11.2 C
Pisa
giovedì 22 Febbraio 2024

“KEU: è urgente la bonifica dei siti inquinati”: la nota di Legambiente Valdera

Il direttivo: “Come Legambiente Valdera chiediamo il prima possibile la rimozione totale del KEU in Valdera e la bonifica dei siti inquinati”.

Non molti giorni fa all’apertura dell’anno giudiziario il Procuratore Generale di Firenze ha citato come situazione di preoccupazione quella del KEU, sottolineando il fatto, molto grave: “i risultati delle analisi delle acque di falda, hanno mostrato il contatto con i rifiuti pericolosi e le ceneri dei fanghi di depurazione contaminati”.

Lo studio coordinato dal dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa un anno fa, su campioni di KEU in varie condizioni, parla di impatto elevato in condizioni d’umidità relativa e presenza di ossigeno, in quanto il KEU subisce trasformazioni con produzione di cromo esavalente. Il cromo esavalente è cancerogeno. Se si mettono insieme questi due fatti incontestabili, come Legambiente Valdera, ripetiamo ancora una volta che siamo preoccupati e chiediamo il prima possibile, la rimozione totale del KEU in Valdera e la bonifica dei siti inquinati. Non si possono dimenticare, infatti, i cumuli di terra e KEU del Green Park, circondati dall’acqua, durante i temporali e l’alluvione agli inizi di novembre scorso. Quasi tre anni fa la Toscana ha scoperto di avere molti luoghi inquinati da questo prodotto del comprensorio del cuoio.

I materiali edili riciclati con il KEU sono stati trovati dalle inchieste partite da tempo sotto le strade, la regionale n.429 Empoli-Castelfiorentino e la provinciale n.7 nei pressi di Arezzo, in un’area a Massarosa, a Pisa sia nell’area ex Vacis, che dentro l’aeroporto militare, a Crespina in un cantiere dell’acquedotto, negli impianti di riciclaggio Le Rose del materiale edile del KEU a Bucine e a Pontedera nella lottizzazione Green Park.

Addirittura – in base a quanto riportava tempo fa la stampa, rilevato da intercettazioni telefoniche – ci sarebbero stati tentativi (per fortuna falliti) di “esportare” il KEU anche sul Monte Serra, allorché, dopo l’incendio del 2018, alcuni imprenditori di Santa Croce oggi sotto processo, con un’azione di greenwashing, si offrirono di piantare 10.000 ulivi, fertilizzandoli con le ceneri contenenti KEU. Allo scoppiare dello scandalo, il problema sembrava allora affrontabile in un tempo ragionevole: l’assessora all’ambiente Monni dichiarò da subito che tutti i siti sarebbero stati messi in sicurezza e poi bonificati in tempi brevi.

Il problema è che queste dichiarazioni si sono ripetute varie volte all’anno per tre anni e non è successo niente. Solo l’area appartenente all’aeroporto militare è stata bonificata in pochi mesi, alla fine dell’estate del 2021 e a carico della Difesa, altrimenti l’aeroporto civile si sarebbe fermato perché la torre antinebbia si trova nell’area KEU. È bene dire, però, che a Pontedera siamo a conoscenza della presenza di materiale “pericoloso” nell’area del Green Park fin dal 2017 e pian piano abbiamo capito della gravità della situazione; ci sono delibere dell’amministrazione comunale a dimostrarlo, oltre il blocco del cantiere. Nei sette anni trascorsi da quando si è saputo che a Pontedera c’era un’area contaminata con rifiuti tossici, a parer nostro, l’amministrazione comunale non è riuscita a disinquinarla. Anzi, rimane un mistero che, in presenza di un mega impianto per la gestione di rifiuti tossici come la Ecofor service, i proprietari del Green Park e il Comune non si siano resi conto che la salute dei cittadini era importante più delle loro diatribe: prima si minimizza il danno ambientale e quello alla salute dei cittadini (il Sindaco è responsabile della salute pubblica) e poi ci si rivale sul proprietario; ci sono molti mezzi legali per farlo.

Grandi responsabilità hanno anche i proprietari: devono costruire case sicure e essere accorti negli acquisti dei materiali; invece spesso accade che, per risparmiare, si costruisca con qualsiasi materiale. Il KEU è prodotto da rifiuti al cromo delle concerie, certificato come riciclabile negli anni passati da chi lo produceva (codice CER 190112), riportato tale dall’Arpat (vedi Arpatnews n.113 del maggio 2013). Anche il ruolo di controllo della Provincia di Pisa in questa faccenda andrebbe approfondito. Il punto è proprio questo e, a tal proposito, facciamo nostre le parole del Procuratore Squillace Greco. “una prassi abusiva particolarmente pericolosa e dannosa per l’ambiente, ovverosia quella di declassificare i rifiuti pericolosi e le ceneri dei fanghi di depurazione contaminati, facendoli figurare come rifiuti recuperabili nella lavorazione di materiali inerti per l’edilizia, così da consentire un occultamento dei rifiuti più inquinanti provenienti dal comparto conciario e dal comparto orafo e causare anche gravi eventi di inquinamento ambientale”.

Il Direttivo di Legambiente Valdera

Ultime Notizie

Marica Guerrini candidata Sindaco a Palaia

PALAIA. Guerrini ha ricoperto il ruolo di assessora nelle ultime due legislature nella Giunta guidata da Gherardini. Un’affollata assemblea tenutasi ieri sera a Forcoli ha...

Amianto in due capannoni a Volterra, area sottoposta a sequestro

Il comunicato stampa relativo all'attività operativa eseguita  dai militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Volterra in materia di polizia ambientale. I finanzieri del Comando Provinciale di...

La mostra d’arte di Rita Bindi a Pontedera

Inaugurazione della mostra d’arte "Soffice eleganza ed impressioni liberate" a cura di Rita Bindi. Domenica 25 febbraio sarà inaugurata presso il Mandarino Café a Pontedera...

Il Questore di Pisa incontra le associazioni dei migranti

PISA. Questo incontro ha dato avvio ad una rinnovata collaborazione tra la Questura e le associazioni dei migranti. Nel pomeriggio di martedì 20 febbraio, presso...

Vanno avanti a Marina di Pisa i lavori di rinforzo delle scogliere

Rinforzo delle scogliere, sopralluogo di Giani a Marina di Pisa.  Vanno avanti a Marina di Pisa i lavori di "ricarico delle scogliere emerse" disposti in...

Ponte della Botte a senso unico, ecco perché

Giovedì 22 e Venerdì 23 Febbraio Ponte della Botte a senso unico per consentire indagini geotermiche. Nei giorni Giovedì 22 e Venerdì 23 Febbraio saranno...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Muore schiacciato dall’albero che stava tagliando a Ponsacco

PONSACCO. La tragedia si è consumata nella mattinata di oggi, venerdì 16 febbraio. Tragedia poco prima delle 10 di questa mattina, venerdì 16 febbraio, in...

Crespina: spegne 100 candeline, tanti auguri Ginetta!

Un giorno speciale per la signora Ginetta Cerretini. Ha compiuto 100 anni Ginetta Cerretini. La signora Ginetta ha festeggiato il meraviglioso traguardo in un clima di...

Precipitano da otto metri a Fornacette, gravi due operai di 29 e 32 anni

CALCINAIA. Il grave incidente si è verificato nella mattinata di oggi, lunedì 19 febbraio, nella zona industriale di Fornacette. Questa mattina, lunedì 19 febbraio, due...

Colto da malore mentre è al volante, si schianta contro un palo

L'incidente stradale si è verificato nella mattinata di ieri, domenica 18 febbraio. Un incidente stradale si è verificato ieri mattina, domenica 18 febbraio, in via Roma...

Con Ricky Le Roy Pontedera balla, countdown per il “Carnaval”

Arriva il Pontedera Carnaval, 10 ore di musica e divertimento. Pontedera Carnaval, una giornata da passare in maschera tra musica e divertimento. L'appuntamento è per sabato...

Precipitano dal tetto di un capannone a Fornacette

CALCINAIA. Il grave incidente si è verificato nella mattinata di oggi, lunedì 19 febbraio, nella zona industriale di Fornacette. Due persone sono rimaste ferite questa...