11.3 C
Pisa
martedì 18 Maggio 2021

Le Partite IVA della Valdera e Pisa portano la protesta a Roma

PROVINCIA. Marco Bartaloni, insieme al fratello Massimo, è proprietario della Palestra Infit Pontedera, e domani mercoledì 10 marzo in Piazza del Popolo a Roma, parteciperà alla protesta organizzata da Apit Italia. Lo abbiamo intervistato insieme al segretario nazionale di Apit Italia, Raffaele Saviano. Queste le loro parole:

“Partecipiamo alla protesta a Roma, sia come Apit Italia in rappresentanza delle Partite Iva, sia come proprietari di una palestra in rappresentanza del mondo fitness – spiega Bartaloni -. Ci sono già state tante proteste, ma in questi mesi abbiamo capito che finché non si ottiene un risultato non possiamo mollare, e se ci fosse bisogno torneremo a Roma”.
Rispetto a un mese fa, politicamente, è cambiato molto: c’è un nuovo governo. Secondo te il governo Draghi può esservi maggiormente di aiuto?
Marco Bartaloni: “Per rispondere alla tua domanda dovrei essere un mago, perché non so cosa succederà domani. Quello che mi auguro per l’Italia è che Draghi faccia il bene dei cittadini, dalle imprese a tutti i cittadini. Al nuovo governo dobbiamo dare tempo per muovere i primi passi. Purtroppo è stato perso tanto tempo in passato e oggi, le imprese e le famiglie arrivano con la miccia corta. Ora la sfida è contro il tempo.”

– Quali sono le proposte concrete che porterete a Roma?
“Oltre alla richiesta di apertura immediata delle attività, rispettando tutte le regole e i protocolli – spiega Raffaele Saviano, di Apit Italia – l’ulteriore richiesta è quella di avere degli indennizzi sulla perdita del fatturato del 2019. Ristori precedentemente attuati sono stati insufficienti e non per tutte le categorie. Quello che chiediamo sono indennizzi per tutte le Partite Iva senza distinzione di Codice ATECO. Perché l’anno scorso tanti settori sono stati discriminati senza ricevere un aiuto. Le richieste non si fermano qui, ad esempio l’introduzione dei voucher perché in un momento di crisi economica come questo le aziende non possono assumere a tempo indeterminato, inoltre c’è bisogno di una riforma dell’alta tassazione. Non a caso l’Europa ci ha richiamato perché l’Italia è uno stato con elevata tassazione con elevata evasione fiscale, ma l’una porta a l’altra perché più aumenta la tassazione, più aumenta l’evasione fiscale perché le imprese non ce la fanno a mantenersi. Inoltre c’è bisogno di una riforma dei controlli del sistema fiscale, perché oggi ci sono i funzionari delle Agenzie delle entrate che prendono dei bonus sugli accertamenti, questa è una cosa assurda e per questo abbiamo fatto anche delle denunce”.
“Continuiamo a chiedere una proroga delle cartelle esattoriali, – prosegue Saviano Raffaele – ma solo la proroga non basta perché non fa altro che rinviare il problema, per cui è necessario un saldo e stralcio di tutte le cartelle. Molte aziende non possono pagare, tanti cittadini non hanno soldi e senza questi è impossibile far ripartire il tessuto economico. Infine c’è bisogno un controllo sugli sprechi pubblici, un abbassamento del cuneo fiscale per permettere le assunzioni, una riforma della giustizia anche per incentivare investimenti degli imprenditori stranieri e una riforma della pubblica amministrazione, c’è troppa burocrazia che negli anni è stata aumentata dalla politica che ha assegnato posti, rallentando l’iter burocratico.  Le cose da fare sono tante, speriamo che l’attuale governo le possa realizzare nell’interesse dell’Italia, anche se ho i miei dubbi”.

 

Ultime Notizie

Calcinaia, un arcobaleno contro l’odio e le discriminazioni

Il Comune di Calcinaia celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. La sera di Lunedì 17 Maggio il Palazzo Municipale sarà...

Cascina: incidente in FiPiLi, fino a 7 km di coda

Si susseguono giornalmente gli incidenti in FiPiLi, altri vengono segnalati in queste ore. Altri incidenti in FiPiLi questo pomeriggio intorno alle 17,30 in prossimità dell'uscita...

Riaperture, Draghi: coprifuoco alle 23 e dal 21 giugno abolito

La proposta di Draghi verrà discussa in queste ore, di seguito una possibile bozza.  Se ne discute in queste ore, la proposta del presidente Draghi...

Vaccino Covid, al via le prenotazioni per le annate 1972-1973

Aperte le prenotazioni per le persone nate nel 1972 e nel 1973. Le persone di 49 e 48 anni quindi da adesso potranno prenotare nei...

Iginio Massari alla ricerca di pasticcieri per la sua nuova pasticceria in Toscana

Il pasticciere più conosciuto d'Italia, Iginio Massari, è pronto ad aprire anche in Toscana una sua pasticceria. La nuova attività aprirà a Firenze e...

Strappa una collanina ad una donna: scippatrice seriale mette a segno l’ennesimo colpo

CASCINA. Un ladro seriale si aggira indisturbato per il territorio cascinese.  Molte le segnalazioni che giungono attraverso mezzo social, ultimo sul gruppo Facebook ''Sei di...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...