19.8 C
Pisa
martedì 28 Maggio 2024

La Festa sulle Serre nel cuore dei pecciolesi

09:22

PECCIOLI. Scandiva l’arrivo della primavera ed era l’occasione in cui ai bambini veniva permesso di togliere la maglia di lana e mettere quella a maniche corte.

8 e 9 giugno ci saranno le Amministrative in Valdera, hai già deciso per chi votare?

  • Sì, ho già deciso per chi voterò (60%, 741 Votes)
  • No, non ho ancora deciso (26%, 319 Votes)
  • Non andrò a votare (10%, 129 Votes)
  • Voterò scheda bianca (3%, 41 Votes)

Voti totali: 1.230

Loading ... Loading ...
 

La Festa delle Serre era ed è ricordata ancora oggi un giorno felice per tutti gli abitanti delle Serre e di Peccioli. Scandiva l’arrivo della primavera ed era l’occasione in cui ai bambini veniva permesso di togliere la maglia di lana e mettere quella a maniche corte.

 Il sabato venivano pulite le fosse, si “sterpava” e la fattoria mandava gli operai a fare i parchi. La festa era annunciata la sera prima dall’accensione dei fuochi, in cui venivano bruciati gli “olivastri”, cioè le potature degli olivi. Ogni podere accendeva il suo, si accendevano fuochi lungo i due lati del viale che portava alla Chiesa e anche a Peccioli, lungo il versante che guarda le Serre e alle Palangole. Uno spettacolo magico e incantevole. Alcuni “giovanottacci” si divertivano a saltarli, anche a rischio di qualche piccola bruciatura.

La Domenica alle 9 veniva celebrata la prima Messa, un’altra alle 11.30 e un’altra ancora alle 16; addirittura ne potevano essere celebrate fino a quattro. Dopo l’ultima Messa usciva dalla Chiesa la processione che arrivava fino “alla catena” per poi tornare indietro. La “precissione” iniziava con le bambine nate nelle serre, ogni anno a turno una di oro si vestiva da comunione e reggeva lo stendardo, due più piccole reggevano le nappe. Il corteo era seguito dalla Filarmonica che per l’occasione veniva trasportata sul colle con un camion.

Un fiume di gente arrivava sulle Serre e intorno alla Chiesa c’era una vera e propria fiera, con i banchi di dolci e delle ciliegie, era questo infatti il periodo delle acquaiole, dei giochi come le palline di cencio piene di segatura, legate a un elastico e le trottole… Da Peccioli arrivava anche il gelataio Nino Fiorentini con il suo carretto, per la felicità di tutti i bambini. I bambini e gli adulti potevano giocare ai “pallai” che costituivano un importante momento di svago per i contadini anche durante il resto dell’anno: due erano costruiti dietro la Chiesa e utilizzati in estate poiché all’ombra, due, di cui uno appositamente realizzato per i bambini, vicini al Podere Gelso e utilizzati durante tutto l’inverno perché “solativi”.

Ma l’attrattiva più importante era la gara: un gruppo di donne, con in testa la brocca dell’acqua, correva alla sommità della Chiesa fino all’aia del Gelso; vinceva che arrivava prima senza farla cadere. Vivo è inoltre rimasto il ricordo del palio: i ragazzi in sacchi di juta iniziavano la corsa dalla Chiesetta; chi aveva la fortuna di prendere la fossa che costeggia il viale di accesso arrivava più velocemente allo “stollo” che era stato piantato nell’aia del Gelso e legato da sei funi. Vinceva chi per primo riusciva a raggiungere la cima del palo. Sfortunatamente un ragazzo durante una corsa si fece male e il palio cessò di essere organizzato.

Chi ha vissuto sulle Serre mantiene ancora vivo il ricordo anche dell’altra festa organizzata il 5 di agosto, che si svolgeva però in maniera diversa. Non venivano accesi i fuochi la sera prima, non veniva organizzata la processione, ma tornavano i banchi di giochi e dolciumi e viene ricordata con gran gioia l’organizzazione delle cocomerate. Quest’ultima ricorrenza sarà abbandonata definitivamente nel 1965.

Per chi non abitava sulle Serre, la Festa era l’occasione per fare la scampagnata, andare a trovare i parenti che vivevano nei poderi e gustare i pranzi offerti. Al Gelso veniva offerto il pranzo organizzato il pranzo per le autorità che comprendevano tra gli altri, il medico, il maresciallo, il daziatore, per un totale di circa venti persone; la tavola veniva preparata durante la Messa delle 11.30 e il cibo veniva cucinato in un primo momento dalle donne della famiglia Fatticcioni, poi, quando l’età non permetteva più loro un impegno così gravoso, da Amneris. Fonte: Comune di Peccioli 

Ultime Notizie

“Lealtà e rispetto!” Riappeso il manifesto stracciato di Lupi candidato sindaco a Ponsacco, ecco da chi

Con una mossa non certo consueta, apprendiamo la notizia secondo cui liste all'opposizione e non, hanno riappeso il manifesto staccato da ignoti, del candidato...

900 mila euro per la Nuova Casa di Comunità a Marina di Pisa

Nuova Casa di Comunità del Litorale, cantiere al via: investimento da 900mila euro per riqualificare e ampliare il distretto di Marina di Pisa. Durante i...

Concessioni balneari, previsione equo indennizzo per il concessionario uscente a carico del subentrante

La novità della proposta di legge approvata è quella di riconoscere un equo indennizzo per il concessionario uscente, a carico di quello subentrante. La proposta...

Progetto Civico per una Val di Cecina unita

Le civiche di Volterra, Montecatini, Castelnuovo, Guardistallo e Pomarance insieme per guardare al futuro della Valle. Una domenica all'insegna del civismo, quella del 26 maggio,...

28 maggio interruzione idrica nel Comune di Casciana Terme Lari, ecco dove

A causa della complessità dell'intervento di riparazione sono stati allestiti due punti di approvvigionamento idrico sostitutivo in vista del ripristino del servizio. Acque comunica che,...

L’Onorevole Mazzetti (Forza Italia) visita i Comuni della Provincia di Pisa

L'On Erica Mazzetti, parlamentare di Forza Italia e membro della Commissione Ambiente ha visitato diversi comuni della Provincia di Pisa, per promuovere la sostenibilità...

News più lette negli ultimi 7 giorni

E’ morto Dj Franchino

Si è spenta per sempre la leggenda Franchino. E' morto a 71 anni Dj Franchino, pseudonimo di Francesco Principato. Lo annunciano la famiglia e gli...

Annamaria, da Volterra a “Il Contadino Cerca Moglie”

Annamaria, una dei protagonisti dell'edizione 2024 de "Il Contadino Cerca Moglie", ha 26 anni e viene da Volterra. Tra i protagonisti di "Il Contadino Cerca...

Muore bimba di 9 mesi, dramma a Cascina

PONTEDERA. Un dramma che lascia senza parole. Come riporta il quotidiano Il Tirreno, la piccola non ce l'ha fatta.  Una notizia che lascia senza fiato, una...

“Pontedera città delle culture: Villaggio delle radici”, ecco il programma del festival

Nel Giardino Suor Ilaria Meoli del Villaggio Piaggio, sabato 25 maggio si terrà l'evento "Pontedera città delle culture: Villaggio delle Radici". "Pontedera Città delle Culture:...

Biancoforno a Fornacette: “Mai leso alcun diritto dei lavoratori. La querela? Aspetto personale”

FORNACETTE. La conferenza stampa si è svolta questa mattina, giovedì 23 maggio. L’azienda dolciaria Biancoforno SpA, una delle realtà più importanti in Valdera da 34...

Malore in strada a Pontedera: Andrea muore a 36 anni

Il malore fatale sul Ponte Napoleonico a Pontedera: rianimato, è morto in ospedale. PONTEDERA - Andrea Miotti, di 36 anni, è deceduto a causa di...