15.6 C
Pisa
giovedì 29 Febbraio 2024

Una Stanza tutta per sé a Peccioli per le vittime di violenza

L’inaugurazione questa mattina a Peccioli di una stanza rifugio, sotto la protezione dei Carabinieri, per ascoltare e aiutare le vittime di violenza domestica e non solo.

Questa mattina a Peccioli presso la locale Stazione Carabinieri, si è tenuta l’inaugurazione della “Stanza tutta per sé”, realizzata nell’ambito della collaborazione tra l’Arma dei Carabinieri e Soroptimist Italia. All’evento, ricevuti dal Comandante provinciale dei Carabinieri di Pisa, Colonnello Mauro Izzo, sono intervenuti il Prefetto di Pisa, Maria Luisa D’Alessandro, il Presidente del tribunale di Pisa, Beatrice Dani, il Procuratore della Repubblica, Giovanni Porpora ed i Sindaci del Comune di Peccioli e di altri Comuni del circondario, altri rappresentanti istituzionali e delle Forze di Polizia e le referenti di Soroptimist-Italia Club Valdarno.

L’appuntamento odierno costituisce una tappa fondamentale nel percorso di contrasto al fenomeno della violenza nei confronti delle Donne e delle fasce protette della popolazione.
Su tale fenomeno è doveroso tracciare una breve premessa con riferimento al modello di prevenzione scaturito dalla Convenzione di Istanbul, che ha aggiunto, alla Prevenzione dei reati e al Perseguirne gli autori garantendoli alla giustizia, la Protezione delle vittime – con adeguate misure per la loro sicurezza e tutela – e le Politiche integrate, attraverso la costituzione di una rete con gli altri attori sistemici del territorio, che entrano a contatto, a vario titolo, con le vittime. Ciò si traduce in azioni operative e concrete finalizzate a garantire:

− Attivazione del Pronto intervento;
− Accoglienza in ambienti protetti a loro dedicati e appositamente realizzati nelle Caserme dell’Arma;
− Ascolto attivo scevro da pregiudizi ed attuato in modo empatico dei vissuti delle vittime;
− Aiuto concreto nel fare il primo passo per liberarsi dalla violenza, adottando adeguate misure di sicurezza e mettendo in contatto la vittima con le strutture presenti sul territorio che garantiscono accoglienza e ospitalità, nonché supporto psicologico e legale.

In tutte queste fasi i Carabinieri sono anzitutto chiamati a leggere la violenza in tutte le sue forme, nonché rilevare, riconoscere, raccogliere e riferire all’autorità giudiziaria gli eventuali fattori di rischio che consentono di essere efficaci, efficienti e tempestivi nelle azioni operative.

In sintesi, l’attività operativa svolta dall’Arma, in ottica di violenza di genere e violenza domestica, nasce dal contatto diretto dei Carabinieri con la vittima e organizza i flussi informativi derivanti dalla capillare presenza dei Comandi Stazione sul territorio, come le 40 stazioni capillarmente presenti in questa provincia che interagiscono quotidianamente con gli altri attori della Rete Nazionale Antiviolenza (a cominciare dalla Magistratura che attraverso un oculato coordinamento della polizia giudiziaria, ogni giorno assicura lo sviluppo di costanti linee di contrasto al fenomeno) e delle altre Forze di Polizia, per poi passare a tutti gli altri insostituibili e fondamentali attori della rete nazionale quali i centri antiviolenza, gli assistenti sociali, i presidi ospedalieri, tutti enti locali, nonché scuole e associazioni di categoria.

Fonte: Carabinieri di Pisa

Ultime Notizie

Cornovirus, ultima settimana: Pisa 10 nuovi casi e nessun decesso

Coronavirus, 74 nuovi casi e nessun decesso negli ultimi sette giorni Negli ultimi sette giorni si sono registrati in Toscana 74 nuovi casi di Covid-19:...

Neonato portato via dal reparto di Neonatologia di Pisa senza consenso

Un atto altamente dannoso per il piccolo, per il quale i sanitari dovevano pianificare l'incontro per gestire le dimissioni. Oggi, mercoledì 28 febbraio, all’Ospedale Santa...

Studenti manganellati, trasferita la dirigente del reparto mobile di Firenze

A meno di una settimana dagli scontri che hanno causato 13 feriti, Silvia Conti, dirigente del reparto mobile di Firenze, è stata trasferita. Silvia Conti,...

In provincia di Pisa +14% di imprese in cerca di lavoratori

Pisa poco sotto la media nazionale per la difficoltà di assunzioni. Opportunità per Diplomati e Figure Professionali Qualificate. Ancora elevato il mismatch domanda-offerta. Sono 6.370...

Sorpreso con oltre 32 grammi di hashish: preso spacciatore a Pontedera

I Carabinieri avevano effettuato dei controlli sulle persone in zona stazione e sono riusciti a fermare uno spacciatore. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile...

La Polizia Locale dell’Unione Valdera ha un nuovo, giovane, dirigente

Il nuovo dirigente della Polizia Locale dell’Unione Valdera, Francesco Frutti si presenta: “Il mio obiettivo sarà garantire un servizio efficace, efficiente e orientato alla...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Cascina: spegne 100 candeline, tanti auguri Nina!

La signora Nina è arrivata a Cascina negli ultimi anni. Ha compiuto 100 anni la signora Nina. Ha festeggiato il meraviglioso traguardo in un clima di...

Si è fermato il grande cuore di Maurizio, lutto in provincia di Pisa

CASTELFRANCO DI SOTTO. La sua prematura scomparsa ha gettato nel dolore e nello sconforto familiari, amici e conoscenti. E' venuto a mancare Maurizio Campo, storico...

Torna il Mercato dei Lungarni a Pisa: straordinario evento sotto il cielo pisano, ecco quando

Il lungarno di Pisa si prepara a ospitare nuovamente l'appuntamento imperdibile con il Mercato Lungarno, un'iniziativa promossa da Anva Confesercenti Pisa e destinata a...

Pisa: l’atleta Angelo spegne 95 candeline, tanti auguri!

Il Comune di Pisa premia l’atleta Angelo Squadrone nel giorno del suo 95esimo compleanno: "Esempio di grande tenacia e spirito sportivo". Il Comune di Pisa...

Dodicenni scomparsi da Ponte a Egola: cosa è accaduto

SAN MINIATO. L’appello per ritrovarli è rimbalzato in tutta la provincia di Pisa grazie al tam tam sui social. Due minorenni – una ragazzina e...

Pestata dalle baby bulle a Pontedera, salvata da un giovane

PONTEDERA. Il video dell’aggressione mostra la ragazzina presa a calci, pugni e spintoni da alcune coetanee. Una scazzottata tra ragazzine e, sullo sfondo, decine di coetanei...