17 C
Pisa
sabato 15 Maggio 2021

La comunità resiliente di Peccioli alla Biennale Architettura di Venezia

PECCIOLI. Al Padiglione Italia, della Biennale Architettura di Venezia, porterà il modello esemplare di comunità resiliente in chiave ecologica, sociale e tecnologica. Peccioli è una singolarità che nasce da centinaia di tonnellate di immondizia.

Nei vicoli del borgo medievale di Peccioli, ritmati da installazioni, opere e landmark d’autore, i robot vanno a fare la spesa, nascono start-up e si danno appuntamento scrittori, Nobel, scienziati, intellettuali, musicisti e performer.
Sorprendente museo d’arte a cielo aperto in costante fermento culturale, Peccioli è un centro rurale che si snoda sui saliscendi di un territorio che è gioiello paesaggistico, tra filari, alberature, morbidi rilievi e vallate. La direttrice è quella che va da Pisa a Volterra. Sotto questa Bandiera Arancione del Touring Club Italiano si danno appuntamento artisti e curatori internazionali, attori, intellettuali, giornalisti, orchestre, premi Nobel, studiosi, centri di ricerca, progettisti.“Laboratorio sociale, artistico, tecnologico e progettuale a cielo aperto, la gestione della ‘cosa pubblica’ pecciolese è entrata, non a caso, nei radar delle istituzioni internazionali (agenzie ONU in testa)”. E sarà nel cuore dell’esposizione del Padiglione Italia alla prossima Mostra Internazionale di Architettura alla Biennale di Venezia (maggio-novembre 2021), nello spazio ‘Laboratorio Peccioli’. Il Laboratorio Peccioli all’interno del Padiglione Italia è curato da Nico Panizzi, Ilaria Fruzzetti e Laura Luperi (dello studio Heliopolis 21 di Pisa). Sponsor del Padiglione Italia sono la società Belvedere S.p.A. e la Fondazione Peccioliper.
Il Padiglione, che proporrà una visione e una proiezione del Belpaese attraverso la lente delle ‘comunità resilienti’ nostrane (il titolo della mostra, curata da Alessandro Melis, sarà appunto ‘Comunità Resilienti’) che si fanno carico di una nuova agenda di sviluppo sostenibile – ecologico, climatico, sociale, politico, digitale -, ha individuato nell’esempio di Peccioli una peculiarità e un fermento di iniziative, visioni e progetti ecologici, sostenibili, partecipativi e resilienti da proporre sulla ribalta veneziana.LA DISCARICA. Tutto ruota attorno a una discarica gigantesca la cui gestione, fatta di accorta partnership pubblico-privato, ingoia immondizia e riversa energia, ricchezza, servizi, strutture, infrastrutture, assistenza, bellezza, cura ambientale e benessere a tutta l’Alta Valdera.
E la discarica stessa, affrescata da Sergio Staino e dagli enormi wall drawing dell’artista neoavanguardista David Tremlett – che dopo la Tate Gallery di Londra, il MoMA di New York, ha fatto capolino in queste terre con un intervento nel borgo medioevale che è nei cataloghi della storia dell’arte contemporanea – è oggetto di interventi artistici e diventa inaspettato e sorprendente anfiteatro e palcoscenico culturale, ribalta inedita di rassegne di spettacoli, di teatro, di musica, nonché passerella per servizi di moda e set fotografico scelto da brand planetari. Ne sanno qualcosa Fabio Concato, Pierfrancesco Favino, Luca Zingaretti, Luca Sofri con la sua rassegna Pensavo Peccioli, l’orchestra del Maggio Fiorentino, Claudio Santamaria, Walter Veltroni e molti altri personaggi, intellettuali, scienziati, economisti, artisti, performer.

Lo sanno gli abitanti, azionisti e beneficiari di una green industry dagli altissimi indicatori di circolarità economica, che lottano ogni giorno contro la marginalizzazione delle aree agricole periferiche e per il rilancio delle dinamiche demografiche, sociali ed economiche locali. Confrontando la propria orgogliosa appartenenza territoriale coi temi dell’innovazione, della sussidiarietà e dell’internazionalità.

Nel borgo, ritmato da installazioni d’autore, opere e landmark sorprendenti immersi nella quotidianità (qui basti citare tra i vari gli interventi di Nakagawa, Massimo Bartolini, Umberto Cavenago, Alberto Garuti, Federico de Leonardis, Vedovamazzei, Vittorio Corsini, Fortuyn/O’Brien, Vittorio Messina, Patrik Tuttofuoco), va in scena il primo esperimento al mondo di robotica sociale in un contesto reale: sono i robot che sfilano nei vicoli medioevali e fungono da spazzini a domicilio o portano la spesa a casa, oppure vanno nelle farmacie a fare acquisti per gli anziani con difficoltà deambulatorie. E ci sono anche la casa domotica testata dai cittadini, incubatori d’impresa, spin-off accademici e centri di ricerca sull’innovazione. La resilienza, che del problema fa una necessità, e di necessità fa virtù, a Peccioli ha il sapore della quotidianità, della normalità. Mostrando a Venezia un processo metabolico replicabile, che ha trasformato la cultura dello scarto in una risorsa su cui investire. Per il bene di tutti.
La discarica è attore fondamentale nell’aver posto Peccioli e dintorni quale riferimento culturale non solo per una vasta area territoriale, ma per un pubblico internazionale attento alla qualità della vita e incuriosito dagli senari inediti che vi si trovano.

Ultime Notizie

Pontedera, “Cimiteri in balia del degrado e dell’incuria”

PONTEDERA. Fratelli d'Italia torna a sottolineare le problematiche dei cimiteri comunali.Per il consigliere comunale Matteo Bagnoli e gli esponenti di FdI, Matteo Arcenni, Giuseppe...

Voleva entrare nella casa dell’ex, arriva la Polizia e scatta l’inseguimento

Erano le 6,50 di questa mattina, quando una volante si è precipitata ad Oratoio dove 'l'ex segnalava' la presenza dell'uomo indesiderato alla porta di...

Covid-19: il bollettino sanitario di oggi, venerdì 15 maggio

Coronavirus Toscana, 491 nuovi positivi, età media 37 anni; 19 i decessi. E' la sintesi del nuovo  bollettino sanitario reso pubblico da regione Toscana...

Vicopisano, territorio comunale sempre più cardioprotetto

VICOPISANO. 19° DAE-defibrillatore semiautomatico esterno installato dall'Amministrazione Comunale in località Guerrazzi. "Il DAE , spiega l'Assessora alle Politiche Sociali, Valentina Bertini, è già stato...

Luci “green” per il centro di Cascina

CASCINA. È in calendario prima del 15 settembre la partenza dell’intervento di riqualificazione energetica, con adeguamento normativo, per gli impianti di illuminazione pubblica del...

Chiuso il triplice intervento sull’acquedotto di Peccioli

PECCIOLI. Prosegue l’impegno di Acque SpA per migliorare il servizio per qualità e continuità. Completamente risanati 550 metri di tubazioni, per un investimento da...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...