24 C
Pisa
lunedì 21 Giugno 2021

Covid-19: in Aoup vaccinazione a ritmi sostenuti

Una catena di montaggio, una macchina ben oleata che funziona e che ha dimostrato nei mesi di poter implementare ancora di più la risposta vaccinale, in base alle forniture e alle disposizioni nazionali e regionali.

E’ il modello organizzativo che l’Aoup ha messo in piedi all’Ospedale di Cisanello sin dalla fine di dicembre scorso per cominciare una poderosa campagna vaccinale che conta, al 25 maggio, 62.044 vaccinazioni, di cui 37.038 prime dosi e 25.006 richiami.
Un modello che impiega farmacisti per la preparazione delle dosi, medici, infermieri, operatori socio-sanitari, coordinatori, tecnici, amministrativi addetti all’accettazione oltre al team di emergenza, predisponendo di volta in volta il numero di ambulatori necessari a garantire i volumi di attività settimanalmente previsti.

Nei mesi sono cambiate anche le sedi vaccinali, compatibilmente con l’andamento della pandemia e l’utilizzo degli ambulatori all’interno dell’ospedale.
Si è partiti dall’Edificio 3 con il V-Day del 27 dicembre scorso e, nelle settimane successive, con 14 ambulatori paralleli e una media di circa 900 vaccini al giorno, si è completata la somministrazione del Pfizer sulle categorie individuate dal Ministero e dalla Regione (personale ospedaliero e a vario titolo operante in ospedale) per poi passare alle categorie estremamente vulnerabili, ossia i pazienti già in carico alle strutture ospedaliere per varie patologie, che sono stati contattati dagli specialisti e vaccinati con le dosi di Moderna all’Edificio 2A di Cisanello. A metà aprile l’Aoup aveva già somministrato 20469 prime dosi e 15043 richiami, mettendo un proprio ambulatorio anche a disposizione dei medici di medicina generale per vaccinare gli ultraottantenni. Nel frattempo erano stati attivati anche gli ambulatori all’Edificio 1 per i richiami per poi centralizzare tutta l’attività all’Edificio 30 C dove sono attualmente attivi 8 ambulatori con una frequenza di 1000 vaccini al giorno.
In questi mesi è stato anche organizzato un corso di formazione in 14 edizioni, rivolto al personale sanitario (medici, infermieri, operatori socio-sanitari) per garantire la massima sicurezza del servizio, con i professionisti opportunamente formati e periodicamente aggiornati sulle emergenze legate alla pratica vaccinale.

Ultime Notizie

Rientro anticipato dal mare, gioca l’Italia: c’è chi chiede il maxi schermo a Ginestra

Il richiamo della Nazionale di Calcio italiana è più forte dell'ultimo scampolo di mare, tanto che si stanno già registrando incolonnamenti.In questi minuti si...

Covid a Pisa, Volterra e Valdera: domenica 26 giugno solo 6 casi

Le anticipazioni parziali sono giunte questa mattina grazie al presidente della Regione Toscana, di seguito riportiamo il dettaglio di quanto emerso nelle ultime 24...

Covid-19 in Toscana: il bollettino di oggi, domenica 20 giugno

COVID.19. 55 nuovi casi, età media 37 anni. I decessi sono 5. Questa l'estrema sintesi del bollettino sanitario diramato oggi, domenica 20 giugno, da...

Mezzi pubblici, capienza fino all’80 per cento. Al via lunedì

L'assessore ai trasporti Stefano Baccelli aggiorna sulla questione trasporti pubblici e annuncia:Da lunedì, con l’entrata della Toscana in zona bianca la capienza massima sui...

Addio al cavaliere Arzilli, storico ristoratore e ambasciatore del tartufo nel mondo

La città della Rocca piange la scomparsa di Dino Arzilli, patron e chef del ristorante Genovini.Se ne va l’uomo che ha portato i sapori...

In arrivo 15 attraversamenti pedonali luminosi

CASCINA. Fase conclusiva per altri quindici attraversamenti pedonali luminosi in varie frazioni del Comune. Uno strumento per far crescere la sicurezza stradale, in particolare...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...