17.2 C
Pisa
mercoledì 17 Aprile 2024

Omicidio Barbara Capovani, lo strazio del compagno: “Amore mio tu sarai qui, con noi, per sempre”

08:31

Il marito della dottoressa Barbara Capovani la ricorda, con grande dolore, nel suo ruolo di moglie, madre e medico specialista:  il messaggio sui social.

PISA – Michele, il marito della dottoressa Barbara Capovani, brutalmente uccisa nell’esercizio della sua professione di medico psichiatra, la ricorda nel ruolo di moglie, madre e professionista con uno straziante messaggio sui social.

«Amore mio non so neanche da dove iniziare, come fare a dire delle cose che possano renderti giustizia, che possano far, se non capire, almeno intuire chi era Barbara.  La poliedricità della tua personalità, le sue infinite sfaccettature e allo stesso tempo la tua gentile semplicità che ti rendeva accessibile ed aperta a tutti, senza eccezioni.

Eri cosi piccina, con quel tuo corpicino esile ma anche forte e scattante: un moto perpetuo, quasi impossibile da fermare, tanto che in famiglia ti avevamo soprannominata Kangurina ( con la K). Bloccarti era compito arduo, farti stare ferma un’impresa monumentale. Per riuscire a vedere un film insieme davanti alla tv ci potevamo mettere anche 2 weekend interi.

Piccina è vero ma in realtà un vero gigante: entravi in punta di piedi nella vita degli altri e gliela cambiavi per sempre, come per magia, in un istante: la tua curiosità, la tua’ intelligenza. Il tuo coraggio ed il tuo intuito, la tua voglia di aiutare ti rendevano in grado di capire le situazioni e trovare soluzioni sempre e per tutti. Così in un attimo diventavi un punto di riferimento, e quelle persone che fino a poco prima non ti conoscevano, improvvisamente non potevamo più fare a meno di te.

E’ buffo, per tanti anni hai lavorato al dipartimento delle dipendenze: ma nessuna droga ne dava di più della tua presenza.  Persino per i tuoi amati cani, sempre ipnotizzati dal tuo sguardo profondo e penetrante. Ed i vari addestratori che amavi contattare per capire ogni singolo aspetto dei tuoi miglior amici, erano tutti allibiti: nessuno aveva mai visto una relazione così stretta ed una dipendenza così totale nei loro decenni di esperienza.

La tua dedizione al lavoro poi era totale. Non facevi il medico, eri nata medico: a 6 anni avevi deciso che avresti fatto la psichiatra e così è stato. La tua era una missione in cui hai sempre dato tutta te stessa. Non ti interessava la gloria personale, i soldi, rifuggivi l’apparire sui giornali. Eri pura sostanza, eri il fare verso l’apparire, avevi mille idee e una capacità di risolvere i problemi ineguagliabile. Ciò che ti guidava, come mi dicevi spesso, era “fare la cosa giusta, se cerchi di fare la cosa giusta tutto diventa più semplice”. Certo eri anche testarda e di una determinazione incrollabile ma soprattutto coraggiosa. Nessuna minaccia, nessuna offesa, ti scalfiva.

Tutti quelli che, non di rado, provavano a metterti i bastoni tra le ruote, partivano sconfitti in partenza. I loro interessi individuali, spesso egoistici o comunque di parrocchia, si scontravano, non solo con la tua ferrea determinazione ma soprattutto con il tuo volere un qualcosa di superiore: tu non agivi mai per interesse personale ma solo con l’idea e la preoccupazione di far star bene I tuoi pazienti, proteggere I tuoi colleghi,  appunto con l’idea di “fare la cosa giusta”.

Per questo eri imbattibile. Mi dicevi sempre che due cose ti avevano cambiato la vita: la filosofia e la statistica. Adoravi gli epicurei e cercavi sempre di semplificare le cose – come solo le grandi menti sanno fare – perché l’obiettivo principale dicevi “è semplicemente quello di stare bene”.

La statistica la usavi per analizzare in modo razionale tutti i problemi: da quelli medici – il Pub-Med era la tua Bibbia – ma anche per superare le paure irrazionali come quella del volare, per farti guidare semplicemente dal calcolo delle probabilità, da vera donna di scienza.

In quanto tale poi, riuscivi sempre a relativizzare,  a vedere le cose dall’alto, parlavi spesso dell’insignificatività dell’uomo, di quanto fossimo “irrilevanti” rispetto all’Universo, per non dire  dei paralleli tra il cervello e le stelle che ti piaceva fare mentre saltellando da un lato all’altro della città con la tua inseparabile bici, lasciavi mille messaggi vocali a pazienti, colleghi, amici, magistrati e fisici passando da cose infinitamente piccole ad altre infinitamente grandi come solo la tua mente elastica e superiore era in grado di fare.

 Ma soprattutto eri la nostra stella cometa, eri la luce della famiglia, dedicavi tempo a ciascuno, individualmente e poi tutti insieme, eri il centro delle nostre chiacchierate, con le tue affermazioni non di rado provocatorie.  Spesso criticata, poche volte “riconosciuta” – almeno non in quel contesto- per tutto ciò che facevi per noi, come tutti i grandi leader.

 Ci dicevamo spesso che da soli saremmo stati due “disgraziati” ma che insieme eravamo invincibili. Spero di trovare la forza per continuare ad esserlo anche senza di te al mio fianco, soprattutto per prendermi cura di ciò che era la tua preoccupazione più grande: “I tuoi bambini”.

 Grazie per avermi accettato incondizionatamente, così come sono, ben conscia di tutti i miei difetti; grazie per tutto quello che mi hai insegnato e per aver lasciato a me e a tutti noi un esempio indelebile. Amore mio tu sarai qui, con noi, per sempre».

 

Ultime Notizie

Bellini dell’Aoup è il nuovo presidente nazionale di Aigo

Cambio ai vertici della gastroenterologia italiana: Massimo Bellini è il nuovo presidente di Aigo. Massimo Bellini, direttore dell’Unità operativa di Gastroenterologia dell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana, è...

Vespa, star del Cineplex a Pontedera: ecco i film

PONTEDERA. Già protagonista della storia italiana, Vespa è anche icona al cinema. Vespa non è solo un fenomeno industriale e commerciale. Sin dalla sua apparizione,...

I piccoli pazienti del “Lotti” di Pontedera in sella alle Vespe 

PONTEDERA. Anche il reparto di pediatria partecipa ai Vespa World Days 2024. In vista dell'imminente evento internazionale "Vespa World Days" che si svolgerà a Pontedera dal...

Viabilità e sosta: ecco tutte le modifiche durante i Vespa World Days

PONTEDERA.  L'ingresso al Vespa Village è libero e tutte le iniziative legate all'evento sono gratuite e di libero accesso. I Vespa World Days rappresentano la...

Auto tampona furgone e prende fuoco, il conducente non è stato trovato

L'incidente stradale si è verificato intorno alle 6 di questa mattina, mercoledì 17 aprile. Un incidente stradale si è verificato questa mattina, mercoledì 17 aprile,...

Mattia, il Girone A di Eccellenza non scenderà in campo

Il recupero del match Lanciotto Campi-Castelfiorentino si giocherà mercoledì prossimo, 24 aprile. https://vtrend.it/malore-in-campo-mattia-non-ce-lha-fatta/   A seguito della tragedia che si è consumata domenica 14 aprile, il campionato di...

News più lette negli ultimi 7 giorni

Vespa World Days: ecco come cambia la viabilità a Pontedera

Una quattro giorni di eventi, dal 18 al 21 aprile, che coinvolge Pontedera (dove Vespa è nata ed è prodotta ininterrottamente dal 1946) e...

Muore a soli 22 anni, sgomento in Valdera

CALCINAIA. Profondo cordoglio per la prematura scomparsa del giovane Riccardo Fadda.   E’ un dolore atroce quello che ha colpito la Valdera per la morte, a...

Muore a soli 30 anni, dramma in Valdera 

Pontedera si è svegliata colpita da un lutto che ha scosso l’intera comunità. Una tragedia per la quale non ci sono parole, un dolore che ha distrutto la...

Pontedera: spegne 103 candeline, tanti auguri Biagildo! [FOTO]

PONTEDERA. La grande festa, ricca di sorprese, con lo staff di Villa Sorriso. Ha compiuto 103 anni il signor Biagildo Biagi. Ha festeggiato il meraviglioso traguardo in...

Muore noto medico, colonna portante della cardiologia pisana 

Profondo cordoglio per la scomparsa del dottor Ezio Soldati. Una grave e breve malattia ha strappato alla cardiologia dell’Aoup, a tutti i suoi pazienti e...

Festa della Polizia, ecco gli agenti premiati a Pisa

PISA. Di seguito l'elenco del personale della Polizia di Stato premiato nel corso della cerimonia. La Polizia di Stato ha celebra ieri il 172° anniversario...