa dell’ex, arriva la Polizia e scatta l’inseguimento

Erano le 6,50 di questa mattina, quando una volante si è precipitata ad Oratoio dove 'l'ex segnalava' la presenza dell'uomo indesiderato alla porta di...

Covid-19: il bollettino sanitario di oggi, venerdì 15 maggio

Coronavirus Toscana, 491 nuovi positivi, età media 37 anni; 19 i decessi. E' la sintesi del nuovo  bollettino sanitario reso pubblico da regione Toscana...

Vicopisano, territorio comunale sempre più cardioprotetto

VICOPISANO. 19° DAE-defibrillatore semiautomatico esterno installato dall'Amministrazione Comunale in località Guerrazzi. "Il DAE , spiega l'Assessora alle Politiche Sociali, Valentina Bertini, è già stato...

Luci “green” per il centro di Cascina

CASCINA. È in calendario prima del 15 settembre la partenza dell’intervento di riqualificazione energetica, con adeguamento normativo, per gli impianti di illuminazione pubblica del...

Chiuso il triplice intervento sull’acquedotto di Peccioli

PECCIOLI. Prosegue l’impegno di Acque SpA per migliorare il servizio per qualità e continuità. Completamente risanati 550 metri di tubazioni, per un investimento da...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...