17 C
Pisa
sabato 15 Maggio 2021

Covid e bambini, intervista esclusiva al Prof. Claudio Spinelli

PISA. La Dr.ssa Giulia Gianfilippo intervista il Professore Claudio Spinelli che è attualmente Ordinario di Chirurgia Pediatrica e Infantile, presso l’Università di Pisa e che dirige la Sezione Dipartimentale Universitaria di Chirurgia pediatrica e Adolescenziale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana. È inoltre inserito nella rete formativa della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Pediatrica e Infantile.

Quale è la situazione nella fase 2, circa il COVID-19, in riferimento ai più piccoli? E la Toscana, quale incidenza di contagi, fra i bambini, ha avuto?

Nel mondo l’infezione ha ormai superato i 4 milioni e mezzo di contagiati, con oltre 300.OOO mila decessi in tutto il pianeta, un numero altissimo. Pochi giorni fa, il New York Time ha pubblicato i nomi dei centomila deceduti negli Stati Uniti, che pone l’Italia al quarto posto per casi positivi, con quasi 225 mila casi e 31800 morti. Vorrei, a tal proposito, dedicare un pensiero a tutto il personale sanitario – definito eroe – che si è impegnato fortemente in questo periodo, con oltre 14000 sanitari infetti e oltre 155 medici deceduti, oltre ad un numero elevato di decessi fra infermieri e ausiliari.
In Italia sono stati circa 400 i bambini affetti, circa lo 0,05% degli infetti complessivi, ma con nessun decesso. I decessi dei più piccoli risultano essere avvenuti in altri paesi: uno in Inghilterra deceduto all’età di cinque anni, una bambina di dodici anni in Belgio, una di sedici in Francia e negli Stati Uniti. Da segnalare una neonata affetta da infezione (curata all’ospedale di Cuneo), che è stata sottoposta a ventilazione meccanica. In toscana ci sono stati circa 10.000 casi complessivi, con quasi 1000 decessi. I casi in età pediatrica sotto i 20 anni sono stati 17 ricoverati in ospedale, su un totale di 298 affetti, di cui: 50 casi da 0-4 anni, 38 da 4-9, 93 da 9-14 e 117 da 14-19 (circa 3,1%, di cui il 30% sotto i 10 anni) , ma nessuno è stato ricoverato in terapia intensiva. La maggiore concentrazione si è verificata nell’area nord ovest e sud est della toscana, vicino alle zone di confine con altre regioni. Per quanto riguarda lo stato clinico al tampone, sotto i dieci anni sono asintomatici nell’85% e paucisintomatici con un 3% di stati severi. Questi casi scompaiono completamente nella fascia di età tra 11-20 anni. La carica virale di un bambino affetto sembra essere più bassa rispetto a quella degli adulti, pertanto si spiega il perché di un contagio maggiormente contenuto.

Perché i bambini si ammalano meno di Covid?

Le cause del minore rischio dei bambini all’infezione sono: le condizioni migliori di partenza dei vari organi come i polmoni; la vicinanza alle vaccinazioni, che potrebbe spiegare la maggiore risposta immunitaria in caso di contagio; i bambini sembrerebbero meno esposti per una maggiore espressione nelle vie respiratorie, del recettore ACE2 che è un recettore sulla superficie cellulare e che permette al virus di legarsi ad esso e entrare all’interno della cellula per infettarla.

Quali sono i sintomi e le possibili complicanze di un’infezione Covid-19 in un bambino?

Ormai sono stati pubblicati, su riviste internazionali, articoli importanti su casistiche in età pediatrica che ci fanno conoscere abbastanza bene glia spetti clinici di quest’affezione. In particolare: Un articolo su “Pediatrics”, pubblicato da un gruppo cinese su 2143 casi di bambini affetti da coronavirus e con un’età media di 7 anni. Un altro articolo, pubblicato su Pediatric Infection disease (Zimmerman et al), un gruppo di studio svizzero che ha esaminato 65 casi di donne durante ala gravidanza e affette da covid, oltre a ben 67 neonati. Il distress fetale è stato osservato nel 30% dei casi e il 7% delle madri in dolce attesa ha avuto un parto prematuro. Complicanze neonatali sono state distress respiratorio, coagulazione intravascolare disseminata (3%), asfissia 2% e 2 morti perinatali. I neonati hanno riportato Covid positivo con polmonite. Anche per i bambini, i sintomi sono la febbre e un aggravamento delle condizioni respiratorie, specialmente se soffrono di asma bronchiale o di fibrosi cistica, eritema del faringe e la tosse. Da considerare la polmonite con opacità polmonari bilaterali e, spesso più degli adulti, hanno una sintomatologia gastroenterica con dolore, vomito, diarrea o altre insufficienze multiorgano, linfocitopenia.

Qual’ è il rapporto tra l’infezione e il diabete?

Il diabete non aumenta il rischio di contrarre l’infezione di covid 19 ma, in caso di infezione, c’è un maggior rischio di complicanze e di decorso sfavorevole. I diabetologi consigliano dunque i loro pazienti una massima prudenza. Occorre monitorare la glicemia con attenzione e valutare l’adeguatezza della terapia insulinica. I bambini diabetici in Italia sono circa 20000.

Quale è la strategia e le accortezze che vengono tenute di conto per operare un
bambino nella fase 2 del Covid?

La società italiana di Chirurgia Pediatrica e la Consulta degli apicali, hanno emanato gli indirizzi di gestione della fase 2 della pandemia covid-19, in particolare tutti i bambini e il genitore che accompagna il figlio in ospedale per un ricovero devono essere sottoposti a tampone rino-faringeo. Durante il ricovero devono essere eseguiti altri test, soprattutto il sierologico prima di essere sottoposto a visita anestesiologica; importante sarà un adeguato consenso informato.

Lei, oltre a chirurgo pediatra, si occupa di poesia e di pittura, come immagina una
rappresentazione artistica dell’era COVID-19?

Parlerò di un ritrovamento sulla spiaggia all’inizio del periodo del coronavirus, di uno straccale con una strana forma che ho immaginato un volto e ho dipinto. Il momento era tale da avvicinarlo all’immagine tragico–comico, un vero e proprio sentimento di “umorismo” citando la visione filosofica Pirandelliana.

©

 

Ultime Notizie

Il Covid fa un’altra vittima a Casciana Terme Lari

CASCIANA TERME LARI. Il sindaco Mirko Terreni torna ad aggiornare i cittadini sull'andamento del contagio e comuica un decesso legato al Covid."La situazione epidemiologica...

Valdera e Pisa, i nuovi contagi per comune

COVID-19. Nell’Azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 15 maggio, sono 123.In Valdera si registrano 9 casi, così suddivisi: Capannoli 1,...

Una galleria virtuale per un gemellaggio reale

CALCINAIA. L’Europa non è un concetto astratto, ma una straordinaria opportunità per mettere in contatto culture diverse, per confrontare differenti tradizioni, per scoprire nuovi...

Vaccini: dalle ore 16 di oggi agende aperte per 1970 e 1971

TOSCANA. Dalle ore 16 di oggi, sabato 15 maggio, si aprono le agende per la prenotazione vaccini anche per i nati nel 1970 e...

Cup 2.0: in due giorni oltre 200 prenotazioni online

L'avvio, anche nell'ambito territoriale pisano, del nuovo Centro unico di prenotazione (Cup) 2.0 si è svolto senza particolari criticità.Già dal primo giorno, giovedì 13...

Fornacette, una tesi di laurea per raccontare la metodologia dell’Flab

FORNACETTE. Una tesi di laurea per raccontare la metodologia ed il lavoro dei professionisti dell’FLAB al centro sportivo di Fornacette.La presenterà Alessandro Riva, 21...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...