11 C
Pisa
sabato 27 Novembre 2021

100 anni dalla nascita di Giotto Ciardi, carabiniere ed eccezionale partigiano

Quest’anno ricorre il centenario dalla nascita a Lari di Giotto Ciardi, carabiniere, partigiano e cittadino europeo.

Giotto Ciardi (Lari, 25 novembre 1921 – Pisa, 27 novembre 1995) fu un attivo combattente della Resistenza antifascista sia in Dalmazia che in Toscana. Tra le sue maggiori imprese si ricordano in particolare la messa in salvo dei soldati italiani presenti all’aeroporto di Spalato dopo l’8 settembre, una serie di azioni eroiche su natanti della marineria dell’Esercito Popolare di Liberazione della Jugoslavia e come partigiano in Apuania (liberazione di Carrara). Ciardi fu anche un protagonista della lotta dei mezzadri nel dopoguerra e poi nella difesa dei diritti dei veterani.

Giotto Ciardi (1921-1995), carabiniere e partigiano: Medaglia d’oro al valor militare, Medaglia d’oro della Liberazione del Governo jugoslavo,Medaglia di bronzo degli Stati Uniti d’America

Il convegno, quello di oggi, ha lo scopo di far conoscere la sua figura ed è stato organizzato con il Patrocinio del Comune di Casciana Terme Lari e della Regione Toscana, dalla Sezione ANPI Valdera – Colline e dal Gazzettino delle Colline di Lari in collaborazione con il Comune di Casciana Terme Lari, l’Università di Pisa e gli Istituti di storia della Resistenza e dell’età contemporanea di Livorno, Pisa e Apuania.

Il convegno (a partire dalla 9.30 di oggi nel Castello di Lari) vedrà l’intervento di autorevoli studiosi che faranno luce su tutti i vari aspetti dell’attività militare e politica di Giotto Ciardi:

  • Carla Forti, studiosa di storia dei movimento politici e sindacali, che  parlerà del contributo di Giotto Ciardi alle lotte per l’affrancamento dei contadini delle Colline di Lari dall’anacronistico sistema della mezzadria;
  • Gianluca Fulvetti, docente dell’Università di Pisa, uno dei più importanti studiosi della Resistenza, nonché membro delle direzione dell’Istituto nazionale ‘Ferruccio Parri’;
  • Stefano Gallo, ricercatore della Biblioteca Franco Serantini – Istituto di Storia Sociale, della Resistenza e dell’Età Contemporanea nella Provincia di Pisa;
  • Eric Gobetti, uno dei più importanti studiosi della Resistenza jugoslava che contestualizzerà la presenza di Giotto Ciardi tra le file dei partigiani di Tito;
  • Massimo Michelucci, studioso dell’ISRA (Istituto Storico della Resistenza Apuana), che ci parlerà di Giotto Ciardi nella resistenza apuana e della sua militanza nei Gruppi Patrioti Apuani di Massa comandati dal frate domenicano di San Marco Pietro Del Giudice;
  • Catia Sonetti, direttrice dell’ISTORECO (Istituto Storico della Resistenza e della società contemporanea nella Provincia di Livorno) che con Gino Niccolai (presidente ANPI provinciale di Livorno) ci parlerà di Ciardi come caso di memoria e di uso pubblico della memoria della resistenza.

La presentazione della biografia di Giotto Ciardi e delle fonti disponibili per ricostruirne la storia sarà curata da Maurizio Tani (docente dell’Università d’Islanda ma originario di Lari che da decenni promuove lo studio della storia e la cura della memoria delle Colline di Lari) e da Roberto Boldrini (insegnante studioso di storia locale), entrambi membri della redazione del periodico di comunità denominato ‘Il Gazzettino delle Colline di Lari’.

Il convegno sarà preceduto dai saluti di Mirko Terreni, sindaco di Casciana Terme Lari (istituzione che ha patrocinato e finanziato l’evento), Alessandra Nardini, assessora alla Cultura della Memoria della Regione Toscana (anche questo ente ha patrocinato l’evento), Bruno Possenti (presidente ANPI Provincia di Pisa e coordinatore ANPI per la Regione Toscana) e Luca Aniasi, presidente nazionale della F.I.A.P. (Federazione Italiana Associazioni Partigiane), associazione che lo stesso Giotto Ciardi contribuì a fondare e all’interno della quale svolse importanti ruoli di dirigenza.

A rendere ancora più interessante il convegno saranno gli interventi di Paola Ciardi, figlia di Giotto e referente dell’ANPI Livorno, che ricorderà l’uomo Giotto Ciardi, e Giorgio Mori, che – nonostante la veneranda età (99 anni tra 2 mesi) – porterà il lucido e appassionato ricordo di ex-partigiano combattente, che ebbe modo di combattere al fianco di Ciardi nella battaglia per la liberazione di Carrara.

Prima dell’inizio del convegno, alle ore 9.00, ci sarà una cerimonia di deposizione di una corona alla targa che ricorda Giotto Ciardi ai Boschi di Lari (il paese delle nostre Colline al quale Ciardi si sentì sempre legato), mentre durante il convegno Paola Ciardi e Bruno Possenti consegneranno al Comandante della stazione dei Carabinieri di Lari un ritratto fotografico raffigurante ‘Giotto Ciardi Comandante dei Carabinieri, Medaglia d’oro al Valor Militare’.

Alle 21,30 presso il Teatro Comunale di Lari, sarà proiettato il film-documentario ‘Partizani. La Resistenza Italiana in Montenegro’,di Eric Gobetti, ulteriore momento di riflessione sulla vicenda di Giotto Ciardi e di tutti coloro che, chiamati a fare una scelta da uomini liberi, responsabilizzati e responsabili, scelsero di combattere per l’onore d’Italia e la dignità degli italiani.

Ultime Notizie

Corpo Guardie di Città per i bisognosi: donazioni e aiuti solidali

Le persone in condizione di povertà aumentano drasticamente, soprattutto in periodo di pandemia. Gli aiuti concreti e solidali del Corpo Guardie di Città a...

Pontedera, l’ecomostro diventerà una scuola: tempi stretti ma avanti con i lavori

L’ecomostoro diventerà una scuola nuova, moderna e sicura. Il sindaco Franconi aggiorna sull’andamento dei lavori Lo ha annunciato il  sindaco di Pontedera, Matteo Franconi, su...

A Pontedera la celebrazione della Virgo Fidelis e il XXXIV Premio Fellini

La tradizionale celebrazione della Virgo Fidelis, patrona dei carabineri, e la consegna del premio Fellini, quest'anno dedicato a Polizia e alle figure attive nell'emergenza...

Giornata nazionale del Parkinson: oltre 700 i pazienti del “Lotti” di Pontedera

Domani si celebra la “Giornata nazionale del Parkinson” e la neurologia di Pontedera conta ben oltre 700 pazienti: interventi mirati multidisciplinari per combattere una...

Toscana, è boom di vaccini dopo le nuove restrizioni

Le nuove restrizioni per i non vaccinati, imposte proprio ieri dal governo, hanno determinato il boom di prime e terze dosi. Qui le parole...

Scomparso da Pisa: “Non è rientrato in Belgio”

I parenti erano arrivati per riportarlo a casa ma l’uomo sembra scomparso, volontariamente. PISA. Lo ha reso noto l’associazione “Penelope Toscana Odv” con un annuncio...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Tragedia a Capannoli: muore a 27 anni, lascia un bimbo piccolo

CAPANNOLI. Il giovane 27enne Mattia De Santi lascia la famiglia e un figlio piccolo. Inutili i soccorsi.  Il giovane 27enne non viveva in paese da un...

Scontro mortale auto-furgone: perde la vita padre di 32 anni

MONTESCUDAIO. Incidente mortale in provincia di Pisa. Diversi feriti trasportati in ospedale.  Ieri sera, poco prima delle 20 nel Comune di Montescudaio, in Via dei...

Incidente a Ponsacco, un’auto si ribalta

Sul posto ambulanza e polizia municipale. Traffico in tilt. PONSACCO. Spaventoso scontro tra due veicoli, un'auto si ribalta e rimane al centro della carreggiata. Gravi ripercussioni...

I cinghiali gli attraversano improvvisamente la strada, paura in Valdera

Se i lupi non si avvicinano più di tanto alle abitazioni (leggi) come capitato sulle colline di Palaia e San Miniato, la situazione è...

Travolto da un’auto, sfonda il parabrezza: finisce in ospedale

L'uomo è stato centrato in pieno da un'auto. È successo ieri pomeriggio intorno alle 17:30. L’incidente si è verificato a La Capannina, frazione del comune...

Ucciso da una grave malattia a 56 anni

Massimiliano Bottari, 56 anni, operaio della Piaggio, è morto in seguito a una grave malattia. L’uomo lascia la moglie e due figli piccoli, un maschio...