23.9 C
Pisa
martedì 27 Luglio 2021

Macelloni: “Non chiediamo privilegi o immunità ma solo di lavorare nell’interesse dei cittadini”

PECCIOLI. Parole forti quelle scritte dal sindaco di Peccioli, Renzo Macelloni, che metto in evidenza la voglia di ‘fare’ ma, ad oggi, con l’utilizzo di ”attrezzi spuntati è  difficile raggiungere in breve tempo i risultati sperati”. Ecco alcune dichiarazioni rilasciate dal Sindaco.

Il sindaco di Peccioli Renzo Macelloni e la consigliera comunale di Pontedera Rosella Prosperi a rappresentare la Valdera. Simone Giglioli e Gabriele Toti, primi cittadini di San Miniato e Castelfranco di Sotto per la zona del Cuoio. Questa la delegazione pisana che ha partecipato oggi alla manifestazione indetta da Anci a Roma.

L’obiettivo è quello di portare all’attenzione del Governo la necessità di intervenire per garantire maggiore tutela e una maggiore dignità da riconoscere al ruolo dei sindaci. Manifestazione che ha fatto seguito alla riunione del consiglio nazionale dell’Anci che, all’ordine del giorno, aveva la modifica di alcune condizioni normative che oggi rendono difficile lo svolgimento delle attività di un sindaco, sintetizzare in un documento presentato al Governo e al Parlamento.

“Il messaggio che noi sindaci abbiamo voluto mandare è chiaro: non vogliamo privilegi o immunità, ma semplicemente essere messi nelle condizioni di compiere con maggiore serenità il lavoro per il quale siamo stati investiti dai cittadini, che in noi hanno riposto la loro fiducia – ha spiegato Macelloni -. I cittadini vedevano nell’amministrazione una superiorità morale che con il tempo si è persa, in particolare dopo Tangentopoli. Molte delle competenze sono passate ai funzionari, depotenziando proprio quelle dei sindaci, e si sono aggiunte una quantità di leggi finalizzate a garantire trasparenza e legalità che, però, hanno di fatto reso le pubbliche amministrazioni più lente e incapaci di dare risposte efficaci in tempi brevi ai cittadini”.

Macelloni, con la fascia tricolore, insieme ad altri 600 sindaci da tutta Italia, ha chiesto con forza al Parlamento e, tramite il presidente nazionale di Anci Antonio Decaro direttamente a Mario Draghi, che una penna non diventi una sorta di “arma del delitto”.

“I sindaci firmano ogni giorno centinaia di atti, consapevoli che ognuno di questi può trasformarsi in un avviso di garanzia. Con una penna ogni giorno corriamo dei rischi: se firmi rischi l’abuso di ufficio, se non firmi rischi l’omissione di atti d’ufficio. Non vogliamo immunità o impunità, vogliamo essere giudicati per le nostre capacità e responsabilità. Oggi, purtroppo, non è più così”.

“Un punto di non ritorno che lo stesso Macelloni tende a sottolineare. “Ci sono altri aspetti importanti nel documento presentato da Anci, ma tutti portano verso la pari dignità, anche economica, dei sindaci rispetto agli altri organi istituzionali. Contiamo che la voce dei primi cittadini venga ascoltata, altrimenti tra due mesi saremo di nuovo in piazza”.

Ultime Notizie

Marina di Pisa: revocato il divieto di balneazione, riapre il tratto di spiaggia

MARINA DI PISA. Era stato imposto il divieto di balneazione, per la zona di via Tullio Crosio, incrocio Piazza Viviani, al termine di via...

Continua la rassegna ”Itaca”, Venerdì il terzo appuntamento al Teatro di via Verdi

Venerdì 30 luglio alle 19:00 al Teatro di Via Verdi di Vicopisano, nell'ambito della rassegna culturale Itaca, verrà presentato il libro di Massimiliano Razzano, ''Ascoltare il...

Pronto Soccorso: non si fanno tamponi

Forse qualcuno non l'ha ancora capito: al pronto soccorso i tamponi non si fanno. L'Azienda USL Toscana nord ovest lancia l'appello.In nessun Pronto Soccorso si...

Il Comune introduce nuovi aiuti per le famiglie in difficoltà a causa della pandemia

MONTOPOLI. Il Comune ha deciso di implementare il sostegno introdotto dal Governo, per chi si trova in difficoltà a causa della pandemia di Covid-19. "La...

La famiglia granata si allarga ancora, 2 nuovi giocatori in arrivo

PONTEDERA. Due nuovi arrivi in casa granata, si tratta di due giovani classe 2001. Una nuova punta e un nuovo portiere in arrivo nella...

Raccapricciante, si smaltisce a cielo aperto a due passi dal centro di Pontedera

PONTEDERA. Sembra che l’indecoroso smaltimento di rifiuti in luoghi non autorizzati anche di grosso volume non ci abbandoni, un’altra segnalazione giunge a VTrend da...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Sport e associazionismo in lutto, Santa Maria a Monte piange Rossano Lazzerini

SANTA MARIA A MONTE. Se ne è andato a 67 anni a causa di un male incurabile, Rossano Lazzerini.  Originario di San Giovanni alla Vena,...