12.5 C
Pisa
martedì 18 Maggio 2021

”Con i giovani oggi la non conoscenza dei genitori non è più un alibi”: parla la dottoressa Belardini

Michele Vestri ha intervistato per Radio Cuore la dottoressa Alessandra Belardini, dirigente della polizia postale e comunicazione della Regione Toscana. 

Noi di VTrend.it riportiamo queste interessanti dichiarazioni, avvenute soprattutto a seguito degli ultimi eventi che si sono verificati ed hanno interessato anche il nostro territorio. Basti pensare alle due minorenni, una proprio di Pontedera e l’altra della provincia di Firenze, che si erano conosciute sulla piattaforma Tik Tok, fuggite insieme e poi ritrovate nei pressi di Pinerolo nel torinese (leggi qui). Una sorta di prova “estrema” a cui le ragazze sono andate incontro, che per certi versi può ricordare il famoso Blue whale in voga qualche anno fa. Un “gioco” dell’orrore, o meglio un macabro rituale, fatto di regole pericolose e dalle estreme conseguenze. 

“Purtroppo oggi la non conoscenza non è più una scusa accettabile, – esordisce così la dottoressa Belardini – ai genitori direi che il mondo dei nostri giovani è un mondo che va veloce e vive di istintività, video di breve durata, ma nulla è così colossale da non essere conosciuto e utilizzato da noi stessi. La rete è un’opportunità incredibile, ci sono strumenti, come queste applicazioni, che i nostri figli scaricano sul proprio cellulare, ecco, ce le dobbiamo scaricare anche noi, senza timore di essere vecchi” – questo il prezioso consiglio che Belardini si sente di fare, sottolineando come servano piccole conoscenze per potersi tutelare da grandi danni.

“Noi abbiamo un portale della Polizia operativo su tutto il territorio nazionale ed è lì si possono trovare segnalazioni, approfondimenti, notizie, ma anche brevi e semplici spiegazioni di come utilizzare uno smartphone o le app che i nostri figli usano, così da prendere coscienza su quali siano quei pericoli a cui loro vanno incontro. Non si può regalare uno strumento ad un bambino di 10 anni e non saperlo utilizzare noi stessi. La non conoscenza oggi non è più accettabile.”

 

Belardini è poi categorica riguardo i divieti: “Su essi non mi esprimo, sono un poliziotto e come tale mi devo occupare di prevenzione e repressione. Credo che oggi il divieto non ha più possibilità di comunicazione. Parlerei più di consapevolezza e di condivisione con i nostri figli. Il NO assoluto non ha risultati oggi, bisogna andare insieme a loro e spiegargli come foto, video, frasi ecc.. non si debbano condividere con tutti. Lo stesso, – riferendosi proprio all’ultimo caso di cronaca precedentemente citato – queste challenge che si fanno sul web hanno delle conseguenze, che come tali possono essere anche legali.” 

Riguardo alla differenza tra ciò che era prima e ciò che è la realtà di adesso, è chiaro come fino ad alcuni anni fa l’informazione veniva raccolta sui libri, sulle enciclopedie e le ricerche scolastiche venivano fatte proprio così. Oggi, invece, in rete si trova di tutto e di più. “Questo va saputo assimilare, non tutto ciò che è scritto lì è vero. Bisogna insegnare ai nostri ragazzi a fare autocritica su quello che si legge e si condivide. Non si può demonizzare una cosa che è entrata nelle nostre case e fa parte della nostra vita, soprattutto in questo momento. Tutti navighiamo sulla rete, questa non è il demonio, ma semplicemente amplifica ciò che ci aggenia la realtà. Se in famiglia non si discute, non si parla dell’attualità, come il caso attuale delle due ragazzine sfuggite, non andiamo avanti. – dice – Le cose vanno affrontate, con semplicità e coerenza, e soprattutto con la voglia di stare insieme ai nostri figli, che devono trovare in noi, e non nello smartphone, un buon interlocutore.” 

Belardini dunque sottolinea ancora l’importanza della condivisione e del confronto con i figli. “Va riempito il vuoto con l’informazione, la non conoscenza non è più un alibi e una scusa, dobbiamo crescere con i nostri figli, parlare con loro e condividere quelle che sono le loro emozioni, spiegare che fino a 12 anni la privacy non può esistere con la famiglia e i genitori. Educarli ad una crescita di vita reale e non solo virtuale.”

L.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Ultime Notizie

Calcinaia, un arcobaleno contro l’odio e le discriminazioni

Il Comune di Calcinaia celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. La sera di Lunedì 17 Maggio il Palazzo Municipale sarà...

Cascina: incidente in FiPiLi, fino a 7 km di coda

Si susseguono giornalmente gli incidenti in FiPiLi, altri vengono segnalati in queste ore. Altri incidenti in FiPiLi questo pomeriggio intorno alle 17,30 in prossimità dell'uscita...

Riaperture, Draghi: coprifuoco alle 23 e dal 21 giugno abolito

La proposta di Draghi verrà discussa in queste ore, di seguito una possibile bozza.  Se ne discute in queste ore, la proposta del presidente Draghi...

Vaccino Covid, al via le prenotazioni per le annate 1972-1973

Aperte le prenotazioni per le persone nate nel 1972 e nel 1973. Le persone di 49 e 48 anni quindi da adesso potranno prenotare nei...

Iginio Massari alla ricerca di pasticcieri per la sua nuova pasticceria in Toscana

Il pasticciere più conosciuto d'Italia, Iginio Massari, è pronto ad aprire anche in Toscana una sua pasticceria. La nuova attività aprirà a Firenze e...

Strappa una collanina ad una donna: scippatrice seriale mette a segno l’ennesimo colpo

CASCINA. Un ladro seriale si aggira indisturbato per il territorio cascinese.  Molte le segnalazioni che giungono attraverso mezzo social, ultimo sul gruppo Facebook ''Sei di...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Valdera, muore a 43 anni di tumore

VALDERA. A soli 43 anni muore Michelle Guerrini, da circa 4 anni lottava contro un tumore. Michelle era originaria di San Marcello Pistoiese ma...

Dopo 21 giorni si è ancora contagiosi o si può tornare alla normalità?

COVID-19. È una domanda che molti si pongono: superati i canonici 21 giorni, in cui negli ultimi 7 non si sono manifestati eventi legati...