15.6 C
Pisa
giovedì 29 Febbraio 2024

Perse 28 attività ogni anno a Pisa. Confcommercio: “La politica ci ha lasciati soli”

Federico Pieragnoli: “Le maggiori criticità si registrano soprattutto in periferia, mentre almeno quantitativamente il centro storico tiene, anche se complessivamente la riduzione del commercio al dettaglio segna un arretramento del -24% rispetto al 2012, con un -21% dei negozi tradizionali”.

Sono 304 i negozi al dettaglio chiusi a Pisa negli ultimi dieci anni e mezzo, il 24% in meno rispetto al 2012, con una media di 28 attività perse ogni anno, mentre il centro storico tiene mantenendo invariato il suo numero di imprese con 132 attività di commercio al dettaglio registrate. Preoccupante il calo delle attività ambulanti (-38% dal 2012 al 2023), media e grande distribuzione (- 40%) e negozi di tessili, prodotti per la casa e ferramenta (- 36%), mentre aumentano alberghi e servizi di alloggio (+ 35%) e tiene la ristorazione, che pur perdendo il 12% in centro storico dal 2019 (periodo pre Covid), vede il 10% delle attività in più rispetto al 2012, mentre soffrono i bar, calati del 22% sull’intero territorio comunale negli ultimi 10 anni.

È quanto emerge dalla nona edizione dell’Osservatorio sulla demografia d’impresa delle città italiane realizzato a livello nazionale da Confcommercio con il contributo del Centro Studi delle Camere di Commercio G. Tagliacarne, che ha fornito i dati sui quali si è sviluppato lo studio.

“Non possiamo essere lasciati soli ad affrontare quel virus cronico e virulento che attacca le nostre città e che prende il nome di desertificazione” – attacca il direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli: “Purtroppo questi dati non ci sorprendono affatto, visto che il termometro della febbre è ai massimi livelli da almeno un decennio. Siamo di fronte al conclamato fallimento della politica, che ci ha lasciati soli a combattere contro le grandi piattaforme globali dell’online, che non pagano tasse e impoveriscono città e paesi dei nostri territori, drenando risorse che non investono qui. Il commercio di vicinato, contrariamente ad altre realtà produttive del nostro paese, che prendono fiumi di soldi statali, delocalizzano e licenziano le persone, non riceve aiuti e sostegni, e di fronte alle cosiddette liberalizzazioni selvagge e senza regole, non possono che soccombere, a detrimento dei servizi, della vivibilità, della sicurezza e dell’attrattività delle nostre città.

Pisa conferma che le maggiori criticità si registrano soprattutto in periferia, mentre almeno quantitativamente il centro storico tiene, anche se complessivamente la riduzione del commercio al dettaglio segna un arretramento del -24% rispetto al 2012, con un -21% dei negozi tradizionali. Al contempo è drammatica la situazione del commercio ambulante, con punte del -50%, mentre a risollevare le sorti si conferma il comparto turistico e dell’accoglienza, con tendenze in crescita di lungo corso, anche se il comparto dei bar mostra una progressiva flessione. Senza aiuti e sostegni concreti, le insegne delle nostre città sono destinate a spegnersi definitivamente”.

Ultime Notizie

Cornovirus, ultima settimana: Pisa 10 nuovi casi e nessun decesso

Coronavirus, 74 nuovi casi e nessun decesso negli ultimi sette giorni Negli ultimi sette giorni si sono registrati in Toscana 74 nuovi casi di Covid-19:...

Neonato portato via dal reparto di Neonatologia di Pisa senza consenso

Un atto altamente dannoso per il piccolo, per il quale i sanitari dovevano pianificare l'incontro per gestire le dimissioni. Oggi, mercoledì 28 febbraio, all’Ospedale Santa...

Studenti manganellati, trasferita la dirigente del reparto mobile di Firenze

A meno di una settimana dagli scontri che hanno causato 13 feriti, Silvia Conti, dirigente del reparto mobile di Firenze, è stata trasferita. Silvia Conti,...

In provincia di Pisa +14% di imprese in cerca di lavoratori

Pisa poco sotto la media nazionale per la difficoltà di assunzioni. Opportunità per Diplomati e Figure Professionali Qualificate. Ancora elevato il mismatch domanda-offerta. Sono 6.370...

Sorpreso con oltre 32 grammi di hashish: preso spacciatore a Pontedera

I Carabinieri avevano effettuato dei controlli sulle persone in zona stazione e sono riusciti a fermare uno spacciatore. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile...

La Polizia Locale dell’Unione Valdera ha un nuovo, giovane, dirigente

Il nuovo dirigente della Polizia Locale dell’Unione Valdera, Francesco Frutti si presenta: “Il mio obiettivo sarà garantire un servizio efficace, efficiente e orientato alla...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Cascina: spegne 100 candeline, tanti auguri Nina!

La signora Nina è arrivata a Cascina negli ultimi anni. Ha compiuto 100 anni la signora Nina. Ha festeggiato il meraviglioso traguardo in un clima di...

Si è fermato il grande cuore di Maurizio, lutto in provincia di Pisa

CASTELFRANCO DI SOTTO. La sua prematura scomparsa ha gettato nel dolore e nello sconforto familiari, amici e conoscenti. E' venuto a mancare Maurizio Campo, storico...

Torna il Mercato dei Lungarni a Pisa: straordinario evento sotto il cielo pisano, ecco quando

Il lungarno di Pisa si prepara a ospitare nuovamente l'appuntamento imperdibile con il Mercato Lungarno, un'iniziativa promossa da Anva Confesercenti Pisa e destinata a...

Dodicenni scomparsi da Ponte a Egola: cosa è accaduto

SAN MINIATO. L’appello per ritrovarli è rimbalzato in tutta la provincia di Pisa grazie al tam tam sui social. Due minorenni – una ragazzina e...

Pisa: l’atleta Angelo spegne 95 candeline, tanti auguri!

Il Comune di Pisa premia l’atleta Angelo Squadrone nel giorno del suo 95esimo compleanno: "Esempio di grande tenacia e spirito sportivo". Il Comune di Pisa...

Pestata dalle baby bulle a Pontedera, salvata da un giovane

PONTEDERA. Il video dell’aggressione mostra la ragazzina presa a calci, pugni e spintoni da alcune coetanee. Una scazzottata tra ragazzine e, sullo sfondo, decine di coetanei...