31.1 C
Pisa
domenica 26 Giugno 2022

Domenica in giallo con “Tony e le Ciliegie Rosse” di Giuseppe Vecchio

Di seguito la decima puntata del racconto giallo “Tony e le Ciliegie Rosse”.

Ecco la decima puntata di “Tony e le Ciliegie Rosse” (in esclusiva per i lettori di VTrend.it) di Giuseppe Vecchio, noto e rinomato scrittore.

“Io dovevo risolvere il caso.

Non erano vite di persone stroncate, erano casi, situazioni difficili con delitto, il morto, la morta, c’erano sempre, l’immobilità del cadavere era una sorta di boa, già, una boa, in mezzo al mare, qualcosa di sicuro circondato da tante insicurezze, addirittura un mare, di notte, senti il mare, lo tocchi, lui ti circonda, cosa c’è oltre il tuo sguardo? Non lo sai. Questa inevitabile incertezza è la misura capovolta del tuo coraggio, il cadavere, diventa la boa a cui aggrapparsi, tutto parte e finisce dal morto, che, se una persona si uccide o viene uccisa si chiama cadavere, questa forzata immobilità diventa il punto di partenza e d’arrivo. Nel frattempo il cadavere va via per sempre, viene cremato, seppellito, scompare.

Io dovevo risolvere il caso.

Questo contava, ogni volta che accadeva io mi sentivo rinascere, il cadavere tornava a vivere.

Ognuno pensa nel modo che ritiene più opportuno, io, per pensare, dovevo correre, macinare chilometri, sterzare, riprendere la macchina in curva, solo così riuscivo a pensare, e non in altro modo.

Salvo, devo tornare sul luogo del delitto.
A fare cosa, mangiare altre ciliegie?
Amarene, erano amarene.
Questo pure sai?
L’ho sentito dire da uno dei tuoi.
Non ti sembra strano che avesse una sola scarpa?

Un cadavere non è mai strano, il nostro cadavere era

apparecchiato, pronto a una festa in maschera, gli mancava solo il vestito, il resto c’era tutto. Perciò mi fa strano che abbia una sola scarpa. Tu andresti a una festa con una sola scarpa? Mistero c’è, che non mi convince.

Salvo, devo tornare in quella casa, quando ci sono stato c’era troppa gente, non ho avuto il tempo necessario per riflettere, per ragionare, per capire.
Aspetta ancora un poco e ti faccio tornare dentro, ora lasciami tranquillo che ho altro da fare, mi capisci che ti sto dicendo?
Ti capisco, beato te, aspetterò, farò altro, cercherò altrove.

Allora “buon capisci che sto dicendo”!

Mi ha chiuso il telefono in faccia!

Va bene lo stesso, dagli amici, da quelli veri, si prende tutto.

Melissa, sul tavolo dell’obitorio l’avevo vista bene.

Era una bella donna, faceva specie che fosse morta, perché non l’avevo incontrata prima?

Dicono che fosse una donna brillante, sempre allegra, spensierata, poi, però, la morte le è andata incontro.

I veri delitti sono tali quando non c’è un motivo perché la persona deve morire, il mistero nasce così, perché è morta? Perché proprio lei?

Era questo che mi piaceva, trovare una ragione dove non c’era.

Io saltavo il “perché”, andavo avanti con il come.

Il come, alla fine, mi avrebbe portato al perché.

Non credo ci sia sempre il perché.

Assassino e vittima, quasi sempre, si conoscono, vivono insieme, mangiano insieme, ridono insieme, fanno l’amore, poi, qualcosa, precipitevolmente, cambia.

L’assassino decide il momento giusto che forse non lo è, quest’attesa, più lunga, più corta, rende un omicidio qualcosa di unico, particolare, irrimediabile, proprio come la morte in sé.

C’è sofferenza nella morte così?”

To be continued

Ultime Notizie

Scoppia incendio vicino al comando della Guardia di Finanza, a fuoco un ettaro di sterpaglie

Intervenute due squadre dei Vigili del Fuoco di Pisa a Cisanello in seguito ad un incendio. A supporto dei Vigili del Fuoco è intervenuta...

Una città in festa, a Pontedera il raduno nazionale della Polizia di Stato [IL VIDEO]

Più di tremila persone hanno visitato la città di Pontedera in occasione dell'ottavo raduno nazionale ANPS: due giorni di festa, esibizioni e mostre a...

Vettura a fuoco in FILiPi, possibili disagi

Sono intervenuti i Vigili del Fuoco dell'area fiorentina, per domare e regimentare le fiamme che hanno coinvolto una vettura sulla grande arteria di comunicazione:...

Covid, Pisa, Valdera e Alta Val di Cecina, la situazione comune per comune

Questo il bollettino Coronavirus aggiornato al 22 giugno 2022 relativo al comprensorio pisano, della Valdera e Alta Val di Cecina, i dati sono resi...

Pontedera, VIII Raduno nazionale dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato, la sfilata (VIDEO)

All’VIII Raduno nazionale dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato presente  Il Capo della Polizia - Direttore Generale della Pubblica sicurezza Lamberto Giannini (VIDEO INTERVENTO) Alle...

Covid in Toscana, i nuovi casi sono oltre 2.500 e 29 ricoveri in più, 12 in terapia intensiva

Coronavirus, 2.759 nuovi positivi, età media 48 anni, nessun decesso I ricoverati sono 349 (29 in più rispetto a ieri) di cui 12 in...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Apre domani il ristorante di Cannavacciuolo a Terricciola

Per la prima volta in Toscana, il Gruppo Cannavacciuolo ha realizzato un progetto unico nel comune di Terricciola. TERRICCIOLA. Domani, venerdì 24 giugno, l'inagurazione del...

“Miss Mamma Italiana 2022”, premiate 8 mamme della provincia di Pisa!

A Pardossi di Pontedera eletta "Miss Mamma Italiana 2022". PONTEDERA. Proseguono in tutta Italia le selezioni per “Miss Mamma Italiana 2022”, concorso nazionale di bellezza...

Ossa rinvenute a Pisa. Potrebbero essere umane

Un macabro rinvenimento mercoledì scorso in riva al fiume a Pontasserchio. Come riporta il quotidiano La Nazione, mercoledì mattina intorno alle 9, il responsabile del Nucleo...

Scontro frontale tra due auto a Perignano, due feriti

L'incidente stamani a Perignano. CASCIANA TERME LARI. Alle ore 06.50 circa di stamani, sabato 25 giugno, si è verificato un incidente frontale tra due auto...

Incidente a Capannoli: una moto coinvolta nello schianto

L’incidente oggi, lunedì 20 giugno, poco prima delle 15.00: probabile scontro tra moto e furgone. CAPANNOLI – L’incidente poco fa, su Via Volterrana a Capannoli:...

Cade in zona impervia dalle due ruote: interviene Pegaso

L’incidente nel tardo pomeriggio di oggi, giovedì 23 giugno: la caduta da una bici o da una moto in una zona impervia, attivato l’elisoccorso. SAN...