7.7 C
Pisa
martedì 29 Novembre 2022

Il Long Covid colpisce 43 persone ogni mille guariti

Donne più a rischio degli uomini. I risultati del convegno di Volterra.

VOLTERRA. Il Long Covid si sta delineando come una malattia cronica. Colpisce 43 persone ogni 1000 guariti, che diventano 54 persone ogni 1000 guariti tra i pazienti ricoverati in ospedale durante la fase più acuta della malattia.

Le donne hanno un rischio maggiore di esserne colpite, sia tra i soggetti che in fase acuta sono stati ospedalizzati, sia in quelli trattati a domicilio. Rispetto ai maschi, nei soggetti di sesso femminile sono più frequenti difficoltà respiratoria, difficoltà di concentrazione, affaticamento, con un più severo impatto sulle attività della vita quotidiana ed una peggiore qualità di vita percepita.

Al convegno “Long Covid: una pandemia parallela?“, che si è svolto a fine ottobre a Volterra, medici e specialisti delle professioni sanitarie sono partiti da queste evidenze scientifiche per inquadrare a tutto tondo una sindrome sulla quale molto rimane ancora da comprendere. Letture, comunicazioni, tavole rotonde e gruppi di lavoro a tema, hanno permesso di confrontare tra di loro le esperienze dei vari centri che studiano ed analizzano il Long Covid per definire gli aspetti più importanti nella sua gestione sanitaria e clinica.

“Secondo i dati raccolti nella rete dei centri Long Covid della nostra ASL – spiega Guido Vagheggini, responsabile scientifico dell’evento e referente pneumologo per l’insufficienza respiratoria cronica del Dipartimento di Medicina specialistica dell’Azienda USL Toscana Nord Ovest – oltre un terzo dei soggetti valutati dopo tre mesi dal Covid riportava sintomi di stress post-traumatico, ansietà e sintomi depressivi”.

“Ormai è noto che il Long Covid è una sindrome ad andamento subdolo – continua Vagheggini – e che si manifesta con affaticamento, debolezza muscolare, difficoltà respiratorie, disturbi della memoria e della concentrazione, ed un insieme di sintomi diversi, ancora non completamente conosciuti e studiati. Porta con sé anche un rischio maggiore di problematiche cardiovascolari (aritmie, miocarditi), fibrosi polmonare, disturbi endocrini (per esempio tiroiditi) e danni neurologici, con deficit motori e cognitivi. Insomma, siamo di fronte ad una malattia cronica, caratterizzata da sintomi multisistemici che persistono per settimane o anni dopo l’infezione acuta”.

Il migliore approccio per valutare e trattare questa condizione clinica può variare tra un paziente e l’altro, per cui serve una valutazione multidisciplinare, che comprenda oltre ai parametri medici, anche gli aspetti neuropsicologici, emozionali e cognitivi, e la possibilità di inserimento in percorsi riabilitativi. Per questo motivo il convegno volterrano ha ospitato gli interventi di molti relatori di diverse discipline mediche, tra cui Roberto Andreini (direttore del Dipartimento Specialità mediche), Spartaco Sani (direttore dell’Area Malattie infettive), Daniela Boccalatte (Responsabile anestesia e rianimazione dell’ospedale di Lucca), Carlo Rossi (neurologia all’ospedale di Pontedera), Anna Zito (responsabile della riabilitazione respiratoria della Auxilium Vitae di Volterra), Stefania Tocchini (psicologia Asl), Laura Carrozzi (ordinario di pneumologia dell’Azienda ospedaliera universitaria pisana), Paolo Francesconi (dell’Agenzia regionale sanità), Riccardo Cecchetti (responsabile medicina dell’ospedale di Portoferraio), Emilio Pasanisi (responsabile cardiologia dell’ospedale di Livorno) e molti altri professionisti che hanno portato le migliori esperienze dell’AUSL Toscana nord ovest in questo campo.

Il convegno di Volterra ha affrontato anche il tema dell’infezione da Covid nei soggetti immunocopromessi, gli effetti sui polmoni e sul sistema respiratorio, gli effetti sul sistema nervoso (che comprendono ‘brain fog’, cefalea, deficit cognitivi, disturbi del sonno e dell’umore, mialgie, deficit sensorio-motori e disautonomie) e gli effetti sul sistema cardio-vascolare (che comprendono miocarditi e ischemie).

“Il quadro così delineato può essere affrontato solo con un’attenta analisi e una strategia di risposta che sia a livello nazionale, considerata l’estensione che il Covid ha avuto in Italia e nel mondo – conclude Vagheggini – e per questo motivo la rete di centri Long Covid della nostra ASL è stata inserita nel progetto dell’Istituto Superiore di Sanità per il monitoraggio delle dimensioni e la gestione clinica del problema”.

Ultime Notizie

Geofor, possibile sciopero il 2 dicembre

Possibile giornata di sciopero venerdì 2 dicembre. La Federazione della Unione Sindacale di Base e la Confederazione COBAS hanno annunciato una giornata di sciopero, prevista...

Ponte ciclopedonale a San Rossore, approvato il progetto definitivo

Assessore Dringoli: “Opera fondamentale per la cicloposta del Tirreno. Lavori aggiudicati entro fine 2022”. PISA. Approvato dalla Giunta comunale di Pisa il progetto definitivo per...

Lavori in Fi-Pi-Li, tre chiusure notturne della carreggiata

Si parte dalle dieci di domani. Chiusure necessarie per consentire i lavori. Per lavori sulla pavimentazione si segnalano le seguenti chiusure della carreggiata tra gli svincoli...

È morto il direttore dell’osservatorio gravitazionale europeo di Cascina

Scienza in lutto. CASCINA. Si legge sul sito ufficiale di Ego: "Con profondo dolore e grande cordoglio comunichiamo che il direttore di EGO, Stavros Katsanevas,...

Terricciola: 30° Festa della terza età, i Carabinieri incontrano gli anziani

Continuano gli incontri dei Carabinieri nell’ambito della campagna di sensibilizzazione, avviata dal Comando Provinciale di Pisa, a favore degli anziani. TERRICCIOLA. Il comandante della Stazione...

Beni confiscati alla mafia: l’esempio di Montopoli al convegno di Firenze

"Grazie al bando regionale ristruttureremo il nostro centro antiviolenza”. MONTOPOLI IN VAL D'ARNO. Questa mattina l'amministrazione comunale di Montopoli è stata chiamata a Firenze in...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Toscana: 2.413 nuovi casi Covid e 18 decessi, in calo pressione su ricoveri

CORONAVIRUS. 2.413 nuovi casi, età media 37 anni. Sono 18 i decessi. I ricoverati sono 826 (20 in meno rispetto a ieri), di cui 55...

Cucciolo di cane smarrito a Terricciola, l’appello social del proprietario per ritrovarlo

L’appello social del padrone per ritrovarlo. TERRICCIOLA. Un cucciolo di cane è scomparso dal distributore Aquila de La Rosa di Tericciola. L’appello social del padrone: “Questo...

Valdera, auto fuori controllo si schianta contro panchine

L'incidente stradale si è verificato nella notte tra sabato e domenica nel centro di Fornacette. Il conducente ha perso il controllo dell'auto nel centro di...

Morta carbonizzata nel camino: la vittima è Nonna Giovanna, star di TikTok

Giovanna Malfatti, Nonna Giovanna su TikTok, è la vittima del tragico incidente avvenuto ieri sera nella frazione di Cascina. CASCINA – La vittima dell’incidente avvenuto...

Cade nel caminetto acceso, muore carbonizzata

Tragedia in provincia di Pisa nella serata di oggi 23 novembre nel comune di Cascina.  Una persona di 91 anni è morta carbonizzata dopo essere...

Ciclisti travolti da un’auto, trovato il pirata della strada

Un 25enne denunciato per i reati di fuga ed omissione di soccorso dopo aver provocato un sinistro stradale, nonché lesioni personali. https://vtrend.it/con-lauto-travolge-3-ciclisti-poi-scappa-e-caccia-al-pirata-della-strada/?fbclid=IwAR15haNC4gyFHHoYib-if_0dfxqKEc8unKLF5UR17W2IqRSvhoy7WXwkKFA Circa l'investimento avvenuto nella mattinata...