11.2 C
Pisa
giovedì 8 Dicembre 2022

Caro bollette, lo sfogo di un esercente di Bientina: “preoccupati per il futuro delle nostre attività”

Il caro bollette grava sulle spalle degli esercenti di bar e ristorazione: Giuseppe Ferranti, titolare di due attività in Valdera, spiega i problemi e le difficoltà legate ai rincari e le preoccupazioni per il futuro.

Non una novità, quella del caro bollette, da mesi ormai sotto gli occhi di tutti. A risentire del rincaro di gas e luce, anche gli esercenti del mondo di bar e ristorazione, già fortemente provati dalle chiusure e dalle restrizioni loro imposte nel periodo di pandemia.

La situazione, che per il momento è ancora sostenibile, ha già comunque generato una forte preoccupazione anche ai titolari delle attività locali, costretti a interrogarsi sul futuro incerto del loro lavoro e sui vantaggi e gli svantaggi delle misure necessarie per limitare le difficoltà del momento.

Così ha, infatti, spiegato a VTrend.it il signor Giuseppe Ferranti, titolare di Dolci Creazioni SRL e Pasticceria Alex a Bientina:

Il caro bollette sta creando disagi al nostro settore, si parla infatti di cifre che sono aumentate di ben cinque volte, che si presentano oltretutto dopo il duro periodo della pandemia.

Sono e siamo preoccupati anche perché ci stiamo avvicinando alle festività natalizie: mi chiedo, infatti, se gli aumenti potranno penalizzarci in prospettiva di quel periodo, uno dei più importanti dell’anno a livello lavorativo.

Tra le misure che potremmo adottare per contenere le ingenti spese a nostro carico potrebbe esserci il rialzo prezzi dei nostri prodotti – spiega Ferranti – ma possiamo spingerci fino a pochi centesimi sulle colazioni o qualche euro soltanto sulle torte, senza quindi arrivare mai davvero a sopperire alle difficoltà del caro energia.

Al momento la situazione è ancora sostenibile ma sono preoccupato in prospettiva, il nostro lavoro potrebbe risentirne, anche per la collocazione che abbiamo, in piccole realtà: il turismo non è certo quello delle grandi città, quando le persone viaggiano si sa che non badano a spese ma che questo scenario si verifichi nel giro dei clienti abiutali è certamente più difficile”. 

Ferranti auspicherebbe una protesta su scala nazionale: “un lockdown, come quello del 1970: meglio sopravvivere a tre mesi di chiusure che a tre mesi di caro bollette!” ci dice, per sottolineare quanto complicato sarà, forse, il prossimo futuro per gli esercenti come lui di bar e ristorazione, anche in Valdera.
M.C. — © Riproduzione Riservata 

Ultime Notizie

Investimento a Cascina in prima serata, codice rosso

Cascina, l'incidete è avvenuto in prima serata oggi giovedì 8 dicembre. I soccorsi sono stati chiamati per un investimento avvenuto a Cascina in via Nazario...

Cade un albero in via del Tiglio tra Calcinaia e Bientina, sensi unici nel tratto

A causa della caduta di un pino lungo la SS 439 nel tratto tra la rotatoria di Montecchio e l'intersezione con via Garibaldi a...

Venerdì 9, “tempo da lupi”, codice giallo su tutta la Toscana

Pioggia, temporali e vento: venerdì 9 codice giallo su tutta la Toscana Un'intensa perturbazione che interessa la Toscana porterà a precipitazioni diffuse, anche temporalesche a...

Sospetto arresto cardiocicolatorio, deceduto dopo battuta di caccia in provincia di Pisa

I soccorsi sono stati allertati per un  malore che ha colpito un uomo, questa la comunicazione del 118 Volterra, l'intervento del 118 è avvenuto sulla...

Montecerboli, i Carabinieri incontrano la cittadinanza, tema: le truffe

Continua la campagna di sensibilizzazione a favore delle fasce più esposte della popolazione, portata avanti dai Carabinieri del Comando Provinciale di Pisa Questa volta l’evento...

Premio Verdigi: domenica 11 dicembre 2022 al Teatro Rossini 

IL SINDACO DI MAIO: "IL PRIMO ANNO SENZA I GENITORI DI MARCO, CONTINUIAMO NEL SOLCO DEL LORO INSTANCABILE IMPEGNO" Tutto pronto per l'edizione del Premio...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Toscana: 2.413 nuovi casi Covid e 18 decessi, in calo pressione su ricoveri

CORONAVIRUS. 2.413 nuovi casi, età media 37 anni. Sono 18 i decessi. I ricoverati sono 826 (20 in meno rispetto a ieri), di cui 55...

Incidente nella notte a Vicopisano: muore una donna di Bientina

Tragedia nella notte. La donna è morta sul posto. VICOPISANO. Domenica 4 dicembre intorno alle ore 1.30 si è verificato un incidente stradale mortale sulla...

Santa Maria a Monte piange il suo storico barista ‘Grappino’

Morto Giancarlo, per tutti 'Grappino', storico barista di Ponticelli: molti i messaggi di cordoglio. SANTA MARIA A MONTE – E’ morto Giancarlo Botti, per tutti...

Valdera, muore storico imprenditore delle cucine

Con la scomparsa di Fernando Toncelli, la Valdera perde uno dei suoi più grandi imprenditori. È venuto a mancare all'età di 99 anni Fernando Toncelli, fondatore...

Auto contro albero a Vicopisano: la vittima è una 69enne di Bientina

Un impatto violentissimo, e fatale: per la donna non c'è stato niente da fare. A dare l'allarme alcuni residenti che hanno visto l'auto contro l'albero. https://vtrend.it/incidente-nella-notte-a-vicopisano-muore-una-donna-di-69-anni-di-bientina/?fbclid=IwAR0izZnkRkl4vunkbAxKTHqSId3B_asQ6g86mAU6VLl6JAWZ7Vo34t7XCjc "Stanotte (ieri...

Muore noto professore

Addio a Michele Olivari, studioso e ricercatore dell'ateneo pisano. PISA. Lutto in città per la scomparsa, nel pomeriggio di ieri, del professor Michele Olivari. "D'origine genovese,...