23 C
Pisa
giovedì 18 Agosto 2022

Comprensivo Capannoli: 200 genitori chiedono incontro con dirigenza e sindaci

VALDERA. Un gruppo di genitori di studenti che frequentano l’Istituto comprensivo di Capannoli chiedono attraverso una lettera aperta un incontro con la dirigente scolastica e le amministrazioni locali per affrontare il tema scuola e la ripartenza a settembre. 
 
Di seguito riportiamo integralmente la lettera aperta: 
 
“Siamo un gruppo di genitori di bambine e bambini, studentesse e studenti, che frequentano l’Istituto comprensivo di Capannoli, dislocato nei tre comuni di Capannoli, Terricciola, Lajatico. In questi mesi, come tutti i genitori italiani, abbiamo sperimentato attraverso i nostri figli la didattica a distanza, che ha visto uno sforzo congiunto degli insegnanti, degli istituti, delle famiglie, e degli studenti. Sono stati senza dubbio mesi difficili e anomali. Abbiamo cercato di sostenere i nostri figli e le nostre figlie in questa emergenza; e c’è da esprimere prima di tutto un grazie sincero e non di circostanza a tutta la comunità educante, e in special modo ai docenti, per aver saputo inventare un modo differente di fare scuola.
Seguiamo da settimane il dibattito sulla riapertura a settembre; abbiamo visionato le prime linee guida che sono trapelate dagli studi del governo, che ancora ci dicono pochissimo, se non nulla, sulle soluzioni; ci siamo confrontati con i movimenti di genitori, insegnanti e studenti che nel frattempo sono nati e hanno dato voce a un sentimento che condividiamo: la scuola è prioritaria e serve un piano per settembre, e serve adesso.

È vero, il futuro è incerto; anche e soprattutto per questo serve pensare ORA al rientro a settembre. Per fare un paragone: tutti noi speriamo che non vengano terremoti, eppure sono necessari piani preventivi antisismici di evacuazione per gli edifici. Nel caso della riapertura post-covid, noi speriamo con tutti noi stessi che i nostri figli possano tornare a scuola a settembre, ovviamente in sicurezza; se, per il riacutizzarsi dell’emergenza sanitaria, così non potrà essere, ne prenderemo atto. Ma non possiamo non pensare all’altro scenario, ovvero quello in cui ci fossero le condizioni per riaprire: anche perché, allo stato attuale, in Italia hanno ripreso infine tutte le attività, industriali, commerciali, turistico-ricettive.
Se riconosciamo il ruolo imprescindibile della comunità scolastica, degli insegnanti, dell’apprendimento condiviso, se riconosciamo alla scuola un ruolo fondativo per la società, allora dobbiamo adoperarci in tutti i modi perché a settembre si possa tornare a una didattica in presenza. Ci auguriamo che a settembre ciascun istituto sia pronto per affrontare questa sfida e che siano dati alle famiglie il tempo e il modo di riorganizzarsi a fronte di una eventuale rimodulazione oraria.
 
Non ci sfugge che si tratta una sfida molto difficile: proprio per questo come genitori vorremmo metterci a disposizione, ognuno con le proprie possibilità, per ragionare insieme con l’istituto, gli enti locali, le associazioni. In queste settimane sono emerse molte proposte, tra cui quella dell’associazione fiorentina “La città bambina”, affinché si immaginino nuovi spazi e nuovi modi di fare scuola, ad esempio recuperando stanze e edifici agibili esistenti nei territori, magari già adibiti ad attività didattiche pomeridiane, magari utilizzati dalle associazioni, ma inutilizzati la mattina. Ci sembra che, specialmente nei piccoli comuni come i nostri, proposte come queste potrebbero essere prese in considerazione ed eventualmente, con tre mesi di tempo, attuate. Anche la Regione si è espressa favorevolmente nei confronti di questo tipo di soluzioni. Che però, appunto, non si possono improvvisare.
 
Ci piacerebbe che si formasse al più presto un tavolo di lavoro Capannoli-Terricciola-Lajatico (come sta già accadendo ad esempio a Pontedera), a cui potessero prendere parte insegnanti, dirigenti, personale ATA, genitori, rappresentanze studentesche. È fondamentale che in questo frangente tutta la comunità scolastica si confronti per cercare soluzioni. Certamente serve chiarezza da parte del Ministero, ma una spinta deve partire anche dai territori. Situazioni inedite come una pandemia globale richiedono uno sforzo inedito, richiedono programmazione e creatività, spirito di servizio e collaborazione. Ci appelliamo alla Dirigente scolastica, al Consiglio d’Istituto, ai sindaci Barbafieri, Bini e Cecchini (che sappiamo essere molto sensibili su questo tema) affinché si possa iniziare una discussione e un confronto. Noi ci siamo”.
 
Primi firmatari Paolo Brogi Spartaco Giubbolini Martina Mengoni Marco Presi Stefania Schiavone Sara Santoni
Per le sottoscrizioni si veda il link alla petizione: clicca qui

Ultime Notizie

Guasto, rubinetti a secco nel comune di Peccioli

Il ripristino del servizio idrico è al momento ipotizzabile per le ore 20. PECCIOLI. Acque spa comunica che a causa di un guasto sulla rete...

Maltempo, prosegue l’allerta: codice giallo per temporali forti in tutta la Toscana

Esteso fino alle ore 20 di domani, venerdì 19 agosto, il codice giallo già attivo per rischio idrogeologico-idraulico del reticolo minore e per temporali...

Tre minorenni tentano di svaligiare un camper, fermati e denunciati

Operazione di contrasto ai reati predatori a Pisa. A seguito della recrudescenza dei reati predatori commessi su persone e veicoli, nella settimana del Ferragosto il...

Due morti in Toscana per il maltempo, colpiti da alberi

In Toscana un uomo e una donna sono morti a causa degli effetti del forte maltempo. Due morti in Toscana per il maltempo: a Lucca...

Covid, 149 nuovi casi in provincia di Pisa: i dettagli comune per comune

Nuovo aggiornamento sul fronte Coronavirus delle ultime 24 ore in provincia di Pisa. Sono 149 i nuovi casi Covid registrati in provincia di Pisa nelle ultime 24 ore: Area pisana,...

Il maltempo si abbatte sulla Valdera

Un fortissimo temporale si è abbattuto in Valdera creando disagi in molte zone. https://youtu.be/WEQ_PXRW7Ek Venti e forti piogge si sono abbattuti dalle 10 di oggi, giovedì...

News più lette negli ultimi 7 giorni

La Valdera piange il suo amato musicista

L’addio commosso di amici, conoscenti e appassionati della sua musica: la Valdera perde oggi il ‘suo’ grande fisarmonicista. CAPANNOLI – Le note della musica più...

Frontale tra auto e motorino: soccorsa una 15enne priva di sensi

Lo schianto ieri sera, la ragazza a terra priva di coscienza: trasportata al pronto soccorso. BUTI – L’incidente è avvenuto ieri sera – 12 agosto...

Festa di compleanno finisce in tragedia: turista precipita da un muro e muore sul colpo

Il turista, di origine tedesca, è caduto da un muro durante la notte, forse a causa del troppo alcol: morto sul colpo, per lui...

“In Fi-Pi-Li c’è un veicolo contromano”. La segnalazione ieri sera

Più automobilisti della strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno hanno riferito di aver visto un veicolo viaggiare contromano ieri sera. Minuti di apprensione per la segnalazione di un veicolo contromano...

Muore il dottor Conticini, storico farmacista

Se ne va volto conosciuto. Un giorno di lutto per l'intera comunità. L'annuncio sui canali social della farmacia Conticini. PISA. Muore Cesare Conticini titolare dell'omonima...

Il mondo della cultura piange una prematura scomparsa

Lutto nel mondo della cultura per la prematura scomparsa della storica socia. SAN MINIATO - Le socie dell’associazione FIDAPA - Sezione di San Miniato annunciano,...