25.3 C
Pisa
venerdì 17 Settembre 2021

Violenze negli ospedali, a proteggere il personale sanitario arriva il dispositivo anti-aggressione

Arriva nell’AUSL Toscana nord ovest “Mydasoli”, un dispositivo per garantire la sicurezza di medici, infermieri e operatori sanitari toscani.

Un sistema di allarme sonoro da attivare in caso di aggressione per avvertire il servizio 118 e le forze dell’ordine. E’ quello che hanno avuto in dotazione i 70 medici della continuità assistenziale (la ex guardia medica) in servizio nell’AUSL Toscana nord ovest.

Il dispositivo di telesoccorso si chiama “Mydasoli” e ha lo scopo di garantire la sicurezza del personale sanitario rispetto al rischio di aggressioni, un fenomeno purtroppo presente contro i professionisti della sanità. Misure del genere sono del resto previste da uno specifico accordo regionale per la continuità assistenziale.

Al momento della consegna dei dispositivi ogni medico ha ricevuto la formazione e l’addestramento necessari al loro corretto utilizzo. Il dispositivo è configurato in modo da consentire, tramite un solo tasto, di far partire una chiamata in vivavoce al 118 di zona e inviare un sms con le coordinate di localizzazione, per permettere l’intervento nel caso in cui l’operatore coinvolto non sia in grado di dare indicazioni precise. Le forze dell’ordine possono intervenire su chiamata del 118.

L’operatore del 118 che riceve la chiamata invia un mezzo di soccorso sanitario nel luogo indicato dal medico in difficoltà e, se il medico di continuità assistenziale lo richiede oppure se dai rumori ambientali sorge il sospetto di una situazione di pericolo, è l’operatore di centrale 118 che richiede l’intervento delle forze dell’ordine.

“Garantire la sicurezza dei medici è il presupposto per garantire la sicurezza delle cure – dice Maria Letizia Casani, direttore generale dell’AUSL Toscana nord ovest – e questo principio deve valere sia per i medici di continuità assistenziale, sia per i medici, gli infermieri e il personale sanitario di tutte le strutture.”

“Come azienda, infatti, abbiamo anche assunto diverse iniziative, anche in sede penale, contro le aggressioni sia fisiche sia verbali nei confronti del nostro personale. Recentemente abbiamo segnalato al comando Nas dei Carabinieri l’utilizzo offensivo o verbalmente violento dei social (compresi Facebook e Whatsapp).”

“I primi provvedimenti sono già stati eseguiti nei confronti dei responsabili, con sanzione amministrative che possono raggiungere anche i 5mila euro. Continueremo a denunciare comportamenti violenti che costituiscano ipotesi di reato verso il nostro personale sanitario, per tutelarne l’impegno instancabile prestato al servizio dei cittadini, il cui valore è ancor più encomiabile in questo periodo di pandemia”.

Ultime Notizie

Ladre bloccate e arrestate a Pisa, una stava lasciando l’Italia

PISA. Acciuffate dalla Polizia di Frontiera due borseggiatrici atterrate al Galilei.Nel pomeriggio di martedì 14 settembre, la Polizia di Frontiera di Pisa ha arrestato...

Nuovi medici a Calcinaia, Bientina, Buti e Santa Maria a Monte

Medici di famiglia: la Asl Toscana Nord Ovest informa che : a Pisa e provincia arrivano Russo, Lenzi, Bracaloni e Massei.L'Azienda USL Toscana nord...

FiPiLi, riapre una corsia direzione Firenze, due direzione Mare, ecco quando

I lavori sulla SGC FiPiLi nel tratto in corrispondenza del km10+500 sono in via di conclusione.I lavori sulle opere strutturali in cemento armato, resi...

Ospedale Volterra, dopo le nubi arriva il sereno? Preoccupa la mancanza di cardiologi

VOLTERRA, VAL DI CECINA. Un incontro positivo, quello del Comitato Pro Ospedale e il sindaco di Castelnuovo Alberto Ferrini, avvenuto lunedì 13 settembre. "Siamo soddisfatti...

Museo Archeologico di Peccioli: diventerà l’unico della Valdera?

Potrebbe diventare il primo e unico Museo Archeologico della Valdera: c'è grande attesa per la risposta della Regione Toscana. Negli ultimi anni, Peccioli ha...

“Donare è vita” al ‘Piero Masoni’ di Fornacette

Sabato 25 settembre, un triangolare di calcio per promuovere la donazione di organi e tessuti. E’ tutto pronto al 'Piero Masoni' di Fornacette per sabato...

News più lette

Dolore e sgomento a Calcinaia e Pontedera, ci ha lasciato Daniela

VALDERA. Ci ha lascato Daniela Micheletti, persona conosciutissima a Pontedera e Calcinaia, dove insieme al marito Enrico ha gestito l'Edicolé, l'edicola del paese. Daniela,...

Quali sono i comuni della Valdera che rischiano la zona rossa locale?

LA VALDERA. Come anticipato (leggi QUI), nel nuovo decreto anti-Covid le zone rosse scatteranno con il raggiungimento della soglia dei 250 casi settimanali per...

Studente dell’università di Pisa sparito nel nulla, il padre: “Aiutatemi a trovarlo”

PISA. Francesco Pantaleo, studente di ingegneria informatica all'Università di Pisa, ha fatto perdere le sue tracce da sabato 24 luglio. Il giovane è uscito...

Stroncato da un malore, muore a 45 anni dipendente della Biancoforno

PONTEDERA. Se ne è andato alla sola età di 45 anni Paolo Vedovato.  Un malore, poi il ricovero all'Ospedale Lotti di Pontedera. Alcune complicazioni e...

Sgomento in Valdera, oggi l’ultimo saluto ad Antonella

Se ne va all'età di 67 anni, Antonella Barberis, insegnante di educazione fisica conosciutissima in tutta la Valdera. L'ultimo saluto alle ore 11, questa...

Sport e associazionismo in lutto, Santa Maria a Monte piange Rossano Lazzerini

SANTA MARIA A MONTE. Se ne è andato a 67 anni a causa di un male incurabile, Rossano Lazzerini.  Originario di San Giovanni alla Vena,...